AttualitàCultura e Musica

Gatazè, luogo del cuore!

Così si leggeva, stamattina, sulla pagina Facebook del Comune di Urbe:”Ieri, in una meravigliosa giornata autunnale come solo dalle nostre parti si può assaporare, è stata fatta una piccola grande opera: mettere in sicurezza, per il prossimo inverno, la cappella della Gatazé. Per Urbe si tratta di un simbolo, l’emblema della nostra resistenza e resilienza nel continuare pervicacemente a vivere qui. Nonostante tutto e tutti, quotidianamente, ci complichino l’esistenza e cerchino di farcene scappare la voglia…Questi piccoli grandi gesti di comunità riconciliano con la vita di paese che non è divisione ma solidarietà e collaborazione. Cacciatori e non, di destra e di sinistra, della lista 1, 2 o 99, di qualsiasi frazione, tutti uniti per preservare un nostro bene, tramandatoci da generazioni e generazioni. Nelle prossime settimane concorreremo al bando europeo, che finalmente si apre dopo due anni di attesa, e che dovrebbe darci i fondi per mettere definitivamente in sicurezza la cappella e costruire una passerella pedonale sul Rosto” .

Non si riesce a comprendere se prevalga la commozione o l’ammirazione a leggere queste brevi note, dove si coglie forte uno spirito di appartenenza, di amore per le cose che ci ha lasciato il passato, di attaccamento pervicace alla proprie radici culturali e di volontà di difenderle, proiettandole. dal nostro microcosmo, nel grande contesto di cui facciamo parte, perchè saranno fondi europei, ed ancora ne ribadiamo il valore e l’importanza, a venire in soccorso al piccolo-grande patrimonio locale, dove si assaporano nomi suggestivi: “Gatazè”, “Rosto”…

La borgata di Gatazè, a Urbe , è luogo storico; vi si segnalano remniscenze del tempo dei Longobardi, è punto di passaggio di pellegrini, da tempi remoti, che percorrevano la “via dell’Orba”, legato poi alla presenza del marchesi Raggi, che vi costruirono una palazzina di caccia, ora in rovina, a seguito di un disastroso incendio divampato nell’estate del 1968; furono i marchesi ad edificare la cappella, dedicata a Nostra Signora delle Grazie, privata ma aperta al pubblico; la stessa famiglia Raggi ottenne in enfiteusi, per parte di uno dei suoi membri, il Cardinale Lorenzo, nel 1648, la non lontana e veneranza Abbazia di Tiglieto. La Cappella è pertanto un prezioso reperto di un ragguardevole ed interessante Passato.

Urbe riguarda anche lo scrivente; gli antenati Siri di papà,  venivano da Urbe; del resto il cognome attesta la provenienza da quelle località di montagna. Non vado spesso a Urbe mentre Sassello è una meta frequante; come dico talvolta a mio fratello o a mia sorella e ripeto ai miei cognati,,,”è il nostro paese e  non ci andiamo mai!” Devo imparare a recarmi pù frequantemente in quella che, anche per me, è una culla d’origine!

Ricordare la Cappella di Gatazè, In queste giornate del FAI, nei cui luoghi già vi figura, è ancora più significativo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: