Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀPOLITICAREGIONE

Genova, presentato il nuovo Autoparco per l’autotrasporto

Il nuovo Autoparco Genova Sestri Ponente, che amplia gli spazi di sosta per l’autotrasporto, è stato presentato fornendo l’occasione per illustrare l’insieme dei progetti e misure su cui AdSP sta lavorando per migliorare l’accessibilità viaria alle aree portuali e sviluppare una logistica su gomma sostenibile e integrata con  le infrastrutture digitali di accesso ai gate e lo scambio di dati; l’assetto finale dell’autoparco prevede complessivamente 178 stalli che sono stati ritracciati di fresco essendo cambiato l’assetto distributivo per migliorare la funzionalità del layout: due file parallele alla pista di atterraggio/decollo della pista aeroportuale separata da 4 corsie da 4 metri cadauna e da relativi percorsi pedonali. Per quanto riguarda la sicurezza, l’autoparco è presidiato H24 dall’Istituto di Vigilanza e l’accesso è protetto da una sbarra automatica. Tutto il comparto è videosorvegliato da telecamere che ne garantisco la visuale complessiva: le riprese video sono visionabili sia in loco che da remoto e, se necessario dalla control room dell’Aeroporto di Genova; l’intero impianto di illuminazione è stato sostituito con proiettori a led, che garantiscono una migliore ed omogenea illuminazione riducendo le zone d’ombra pur senza interferire con la pista aeroportuale limitrofa. Tra gli elementi di valore, la qualità del manto e la pavimentazione che ha previsto una stabilizzazione a cemento in situ, ossia il terreno è stato una movimentato con appositi macchinari per una profondità di 30-35 cm, e consolidato con l’utilizzo di cemento Portland. Questa tecnologia consente l’incremento delle caratteristiche meccaniche del terreno; le prove su piastra hanno dato ottimi risultati che potrebbero consentire anche la sosta di automezzi carichi; infine, il progetto ha previsto la realizzazione di una linea di smaltimento acque meteoriche nell’ultimo tratto di strada di accesso all’autoparco per ridurre l’accumulo delle acque che potrebbero creare disagi ai veicoli, inoltre è stata predisposta una vasca di raccolta di prima pioggia per il trattamento delle acque.

“Questo nuovo sistema prevede la raccolta dell’acqua piovana senza dimenticare il consolidamento del terreno confinante con l’aeroporto”, dichiara Marcella Cogorno, direttore dei lavori, “ricordando che questa è una situazione difficile. Sono state posizionate luci per il risparmio energetico senza dimenticare due file di stalli paralleli; ognuno ha 18 metri per la manovra”.

Parole simili da parte del sindaco Marco Bucci :”Questa è una buona notizia per la città e gli operatori del settore; avremo una circolazione più snella con minori tempi di attesa. Finalmente possiamo realizzare il progetto che prevede 180 stalli nell’area che abbiamo destinato a questo; in questo modo aiutiamo la città perchè l’autoparco era necessario. Abbiamo lavorato molto su questo e tra i nostri obiettivi vi è la creazione di un autoparco all’ingresso del porto presso l’area dell’ex Ilva attualmente inutilizzata senza dimenticare che la centrale elettrica deve essere demolita; i fondi ci sono e dobbiamo lavorare. Vogliamo un’area definitiva anche perchè c’era una trattativa con Eni per la zona sopra Pegli ma a causa di alcuni problemi ci faremo altre cose”.

“Ringrazio il sindaco Bucci dicendo che questo è un tema condiviso ed il commercio marittimo è fondamentale perchè da Genova passa la maggior parte delle merci d’importazione destinate alla Lombardia ed al Piemonte”, afferma Paolo Emilio Signorini, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, “coinvolgendo 21000 autisti con badge attivo, 550 camion al giorno e 6000 aziende registrate. Questo è un settore frammentato e le aziende liguri, lombarde e piemontesi collaborano con i privati; per la zona di Sampierdarena servono collegamenti tra i caselli di Genova ovest e Genova porto ricordando che proprio in queste zone ci sono ben dieci opere alcune delle quali cantierate. L’autotrasporto lavora meglio in modalità intermodale poichè la merce incontra varchi e circolazione più fluida; dopo il crollo del ponte sono stati investiti 30 milioni ed ora stiamo lavorando nella zona di Rivalta Scrivia. I privati hanno dimostrato interesse per gli autoparchi senza dimenticare le soluzioni logistiche; vi è un accordo tra autorità che coinvolge regione e comune per gli indennizzi ed ASPI ha dato 100 milioni per la creazione di un progetto logistico nell’area di Genova. Vi è una particolare attenzione verso una situazione critica come quella attuale ed abbiamo più di 40 stalli presso l’area strategica ma occorre uno spazio adeguato; è fondamentale conoscere i bisogni degli addetti perchè le difficoltà crescono e devono essere superate. E’necessario avere una particolare attenzione a questo comparto ricordando che il numero di stalli che servono è circa 800 ma ad ora ne abbiamo 400; la vicinanza al porto ed alle aree dell’ex Ilva è importante ma non bisogna dimenticare le aree buffer presenti sia in città che nell’entroterra. Le aree di Cornigliano, dell’aeroporto e della Valpolcevera sono molto importanti ma è fondamentale l’accessibilità; lavorare con il pubblico ed il privato è importante ma non bisogna dimenticare l’autoparco del Ponente a trazione pubblica ed il dialogo con i soggetti privati. Ci vorranno circa 2-3 anni per raggiungere tutti gli obiettivi”.

“Il progetto è importante e mette un punto fermo alle manutenzioni che permettono la realizzazione di una rete stradale efficiente”, sottolinea il presidente Giovanni Toti, “e cosa facciamo fa parte di un progetto comune e la parte tecnologica è molto importante. Il tempo di carico e scarico delle merci è fondamentale ma servono infrastrutture efficienti; per fare ciò sono necessari cantieri fisici e cambiamenti tecnologici rendendo importanti l’interscambio e l’intermodalità per il sistema del lavoro. Non mi piace che il trasporto su gomma sia escluso dal PNRR ma occorre potenziare il settore coordinando i diversi settori; alcune materie non rientrano nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ma il ruolo delle imprese di costruzione è importante. Le parole del Ministro Giovannini riguardanti la Gronda ci fanno ben sperare e ne siamo soddisfatti”.

“Nuovi stalli si aggiungono a quelli che la pubblica amministrazione ha trovato nell’ambito dell’aeroporto e del comune; avremo 400 posti per l’autotrasporto ma è necessario un autoparco che ne abbia 900, bisogno attuale per il trasporto ed il porto. E’importante avere maggiore capacità operativa senza dimenticare il passaggio intermedio che rafforza la capacità di Genova e del porto per l’autotrasporto; l’area dell’ex Ilva è perfetta ed ha la metratura adeguata ricordando di potenziare la competitività delle merci e l’autotrasporto nazionale. Le cosiddette aree buffer sono utili per la sosta temporanea o nelle aree retroportuali ma è altresì necessario essere maggiormente efficienti con aree vicino alla ferrovia; i servizi alla persona, tra cui la ristorazione ed i bagni, sono fondamentali”, conclude Giuseppe Tagnochetti, coordinatore di Trasporto Unito.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: