Please assign a menu to the primary menu location under menu

Curiosando qua e là

Genova, ritrovato alla Loggia di Banchi un settore medioevale insieme a tracce di epoca romana

Durante i lavori di realizzazione del Museo della Città presso la Loggia di Banchi a Genova è emerso un intero settore dell’originario insediamento medioevale; strade e interi edifici, coperti nel 1595 con la costruzione della Grande Loggia dei Banchi sono emersi dagli scavi mentre al di sotto hanno visto la luce i primi livelli di epoca romana. A dare notizia del ritrovamento i tecnici della Soprintendenza e del Comune di Genova.

“Questo è un bel ritrovamento in un luogo importante della città”, dichiara l’assessore alle politiche culturali del comune di Genova Barbara Grosso, “dimostrando che Genova è una delle città più stratificate al mondo e appena si scava un pò più sotto si trovano molti reperti. Questi lavori per la realizzazione del Museo della Città hanno portato alla luce importanti resti medioevali dimostrando che il museo sarà realizzato nel luogo giusto poichè sarà affrontata la storia della città; gli scavi continuano per vedere cosa ci sarà sotto e scoprire la mappatura della città. A breve verranno istituiti tavoli di lavoro con la Sovrintendenza per capire come adattare questi ritrovamenti al museo che sarà realizzato qui rendendo una parte dei resti visibili attraverso un lavoro che racconterà la storia della Genova medioevale; è intenzione dell’amministrazione promuovere ogni sinergia possibile con gli altri enti per inserirli in un percorso scientifico all’interno della Loggia”.

Stessa soddisfazione da parte di Manuela Salvitti, soprintendente archeologa della Città Metropolitana di Genova e della provincia di La Spezia :”Questa è una scoperta importante che ha in sè la possibilità di studiare i tesori genovesi in un edificio significativo come quello della Borsa che nasconde un importante tessuto urbano; sono stati attivati studi e ricerche per valorizzare la storia laddove sorgerà il Museo della Città. Saranno molteplici gli spunti per la revisione del progetto e lavoreremo con il comune e la Sovrintendenza che, insieme allo Stato, diventerà proprietaria dei ritrovamenti che non pensavamo potessero essere così ben conservati; questo entusiasmo ci permetterà di approfondire. L’agenda di cantiere cambierà prendendo il tempo necessario per ragionare su cosa fare di questi resti e ci piace molto l’idea del Museo della Città sui resti della città; stiamo valutando l’ipotesi di rendere visibili alcuni resti ma allo stato attuale gli scavi devono proseguire. Nel 1595 è stata realizzata la Loggia con conseguente copertura dei resti che rappresentavano la Genova tardo-medioevale e non escludiamo la presenza di resti più antichi”.

“Questo è stato un ritrovamento inaspettato”, afferma Simon Luca Trigona, funzionario archeologo della Sovrintendenza, “ed è interessante l’ottimo stato di conservazione dei reperti. Sono inoltre emerse tracce di epoca romana e questi scavi hanno riservato grandi sorprese”.

“Il ritrovamento in questione è una sorta di contenitore che sigilla cosa c’era prima”, sottolinea l’archeologa Barbara Strano, “e stiamo svolgendo indagini più approfondite. Le strutture appartengono al Rinascimento ed al Medioevo ma abbiamo trovato anche resti di epoca romana”.

“Occorre guardare cosa c’è strato dopo strato ed in certi punti emergono resti di epoca romana”, evidenzia l’assessore regionale Ilaria Cavo, “e tutto ciò è un importante regalo da parte della storia che in questo modo può essere vista materialmente. La regione sarà a fianco del Comune e della Sovrintendenza per valorizzare il sito e questi resti testimoniano la grandezza di Genova e delle sue attività; questo era il cuore della città prima del 1500 ed il progetto del museo è lungimirante visto che la scoperta riguarda la storia genovese. Gli scavi raccontano la storia e già in epoca romana Genova era una città stratificata e proprio qui sarà raccontata tutta la storia genovese e come si viveva; questo posto è unico per raccontare la storia della città e restituire tanta storia interpretando le relazioni degli archeologi. La regione sarà a disposizione delle istituzioni coinvolte per per la valorizzazione del sito”.

“A Genova è facile avere sorprese di questo tipo e vi è una particolare attenzione per valorizzare i resti con la speranza di far conoscere la nostra storia; se questi reperti saranno promossi correttamente si avranno vantaggi nel settore turistico e culturale senza dimenticare che la nostra città è un museo a cielo aperto che attira turisti poichè il passato serve per capire il futuro. Già in altre vie sono emersi importanti reperti durante gli scavi e valorizzarli per turisti e residenti è una novità che ci regala soddisfazioni; è necessario riprogettare il museo affinchè questi resti possano essere accessibili”, conclude Andrea Carratù, presidente del Municipio I Centro Est.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: