Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Genova, presentati i nuovi progetti per le attività commerciali

Le attività commerciali sono molto importanti per la vita di una città perchè coinvolgono sia i cittadini che gli operatori del settore; la presenza di negozi può radicalmente cambiare la vita di un quartiere o di un’intera comunità.

“La nostra amministrazione ha lavorato con discontinuità verso il passato e continuità con il futuro”, dichiara l’assessore al commercio Paola Bordilli, “tanto che abbiamo modificato il regolamento comunale e dato contributi alle imprese come scelta politica. La tutela delle realtà commerciali è importante ed abbiamo lavorato su ogni mercato; nel 2017 abbiamo trovato solamente degrado e abbandono mentre oggi ogni mercato ha un suo progetto di riqualificazione strutturale con un’importante visione del futuro”.

“Per il mercato di Certosa una commissione ha valutato le domande ed abbiamo lavorato per la tutela del centro storico facendo, nel 2018, un’intesa commerciale”, prosegue l’assessore al commercio, “portando realtà di qualità in questa zona. Abbiamo stanziato incentivi per chi apre un’attività nel centro storico senza dimenticare il bonus caruggi; avere più aree con incentivi e tutele commerciali è importante ma voglio anche ricordare il Modello Genova per i dehors visto che noi siamo stati il primo comune italiano a mettere il suolo pubblico gratis. Abbiamo 60 giorni per la valutazione delle domande delle attività commerciali ma un mese è sufficiente e le spese di istruttoria sono troppo alte; i dehors combattono il degrado ed il suolo pubblico è importante per le fiere ricordando che il regolamento comunale su questo tema è vecchio ed il prossimo anno avremo una nuova classificazione delle aree mercatali. Tutte le fiere perse per la pandemia sono state recuperate e quello della gestione informatizzata dei mercati è un progetto importante; degno di nota è il legame con il turismo ed è importante legare quest’ultimo con le attività commerciali. Le nuove botteghe storiche, i locali di tradizione e di pregio sono fondamentali per il territorio ed a questa categoria è dedicato un importante capitolo di spesa; stiamo lavorando per definire alcune deco che sono molto importanti perchè rendono grande la città. Le dop e le doc sono diverse dalle deco e la panera, il dolce tipico genovese, può concorrere per la deco; gli aiuti per il centro storico sono importanti per tutto il territorio e l’ordinanza anti-kebab, apprezzata da tutto il centro storico, dalla regione e dalle associazioni di categoria, prevede che l’amministrazione può determinare la tipologia di attività che deve aprire essendo un’attività di qualità e potrebbe essere portata in altre zone della città. E’necessario valorizzare le tradizioni e sono state create tre nuove proloco sostenute, per la prima volta, da bandi; la tutela del commercio è fondamentale ed il Mercato dei Fiori, in precedenza situato presso la fiera, è stato collocato vicino ad SGM. I mercati coperti hanno tutti una specifica progettualità ma nonostante tutto quello di Sestri ha sempre avuto grossi problemi; il comune ha concesso gratuitamente alcuni locali nella zona di Prè per incentivare il commercio”.

“E’importante evitare vuoti commerciali ed i mercati fanno rivivere la città; il bonus centro storico ha portato ad avere più di 110 domande e 45 negozi aperti. Vogliamo replicare i sostegni in ogni centro storico e l’intesa commerciale consente l’apertura di attività legate alla qualità che deve essere replicata ovunque; è altresì fondamentale valorizzare le fiere per aumentare il turismo”, conclude l’assessore Bordilli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: