Please assign a menu to the primary menu location under menu

ECONOMIASAVONA

Funivie e Sanac: crisi senza fine

Si richiedono interventi del ministero da parte di molteplici parti

Certo non va tutto bene come per la nautica da diporto,  nel panorama industriale ligure. Giovedì  22 settembre scorso i sindacati confederali (Cgil, Cisl e Uil), i Comuni di Savona e Cairo, insieme con la Provincia e con l’Unione Industriali Di Savona,  a seguito di una riunione tenutasi presso il Palazzo comunale di Savona, per un  tavolo di coordinamento provinciale concernente la vertenza delle Funivie Spa, hanno inviato una lettera ai ministri Giovannini e Orlando chiedendo ancora l’intervento diretto, definito “urgente e non più differibile“, del Ministero per le Infrastrutture e la Mobilità Sostenibile per la ripresa dell’attività delle Funivie  e pertanto del trasporto via funicolare tra il porto di Savona  e gli stabilimenti della Val Bormida.

Si richiede quanto già concordato nell’ incontro del 22 agosto scorso presenti il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti con gli assessori Benveduti e Berrino, i sindacati confederali con le relative categorie dei trasporti, i comuni interessati di Savona e Cairo, Confindustria, Autorità Portuale e il senatore Ripamonti.  La crisi di governo che ha preceduto le elezioni odierne,  ha sospeso ovviamente un iter già non facile pur se, come espresso nella lettera “… esistono emergenze sulle quali è necessario intervenire immediatamente e per le quali sono indispensabili risposte ancor prima dell’avvio della nuova legislatura e dell’insediamento del nuovo Governo“.

Sono sessanta i lavoratori coinvolti  e,  nell’imminenza della scadenza delle garanzie degli ammortizzatori sociali e senza tempi certi per la procedura di rinnovo, la situazione sembra “resa ancora più complicata a seguito dell’effettiva revoca della concessione a Funivie Spa a seguito della quale bisogna individuare ed attuare le procedure di passaggio di tutti i contratti di lavoro in forza alla Società Funivie Spa alla gestione commissariale“,  si ritorna sul il ritardo nell’avvio dei lavori di ripristino della linea, “previsti per l’inizio dell’estate e fermi perché mancano le risorse economiche per la realizzazione dei lavori propedeutici al ripristino dell’impianto“,  e si sottolinea la mancanza degli iemendamenti dedicati all’ultimo decreto sulle Infrastrutture, necessari per  “… attribuire al commissario la necessaria dotazione economica per la realizzazione dei lavori citati al punto precedente e degli ulteriori interventi comunque propedeutici alla ripartenza dell’impianto“.

E la designazione del commissario, per cui pare già si faceva il nome del presidente incarica dell’Autorità di Sistema Portuale, Emilio Paolo Signorini, viene richiesta con certezza: “La sua nomina ufficiale, che ci auguriamo essere davvero imminente, rischia di essere effimera senza che egli venga messo nelle condizioni di poter operare al meglio“. La viabilità non rimane esclusa dall’appello delle parti poichè nell’impianto costituito dai vagonetti di trasporto in sospensione si intravvede la fondamentale funzione di sostenibilità per alleggerire il traffico pesante sulla Sp29 del Cadibona e così in merito si esprimono le parti: “Il flusso dei mezzi pesanti, soprattutto con l’avvicinarsi della stagione delle piogge, potrebbe provocare, come già successo in passato, situazioni di forte disagio e pericolo. I tempi di ripristino della linea funiviaria, a maggior ragione se si annunciano più lunghi del previsto, non impediscono l’utilizzo del vettore ferroviario per il trasporto del fossile e delle altre rinfuse, utilizzo che deve essere incentivato e accelerato senza ulteriori esitazioni” .

Un’altra crisi silente, per così dire, e che si trascina ormai da cinque anni , riguarda la Sanac di Vado Ligure, per tentare la definizione della quale  ha chiesto un incontro, tenutosi alle suole medie di Vado Ligure,  il capogruppo di “Vado… di tutti”,Pietro Bovero; vi hanno partecipato il sindaco di Vado Ligure, Monica Giuliano, il vicesindaco Fabio Gilardi, il sindaco di Quiliano Nicola Isetta, il consigliere e segretario del Pd di Vado Alessandro Oderda, i delegati di Cgil e Cisl, il segretario generale della Cgil Savona Andrea Pasa e una rappresentanza di lavoratori.

Anche  in questo caso si è addivenuti alla decisione di preparare una lettera da inviare al  Ministero dello Sviluppo Economico.  Così si è espresso in merito Andrea Pasa, segretario generale della Cgil di Savona;

Siamo preoccupatissimi, siamo di fronte ad una tempesta perfetta, c’è il rischio che anche le crisi industriali non risolte del  savonese in questi anni possano esplodere, una di queste è Sanac e ci aspettiamo delle risposte da parte dell’amministrazioni locali, provinciali, regionali e dal Governo. E’ una vergogna che dopo 5 anni non si sia risolta una questione di questo tipo, Sanac come le altre vertenze sono strategiche per tutta Italia e per questo che la Regione deve avere più autorevolezza quando si parla di crisi industriali. Per questo abbiamo chiesto la convocazione di un tavolo sullo sviluppo economico alla Provincia, siamo stati convocati il 6 ottobre e pretenderemo risposte e prese di posizioni da parte dell’amministrazione provinciale.”  Pasa afferma, un certo spirito polemico che il ministro competente Giorgetti “…è stato in totale assenza di ogni vertenza del savonese seppur sollecitato non solo dai lavoratori e dal sindacato ma anche dalla Prefettura. Negli ultimi due anni non ha convocato nessun incontro che riguarda le vertenze della provincia ma la cosa più preoccupante che neppure quando il presidente della Regione o gli assessori regionali chiedono un incontro questo viene calendarizzato. Come dire: manca anche l’autorevolezza della politica regionale a far sì che i ministeri possano convocare i tavoli utili per la convocazione di troppe crisi del savonese“.

 

Immagine storica delle Funivie da Stagniweb

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: