Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀECONOMIAREGIONE

Genova Blue District, aperto il bando per individuare progetti innovativi per la vetrina dell’Ocean Race The Grand Finale

Apre il bando “Call For Innovation- Lo sport nella blue economy “nell’ambito del progetto Verso The Ocean Race; innovazione, Sostenibilità, Impresa rivolto a piccole e medie imprese, pmi innovative, start up innovative e start up innovative a vocazione sociale finanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo attraverso Job Centre, soggetto gestore del Genova Blue District. Il bando, scaricabile dal sito genovabluedistrict.com, nasce in collaborazione con il team The Ocean Race Genova The Grand Finale 2022-23, che ha il compito di organizzare la tappa finale della più famosa e dura regata intorno al mondo in equipaggio che arriverà per la prima volta in Italia, a Genova, a fine giugno del prossimo anno, dopo 6 mesi di navigazione e circa 32.000 miglia percorse. Il bando si inserisce nel più ampio contesto del progetto “Verso The Ocean Race” sostenuto da Fondazione Compagnia di San Paolo e Fondazione Carige. Il bando prevede per i vincitori, il supporto tecnico di I3P – Incubatore del Politecnico di Torino; i progetti selezionati riceveranno un contributo economico da 40.000 a 200.000 euro, un servizio di accompagnamento imprenditoriale a cura dell’Incubatore del Politecnico di Torino (I3P), un servizio di accompagnamento e supporto alla comunicazione per la partecipazione all’Innovation Village, il Padiglione dell’innovazione che sarà allestito dal Genova Blue District per l’arrivo della regata a Genova dal 24 giugno al 2 luglio 2023. Ogni proponente dovrà utilizzare la partecipazione all’Innovation Village per raggiungere partner e investitori, per aprirsi a nuovi mercati e per far provare esperienze di innovazione sostenibile ai visitatori, creando un piano di attività dimostrative, che sarà poi messo a punto durante la fase di assistenza e armonizzato con l’agenda e il layout dell’Innovation Village. Il progetto “Verso The Ocean Race” si fonda sui principi dell’innovazione, sostenibilità, sport del mare e impresa e rientra nel Protocollo quadro tra il Comune di Genova e la Fondazione Compagnia di San Paolo, per la realizzazione di programmi strategici per il rafforzamento e la sostenibilità di processi e progetti nei settori della cultura, delle persone e del pianeta e per realizzare gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

“Questo è un evento importante ed il progetto richiama l’arrivo dell’Ocean Race nel giugno 2023”, dichiara Federica Cedro per l’organizzazione del lavoro, “e l’amministrazione comunale attua una sorta d’innovazione per chiamare a raccolta sul territorio i temi dell’innovazione legati alla blue economy. La prima fase del progetto era dedicata alla blue vision con dialoghi, incontri e dibattiti mentre la call porta alla fase successiva”.

Stessa soddisfazione da parte di Francesco Maresca, assessore al Porto e Politiche del Mare :”Ringrazio i presenti ricordando che due anni fa il Blue District è stato aperto e da allora realizziamo eventi per lo sviluppo dell’economia del mare anche attraverso call; tante sono le cose fatte e tutto ciò è molto importante nel percorso di sviluppo dell’Ocean Race la cui finale sarà nel 2023. Ringrazio la Fondazione Carige e la Fondazione San Paolo ricordando che la call sviluppa progetti legati all’innovazione ed i fondi messi a disposizione dagli sponsor e dal Politecnico di Torino ci faranno lanciare il progetto nel mondo del lavoro; tutto ciò permetterà di valorizzare progetti e start-up che porteranno idee sul territorio. Il Blue District è famoso a livello nazionale per i progetti innovativi e lavoriamo con diverse realtà; la call ha in sè il rilancio dei giovani e dell’economia del mare e si collega all’attuazione dei piani di sviluppo del mare per lo sport. In questo modo i giovani possono far crescere i loro progetti ed avremo importanti collaborazioni come quella con il Politecnico di Torino; è fondamentale portare l’economia del mare verso nuovi orizzonti”.

“Ringrazio chi ha iniziato questo progetto dicendo che è assurdo fare una call senza una struttura che supporta tutto”, sottolinea l’assessore allo sviluppo economico Mario Mascia, “e tutto ciò ha in sè mare, acqua, sport ed innovazione, temi molto importanti per lo sviluppo economico della città. Rivolgo un sincero grazie alle fondazioni che ci aiutano dicendo che tutto ciò avrà una grande ricaduta economica sul territorio; la call ha come obiettivo principale la creazione di posti di lavoro attraverso le piccole e medie imprese. E’fondamentale formare professionalità specifiche per il settore del mare e tutto ciò è la strada giusta per aiutare Genova; dal mare arriva la risposta alla domanda di crescita della città e creare un hub digitale è un’ottima soluzione. La finale di Ocean Race è un’ottima occasione per lanciare una call dedicata agli operatori che vogliono ripartire”.

“Porto i saluti dei vertici della Compagnia dicendo che uno dei nostri asset strategici è quello di rendere qualcosa al territorio che ci ha dato tanto”, afferma Nicoletta Viziano, componente del Comitato di gestione della Fondazione Compagnia di San Paolo, “ricordando che questo progetto è importante per i giovani perchè darà loro speranza e futuro e tutto ciò è una delle nostra mission. Dal 2019 appoggiamo il Blue District che è un progetto strategico e la call dedicata all’Ocean Race è un’importante occasione per dare una vetrina internazionale alle start-up; abbiamo un importante rapporto con l’università che ci permette di fornire opportunità di crescita. La compagnia è presente al fianco del comune e del Blue District; abbiamo una particolare attenzione per l’innovazione ed è necessario accelerarla con i giovani che sono il nostro futuro. Tutto ciò è importante per la città, la fondazione e coloro che si mettono in gioco; abbiamo risultati concreti ed immediati con grandi idee”.

“Noi abbiamo vissuto tutto il percorso dall’inizio seguendo ogni fase con interesse e tutto questo è un esempio pratico di cosa significa fare sistema”, evidenzia il presidente di Fondazione Carige Paolo Momigliano, “e con l’aiuto della fondazione e la volontà dell’amministrazione comunale si vuole creare innovazione. Tutto ciò traccia la strada della sinergia per ottenere risultati creando opportunità e ricchezza per il territorio; questa è per Genova la strada giusta”.

“La base della call è fondamentale così come il village e tutte le sue opportunità senza dimenticare le soluzione per attuare le idee sostenibili”, prosegue Marina Sannipola, project manager di Job Centre, soggetto gestore del Blue District, “e la call è concentrata nell’ambito dello sport per trovare soluzioni. Sono diversi i settori di interesse tra cui benessere, accessibilità, fruibilità, materiali di riuso ed energia; lo sport si può inserire in ogni settore senza dimenticare l’inclusione e ragioniamo per obiettivi valorizzando le risorse e rendendole accessibili. E’necessario coinvolgere gli sportivi su questo tema senza dimenticare l’uso delle tecnologie green con un corretto impiego e smaltimento dei materiali; chi partecipa sceglie la direzione in cui andare ma è necessario integrarsi con sistemi esistenti. Vogliamo realizzare progetti tangibili ma devono essere concreti e dimostrabili; la call non finanzia la ricerca ed è una chiamata a livello nazionale con ricadute sul territorio. Ci sono attività business to business e business to customer e sono stati stanziati 800.000 euro potendo ricevere da 40.000 a 200.000 euro; i vincitori saranno accompagnati e supportati e sulla pagina web del Blue District è presente una sezione specifica”.

“Sono contento di partecipare e la nostra realtà è un partner tecnico del progetto”, commenta Enrico Ghia in rappresentanza del Politecnico di Torino, “ma voglio ricordare che faremo assistenza tecnica supportando i partecipanti a sviluppare il progetto. Tutto ciò avrà un grande impatto sul territorio che deve continuare nel tempo e spero che il progetto sia un successo”.

“La call è molto importante poichè questo evento sportivo non deve essere sottovalutato; tutto ciò è un traino per l’innovazione, il cambiamento e la sostenibilità  ricordando che l’Ocean Race usa lo sport per parlare di questi temi e spero che i giovani possano portare progetti innovativi per il settore. Il nostro lavoro con il Blue District è importante e si capisce il valore dell’evento che è un volano per il territorio; la call interpreta i nostri capisaldi e la gara si evolve rendendo centrale la sostenibilità e facendo passare lo sport in secondo piano. La gara partirà il 15 gennaio da Alicante e arriverà a Genova il 24 giugno 2023 dove ci sarà l’Ocean Life Park”, conclude Marialinda Brizzolara, direttore commerciale di The Ocean Race.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: