AttualitàCultura e Musica

Gallinara: apparterrà allo Stato

 Lo Stato Italiano ha esercitato, in extremis, il diritto di prelazione per l’acquisto dell’isola di Gallinara, la famosa “tartaruga “, che si leva dalla distesa marina, al largo della Riviera ligure di Ponente, di fronte alle città di  Albenga, Comune al quale appartiene e di Alassio (Savona). Deve essere ancora espletata la parte ufficiale, ma il ministero dei Beni culturali, sotto le direttive di Dario Franceschini, ha deciso di intervenire per la parte più rilevante della vendita, dove si trova la grande villa storica padronale e altri edifici. esercitandovi  il diritto di prelazione, con l’obiettivo di renderla pubblica e aperta ai visitatori.

Lo Stato vuole così porre uno stop  all’operazione immobiliare sull’isola promossa dal magnate ucraino Olexandr Boguslayev, 42 anni, residente a Montecarlo ma con cittadinanza di Grenada, figlio del presidente della Motor Sich, noto fornitore dell’aviazione russa.

L’operazione, per complessivi 25 milioni di euro, era divisa in due parti. Boguslayev,  all’inizio di agosto, aveva rilevato le quote della società proprietaria della parte bassa dell’isola per 10 milioni di euro e aveva acquistato gli immobili dai proprietari per 15 milioni di euro. Su questa seconda parte lo Stato ha deciso di esercitare la prelazione. L’acquisto statale lascia all’imprenditore ucraino la parte più selvaggia dell’isola, di fatto inutilizzabile a causa dei vincoli ambientali e paesaggistici e della manutenzione, che si ritiene molto onerosa.

“La notizia è trapelata a livello nazionale in modo prematuro. Per una questione di rispetto verso le autorità e verso il corretto svolgimento dell’iter ministeriale sarebbe stato opportuno attendere prima le parole ufficiali del ministro Dario Franceschini. Tuttavia, ho parlato con la Sovrintendente e, seppur nulla sia stato ancora pubblicato a livello di Gazzetta Ufficiale, pare che la pratica di prelazione sia già stata avviata, attendiamo sviluppi nelle prossime ore”, così l’imprenditore Boguslayev.

Il sindaco di Albenga, Tomatis, così si esprimei: “L’emozione è fortissima, c’è la sensazione di avere contribuito a fare veramente qualcosa di grande e di importante per Albenga”.

La storia dell’isola, che prende il nome dalle galline selvatiche che la popolavano nell’antichità, come riportano Catone e Varrone, è legata alla presenza di san Martino di Tours, che vi si rifugiò verso la fine del IV secolo; sede di un monastero, probabilmente si trovava al centro di traffici commerciali con la Francia. Dopo le invasioni saracene del IX e X secolo, il monastero venne ricostruito dai benedettini. Proprietà della Chiesa fino al 1842, l’isola fu poi venduta a privati riuniti in una Società a responsabilità limitata che riuniva nove famiglie liguri e piemontesi.

Il 17 giugno il passaggio di proprietà a una società di Montecarlo controllata dal magnate ucraino. L’isola, a 1,5 chilometri dalla costa, è riserva naturale dal 1989. La notizia dell’acquisto da parte del l’imprenditore russo era stata resa nota ai primi giorni di agosto. Il ministro Franceschini si era detto favorevole a valutare l’esercizio del diritto di prelazione. Il vicepresidente della commissione giustizia alla Camera Franco Vazio aveva poi ribadito l’interesse del ministro: «L’isola di Gallinara dovrà diventare un bene pubblico, da tutelare e conservare, e soprattutto dovrà essere fruibile a tutti, perché patrimonio della nostra storia e della nostra comunità».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: