Attualità

Forte calo nel Nord Ovest dei consumi di energia

Nel mese di giugno 2012 – in piena sintonia con la fase recessiva attraversata dall’attività produttiva italiana – la richiesta di energia elettrica in Italia ha raggiunto i 27,3 gigawattora, ovvero miliardi di chilowattora), in diminuzione dello 0,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Lo rende noto Terna, specificando che la variazione della domanda rettificata risulta pari a –0,9%, valore ottenuto depurando il dato da un debole effetto della temperatura. Rispetto al 2011, infatti, la temperatura media mensile è stata leggermente superiore e si è avuto lo stesso numero di giorni lavorati (21)

.
In aumento, a giugno, le fonti di generazione eolica (+7,7%) e fotovoltaica (+183,4%), mentre sono scese quella idroelettrica (-15,6%),termoelettrica (-3,0%) e geotermoelettrica (-2,3%). La produzione netta interna (24,2 miliardi di chilowattora) è scesa dello 0,3% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. In diminuzione (-0,8%) anche le importazioni di energia dall’estero. A livello di ripartizioni territoriali l’energia consumata nell’area Nord Ovest (Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta) è stata nel mese di maggio inferiore del 7,8% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, dato che è in controtendenza rispetto a gran parte delle altre aree. A livello di macroregioni, il dato del Nord Ovest è il peggiore in assoluto, seguito dalla Sardegna (-7,4%). Nel primo semestre 2012 il valore cumulato della produzione nazionale netta (140.262 GWh) risulta in diminuzione del 2,5% rispetto allo stesso periodo del 2011. Il saldo estero permane negativo (-3,6%). Complessivamente, esclusi i pompaggi, i consumi di energia elettrica con 160.839 GWh hanno fatto segnare nella prima metà dell’anno una diminuzione del 2,8% rispetto al 2011. A livello territoriale, la variazione registrata tra i primi sei mesi del 2012 e il corrispondente periodo del 2011 è stata pari al –6,4% per quanto riguarda l’area Nord Ovest, in forte controtendenza rispetto alla Lombardia (+0,9%) che si conferma l’area più dinamica a livello nazionale.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: