Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

Genova, presentati i progetti a favore delle fasce di popolazione in difficoltà

Aiutare le persone più deboli è necessario per le istituzioni pubbliche ed occorre stanziare a loro favore molteplici risorse senza dimenticare le diverse problematiche; il comune di Genova ha fatto notevoli investimenti in tal senso.

“Dal 2017 ad oggi sono stati raddoppiati i fondi destinati alle persone in difficoltà”, dichiara il consigliere delegato Mario Baroni, “e ad oggi abbiamo sul nostro territorio 461 minori stranieri non accompagnati e secondo la legge siamo obbligati a prenderli in carico dando 75 euro al giorno agli enti del terzo settore. La situazione è difficile da gestire ed abbiamo firmato protocolli con il Garante dell’Infanzia ed il Tribunale dei Minori; occuparmi di questo settore è una responsabilità importante ma è un’attività molto difficile. Abbiamo cinque aree di cura tra cui minori, senzatetto, anziani ai quali diamo un co-finanziamento per la sistemazione in rsa, disabili, stranieri; l’accompagnamento dei diversamente abili è importante e sarebbe utile estenderlo anche ai servizi non prettamente necessari ed il settore è stato messo a dura prova dalle grandi emergenze che ha vissuto la nostra città come il crollo del ponte, le alluvioni, i minori stranieri non accompagnati, i profughi afghani ed ucraini. Attraverso questo incarico ho conosciuto il mondo di 25000 persone in carico agli assistenti sociali; in merito agli ucraini voglio dire che le prime settimane dopo l’inizio della guerra abbiamo avuto tanto lavoro perchè doveva partire la macchina dell’accoglienza con le emergenze immediate. Dopo due settimane sono arrivati 138 sordomuti ucraini che abbiamo sistemato in hotel e per loro abbiamo fatto un percorso diverso dal normale stanziando circa 100.000 euro; la generosità dei genovesi, insieme alle associazioni, ci hanno aiutato molto. Nell’ultimo mese sono arrivate meno persone ed alcuni tornano a casa; cerchiamo una soluzione per chi ha offerto un’abitazione per un periodo temporaneo ma le persone si stanno integrando bene ed i bambini hanno frequentato le scuole.”.

“Io sono un consigliere con delega piena e l’assessorato c’è sempre stato; ora stiamo facendo un concorso per 35 nuovi assistenti sociali e tutto funziona bene”, conclude Mario Baroni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: