Cultura e Musica

Fine settimana in giallo anche al teatro Don Bosco

Questo fine settimana, sabato 24 (ore 21) e domenica 25 (ore 16), sul palco del teatro Don Bosco ci sarà la compagnia di casa, ‘La Torretta’ di Savona, impegnata in una nuova avventura da brividi: un vero e proprio giallo. ‘L’alibi perfetto’, tre atti di Lorenzo Morena anche regista, vedrà il ritorno sulle scene di Alessandra Crescini, Marco Ventura, Sonia Arecco, Guido Chiappelli, Graziella Mottola, Mimmo Basuino, Aldo Curti, Mauro Roffinella e lo stesso Morena.

Nella famiglia Visconti, alta borghesia lombarda, con un colpo di pistola alla testa viene ucciso il temuto padrone di casa, ben poco amato anche da chi vive al suo fianco. Chi sarà quindi l’assassino? Un caso difficile, perché tutti hanno un alibi perfetto. Di sospettato in sospettato, da dipanare ci sarà un segreto che si cela nel cupo passato della vittima, e che solo qualcuno conosce. Decisamente non saranno giornate facili per i poliziotti che dovranno cercare di arrestare il colpevole.  Tutt’altro testo, invece, quello sviscerato nell’ultimo evento del Don Bosco: ‘Moaè segûa, poaè… incerto’, dialettale in tre atti di Stefano Palmucci, adattamento di Enrico Scaravelli. Avvincente commedia a cura della compagnia ‘San Fruttuoso’ di Genova (in foto), regia di Daniele Pellegrino, dove si cerca di far maritare di corsa una giovane ragazza rimasta incinta con il primo ‘tontolone’ che capita. Peccato però che il ‘settimino’ sia così grosso, ed abbia anche un colorito poco somigliante a papà e mamma… La protagonista Noris Fanti si muove con disinvoltura e scioltezza, sia quando deve comunicare che ‘il fattaccio è successo’ ai genitori, sia quando deve tentare, ammaliare, trascinare in cantina il povero Pancrazio. Brava Gianna Cevasco nei panni della genitrice che tutto risolve pur di non perdere la rispettabilità, e che si mette sagacemente in secondo piano, adulando il marito e suggerendogli al tempo stesso, felicitandosi con lui per la buona idea di far maritare di corsa la figliola. Luigi Massa è il credibile capofamiglia che si crede chissacché, che tradisce la moglie tutte le mattine alle sette, quando Filomena rimane sola in casa perché l’ingenuo consorte è già uscito di casa. Non contento, ruba pure sul raccolto del contadino tuttofare, passando da una spartizione per ognuno del 50%, ad una improbabile spartizione dei tre quarti a testa. E se Togno lavora come muratore in casa sua? Facile, basterà addebitargli pranzo e cena consumati per farsi addirittura pagare dal povero Togno, alias Claudio Pieraccini, convincente grullo simpaticissimo. L’uomo accalappiato è interpretato da Massimiliano Parodi (una mimica facciale eccezionale), che entra in scena attaccato alle vesti della madre come un bambino delle elementari, che sa dire solo due parole (Eh, già!), e che torna su dalla cantina trasognato e felice. Nel ruolo del prete che acconsente ad accelerare le nozze un grandioso Stefano Pastorino (nella foto con Fanti), sempre veloce a menar le mani: formidabile nel lasciarsi trasportare dal suo passato, tanto da equivocare ed immaginare che la giovane si voglia fare suora anziché sposarsi, pronto nell’intervenire con le penitenze per questo e quella, capace di dire e non dire…, minacciando palesemente chi imbroglia il credulone del paese. Sul palco anche Alessandro Sasso (il dottore perennemente ubriaco), Mariella Buonasora (la moglie di Togno), Lorenzo Ionata (interessato ad un nuovo matrimonio) e Cinzia Lamponi (madre di Pancrazio). Qualche neo? Proprio pochi: forse qualche istante di distrazione di Fanti nel terzo atto o la mancanza di un po’ di malignità di Buonasora quando apre gli occhi alla suocera, ma è stata una serata davvero eccezionale, con tutto il pubblico entusiasta che commentava favorevolmente all’uscita. Una compagnia che merita di essere seguita.

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: