Attualità

Gaslini: dure critiche di sindacati e gruppi di opposizione sull’affidamento ad esterni di farmacia ed economato

Ha suscitato un vero vespaio il progetto dell’Amministrazione dell’Ospedale Gaslini di Genova di affidare in appalto – esternalizzare, come si dice, – i servizi di farmacia e di economato.  Così già si era espressa la R.S.U. del personale ospedaliero: “Le Organizzazioni sindacali aziendali dopo aver inviato all’Amministrazione una nota di netta contrarietà della paventata volontà di esternalizzare il settore, hanno convocato l’assemblea dei lavoratori e lavoratrici interessate/i il giorno 14 ottobre, raccogliendo in loro tutta l’ansia e lo scoramento, di chi vede non considerato lo spirito di abnegazione fornito non solo nella prima ondata della pandemia, ma dimostrato da sempre nonostante la cronica carenza di personale e l’incapacità della dirigenza a dare una efficace organizzazione del lavoro. Dipendenti che hanno lavorato con tanto spirito di sacrificio affinché l’eccellenza e la mission proprie del Gaslini non si perdessero, mentre hanno la forte consapevolezza che tutti i loro sforzi potranno venir meno, di fronte ad una gestione privata.

Ne sono un lampante esempio i servizi ad oggi in appalto che abbassano la qualità delle prestazioni ma quasi mai i costi, se non quelli a scapito di quegli operatori e operatrici.

L’assemblea dei lavoratori e delle lavoratrici ha votato all’unanimità per la salvaguardia del ruolo e del lavoro pubblico, rigettano qualsiasi ipotesi di appalto e nel contempo chiedono all’Amministrazione Gaslini, di bloccare ogni atto e/o decisione di avvio delle procedure di privatizzazione e comunque di riportarne la discussione con le OO.SS. almeno alla fine emergenza, che in oggi vede tutti i / le dipendenti , nessuno escluso, impegnati in prima linea per rendere un servizio efficace alla comunità.

La RSU intende chiedere altresì al Direttore Generale e al Presidente dell’Istituto Gaslini le motivazioni che giustificano la volontà di appaltare e i costi/benefici che ne potrebbero derivare, argomenti ancor oggi sconosciuti ai rappresentanti dei lavoratori e delle lavoratrici.

Ricordano che la chiusura dei servizi di fatto taglia occupazione e in particolare al Gaslini sarebbe causa di licenziamenti del personale precario che ad oggi opera presso questi servizi.

La RSU ritiene incomprensibile l’atteggiamento dell’Amministrazione in netta contro tendenza con le altre grandi realtà ospedaliere della nostra città quali ad esempio, ASL3 e San Martino che invece puntano al mantenimento della gestione pubblica di questi settori ritenuti essenziali, arrivando a promuovere nuove assunzioni e relativi concorsi o selezioni.

La coscienza morale civile dei lavoratori e delle lavoratrici addetti dell’ospedale Gaslini impedisce di attuare tutte le forme di lotta atte a difendere il loro lavoro, la loro dignità, la professionalità ed un futuro occupazionale per le giovani generazioni, in quanto si è consapevoli della delicatezza del momento.

Confidano che anche il presidente e il CDA siano mossi dallo stesso spirito e possano accogliere le istanze poste dai loro rappresentanti sindacali.

Altresì vi fossero risposte negative verrà comunque dichiarato lo stato di agitazione.”

A tale risentita presa di posizione si aggiunge la nota congiunta dei due gruppi del Partito Democratico e di Linea Condivisa in Consiglio regionale che così afferma:

Riteniamo incomprensibile la scelta dell’ospedale Gaslini di puntare all’esternalizzazione di servizi essenziali come la farmacia e l’economato. Un orientamento che la direzione dell’ente ha comunicato alla rsu il 22 settembre scorso” e che viene considerato”in totale controtendenza con quanto accade nel resto dell’Asl 3 e al San Martino dove, invece, si punta alla gestione pubblica di questi settori ritenuti strategici ed essenziali, arrivando a promuovere nuove assunzioni e naturalmente concorsi e selezioni“.

Siamo d’accordo con la rsu del Gaslini –così ancora i consiglieri regionali del PD, Luca Garibaldi e Pippo Rossetti e il capogruppo di Linea Condivisa, Gianni Pastorino – quando dice che i servizi oggi resi in appalto abbattono sempre la qualità della prestazione e quasi mai i costi, finendo per ricadere sulle spalle degli operatori e delle operatrici. Ci uniamo quindi alla richiesta sindacale di bloccare una decisione che, peraltro, ci pare ancora più inopportuna e inaccettabile a fronte della grave emergenza sanitaria che stiamo attraversando. In questa situazione è impossibile avviare una discussione corretta tra il sindacato e la direzione”.

Come forze politiche in Consiglio regionale chiederemo naturalmente anche alla maggioranza che governa questa Regione se ritiene una scelta di qualità che un istituto di eccellenza come il Gaslini privatizzi o esternalizzi servizi così delicati e strategici.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: