Attualità

Fronte del porto

L’Autorità Portuale di Savona è un Ente pubblico non economico istituito con la legge n. 84 del 1994, i cui obbiettivi sono rafforzare le attività portuali e valorizzare il waterfront per nuove funzioni e attività. Questa è la più importante struttura produttiva pubblica oggi presente nel savonese e nel suo entroterra.

L’Assoporti (che è l’associazione di categoria dei Porti Italiani) ha recentemente approvato un indirizzo strategico per il rilancio della portualità nel quale si stabilisce che i porti italiani devono evolvere passando dal modello industriale a quello “logistico-industriale” . Per corrispondere ai compiti che già la legge n.84/1994 attribuisce all’Autorità Portuale ed essere all’altezza di quelli nuovi che Assoporti va delineando, è necessario che chi assume le funzione di Presidente di questo Ente sia anzitutto un manager la cui esperienza in materia di gestione economico-finanziaria di Strutture industriali sia documentata e obbiettivamente riconosciuta. Nelle terne presentate al Presidente della Regione da parte degli Enti Locali Savonesi e delle Associazioni delle categorie interessate e della Camera di Commercio vie erano due avvocati e un Ammiraglio. Il Ministro Passera ha indicato l’Ammiraglio ed il Presidente della Regione si è opposto. A mio giudizio con ragione! Io sono un conservatore con alcune idee sclerotizzate cui sono affezionato. Fra queste vi è il convincimento che i militari debbano stare nelle caserme. Lì hanno imparato a gestire le risorse in un certo modo e a ragionare di conseguenza; questo modo di gestire e questo modo di ragionare non hanno niente a che vedere con quello che succede nel mondo dell’economia produttiva. Se poi vogliono cimentarsi in altre attività sono liberissimi di farlo purchè se ne assumano il rischio in prima persona e non a carico del contribuente. Inoltre che un Ammiraglio sia un esperto di portualità e, quindi, per definizione un buon manager di Ente portuale è un’affermazione apodittica. Con lo stesso criterio dovremmo dire che un macchinista delle ferrovie può essere (essendo un esperto di treni) un ottimo dirigente ferroviario e così via. Ho letto un breve curriculum dell’ammiraglio Felicio Angrisano dove si legge che, oltre alla competenza specifica in materia di navi, navigazione, ecc, è un esperto di “gestione tecnica portuale” e “sicurezza in ambito marittimo”.
Ora non c’è dubbio che un Ammiraglio sappia con precisione che cos’è un “biscaccina” e lo sapesse anche prima che il Capitano di fregata De Falco lo rendesse (tramite la televisione) di dominio pubblico. Ma non credo che questo sia determinante nel giudicare il bagaglio di conoscenza e di esperienza necessario per governare un Ente che ha come obbiettivo un’attività “logistico-industriale”. Inoltre recentemente al posto di Direttore dell’Autorità portuale di Savona è stato nominato un Colonnello della Guardia di Finanza. Con un Ammiraglio alla Presidenza la militarizzazione dell’Ente sarebbe completa. L’ing. Canavese, che è stato direttore prima e presidente poi dell’Ente porto di Savona, ha impresso una svolta all’attività di questo Ente che era sconosciuta ai Presidenti che l’hanno preceduto e dei quali pochissimi ricordano i nomi, perchè la loro presenza ha inciso come una goccia d’acqua su una piastra rovente. Premesse queste considerazioni, era lecito sperare che per sostituire l’ing. Canavese si dovessero indicare nomi ampiamente condivisi, confrontando i curriculum e valutando comparativamente le capacità manageriali negli incarichi già svolti. Invece quelli presentati dagli Enti savonesi erano nominativi indicati per ragione di parte che nulla hanno a vedere con la gestione dell’ Autorità Portuale. Oggi siamo in presenza di una situazione di stallo che non lascia sperare nulla di buono e vi è il fondato timore che venga scelta una persona paracadutata da altri territori ed altre realtà che, come minimo, impiegherà un po’ di tempo per approfondire la conoscenza dei problemi e delle soluzioni prospettate o prospettabili ed entrare in sintonia con gli Enti e gli operatori savonesi del settore. La speranza è che essendosi risolto il problema del Vice Sindaco di Savona ed essendo ormai decisa la soppressione (di fatto) della Provincia, ci siano meno vincoli politici a concordare una terna di nomi condivisi possibilmente anche savonesi : ci sarà pure qualcuno di Savona (anche oltre ai soliti “geni compresi”) che sia in grado di garantire la professionalità, la capacità di effettuare scelte condivise e l’autorevolezza necessarie per gestire al meglio un Ente che è fondamentale per il futuro della nostra comunità.
Lorenzo Ivaldo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: