Attualità

Genova, inaugurato il nuovo Ponte San Giorgio

E’ stato inaugurato, alla presenza delle più alte cariche dello Stato, dell’architetto Renzo Piano, dei rappresentanti dell’amministrazione regionale e dei rappresentanti delle aziende coinvolte, il nuovo ponte di Genova-San Giorgio realizzato in seguito alla caduta del Ponte Morandi avvenuta il 14 agosto 2018 nella quale persero la vita 43 persone.

“Saluto le autorità presenti dicendo che ce l’abbiamo fatta realizzando cosa promesso”, ha dichiarato il sindaco di Genova e Commissario straordinario per la ricostruzione Marco Bucci, “e ne siamo molto orgogliosi. Questo è un bel momento per la città anche se il pensiero va alle vittime ed ai loro familiari anche perchè tragedie di questo genere non devono ripetersi mai più; Genova non dimentica e sia la città che i cittadini hanno sofferto per la perdita del lavoro con importanti ricadute su Genova. Ci rimbocchiamo le maniche poichè bisogna crescere per essere competitivi e voglio ringraziare tutti coloro, circa 1200 persone, che hanno lavorato 24 ore al giorno 7 giorni su 7 conseguendo un importante risultato. Un sincero grazie va al Governo statale, alle aziende che hanno lavorato al progetto, tra cui Fincantieri, senza dimenticare Renzo Piano che ha realizzato un importante progetto. Proprio 528 anni fa un genovese importante, Cristoforo Colombo, partiva dal porto di Palos per andare alla scoperta dell’America e sono convinto che trasmetta un messaggio importante; Genova è un modello di successo che infonde un messaggio di fiducia, competenza e speranza”.

Stessa soddisfazione da parte del presidente della regione Liguria e Commissario Straordinario per l’emergenza Giovanni Toti :”Saluto i rappresentanti del Governo e delle aziende presenti dicendo che la pioggia di due anni fa e l’arcobaleno di oggi sono un evento simbolico; l’opera si appoggia tra due frasi molto significative mai più e sempre così. Mai più devono esserci morti perchè un ponte si sbriciola e aspettiamo giustizia e sempre così poichè tutte le opere devono essere fatte in questo modo con un importante impegno. Voglio ricordare un ligure importante, Enzo Tortora, che quando tornò in televisione disse “Dove eravamo rimasti?” e questo ponte unisce due sponde segnando la strada giusta”.

“Oggi è il giorno della commozione poichè questo ponte è figlio di una tragedia che non si dimentica ma il lutto si elabora e la coscienza diventa l’essenza stessa di cosa saremo”, afferma l’architetto e Senatore a vita Renzo Piano, progettista del ponte, “e ci ritroviamo qui per ringraziare chi ha realizzato questa magnifica opera. Io ho dato l’idea per un ponte che attraversi la valle in modo silenzioso passo per passo e da qui esce la forza di un Paese straordinario. Questo è il più bel cantiere che abbia mai avuto in vita mia e porgo a tutti la mia riconoscenza; siamo sospesi tra cordoglio ed orgoglio e per la ricostruzione si è parlato di un miracolo ma per me non lo è stato perchè l’Italia ha mostrato la sua parte migliore e nessuno si è lamentato. Costruire è molto bello e sono convinto che sia una magia invece che un miracolo perchè si dà forma ad una cosa che non c’era; costruire è l’opposto di distruggere e bisogna creare ponti anzichè muri poichè costruire un ponte è segno di pace e all’interno vi è la magia del cantiere nel quale cresce la solidarietà. Sono orgoglioso di questo progetto dentro al quale vi è passione ed amore e spero che il ponte sia amato ed adottato dalle persone facendolo diventare parte della loro quotidianità anche se sarà difficile perchè è l’erede di una tragedia; sono sicuro che sarà amato visto che è semplice e forte come Genova e gioca molto con le luci visto che su di esso si scopre la luce del mare e gioca con il vento e le diverse illuminazioni. Voglio ricordare una poesia di Giorgio Caproni intitolata “Genova di ferro ed aria” poichè vorrei che il ponte fosse visto così”.

“A due anni dalla tragedia siamo qui per l’inaugurazione del nuovo ponte ed il ricordo di quella giornata è ancora vivo in tutti noi ma un importante pensiero va alle 43 vittime ed alle loro famiglie. Il nuovo ponte, composto da 18 piloni, 43 lampioni (uno per ogni vittima) e 43 steli che si accendono per non dimenticare, ci restituisce forza e leggerezza ed è il frutto della forza del lavoro e del genio creativo italico. Una squadra di 1200 persone ha lavorato bene e quest’opera ha in sè un valore di riscatto che è figlio della forza di volontà necessaria a reagire. Genova deve ripartire e lo fa da qui; quest’opera è il frutto della collaborazione tra politica, aziende e lavoro mostrando il lato migliore del nostro Paese attraverso la collaborazione tra diverse forze votate al bene comune. Ringrazio il sindaco Bucci, il presidente Toti, l’ex ministro per le infrastrutture Danilo Toninelli e l’attuale ministra Marianna De Micheli, tutte le aziende coinvolte, tra cui Fincantieri, e gli operai. Questo è stato un modello operativo efficace nonostante l’emergenza sanitaria ed è doveroso promuovere una contestazione per gli adempimenti che hanno causato il crollo del ponte facendo un accordo per ridefinire la convenzione; stiamo lavorando per ridefinire la governance della società concessoria ed occorre tutelare l’interesse pubblico. Genova e tutta l’Italia hanno affrontato una pandemia da cui è derivata un’importante crisi per la quale abbiamo adottato misure a sostegno dei lavoratori e per la prima volta l’indebitamento comune serve per affrontare il futuro con strumenti importanti come la digitalizzazione e la sostenibilità ambientale. Genova riparte e confida nella forza del lavoro poichè questo è un Paese che sa rialzarsi, supera le difficoltà e torna a correre; voglio ricordare che nel 1945 Piero Calamandrei fondò una rivista dal titolo “Il Ponte” che aveva in sè lo scopo di ricostruire l’Italia dopo la guerra dando un contributo culturale per gettare un ponte tra il passato ed il futuro. Il primo numero di questa rivista diceva “Il nostro programma è già tutto nel titolo e nell’emblema della copertina: un ponte crollato, e tra i due tronconi delle pile rimaste in piedi una trave lanciata attraverso, per permettere agli uomini che vanno al lavoro di ricominciare a passare”; la vita riprende il suo corso e porta in sè l’unità morale dopo la crisi. Il ponte di Genova crea una nuova unità dopo la frattura del crollo ed occorre una nuova fiducia per riavvicinare i cittadini alle istituzioni ed allo Stato”, conclude il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: