Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Giorgio Damele al primo incontro con “I venerdì storico-culturali” dell’A.M.A.A. di Varazze

Un interessante primo incontro con “I venerdì storico-culturali” di Varazze, organizzato dall’Associazione Amici del “Museo Archeologico di Alpicella – Mario Fenoglio” (A.M.A.A.), tenutosi il 13 maggio alle ore 17:00 nel salone delle conferenze di Palazzo Beato Jacopo, con l’intervento di Giorgio Damele e alla presenza di un pubblico attento e qualificato, avente per tema: “Savona, una visione economica della città, da un passato glorioso ad un futuro incerto“.

Il relatore ha svolto un’ampia disamina dei problemi inerenti la situazione socio economica del territorio savonese, partendo dal suo passato di progressiva affermazione nel campo commerciale e, successivamente, in quello industriale, illustrando con precisi grafici le varie fasi di una vita ricca di fermenti, ma anche di ricorrenti crisi, sfociate poi nell’attuale situazione di incertezza dovuta anche alla mancanza di quella carica propulsiva di idee progettuali, che ne fecero un polo di attrazione di lavoro e di benessere sociale.

Con un piacevole eloquio, il Damele, partendo dal ‘400, con incursioni antecedenti, ha svolto una intelligente panoramica sulla dinamica migratoria verso altre fonti di lavoro, in tempo di crisi locale, poi rientrate con l’affermazione imprenditoriale dei grandi stabilimenti che hanno fatto di Savona una città industriale, forte soprattutto del suo porto e di piccole e medie industrie molte delle quali di un artigianato qualificato.

Oggi, purtroppo, ha spiegato il relatore, il futuro si presenta incerto, mancando quelle idee propulsive che portarono, nella Savona dell’800, ad una eccellenza di urbanizzazione nel contesto di un processo di modernizzazione e di efficienza a vari livelli.

La dinamica della globalizzazione: offerta e richiesta, con l’importazione di materie prime per la trasformazione in prodotti esportabili, è stata spiegata con profonda conoscenza dell’argomento trattato, cosa che ha suggerito all’Assessore Mariangela Calcagno, presente alla conferenza, l’idea di interessare il mondo della scuola a questa tematica, cui dovranno cimentarsi le nuove generazioni.

Altri interventi, tra cui quello del prof. Tiziano Franzi dell’Associazione Culturale “U Campanin Russu“, hanno dato vita a ulteriori approfondimenti, conclusisi con la consegna da parte della Presidente Beatrice Giusto di una targa a ricordo della partecipazione, al preparato relatore e membro dell’Associazione ospitante.

La materia trattata in questo primo incontro con “I venerdì storico-culturali” non era certo di facile lettura, ma il modo di porsi del Damele ha permesso la piena comprensione della conferenza.

Complimenti al Direttivo dell’Associazione Amici del “Museo Archeologico di Alpicella“, per l’organizzazione di questi pomeriggi con i venerdì di maggio 2022 – che seguiranno e per il rinfresco offerto a conclusione dell’incontro.

Prossimi incontri in programma:

– il 20 maggio – con “Le bombe a Savona e Varazze, la strategia della tensione e la mobilitazione popolare negli anni 70” – Relatore il prof. Angelo Maneschi;

– il 27 maggio – con “Immaginare il Foresto. Un viaggio nell’antropologia del turismo” – Relatore la Dott.ssa Patrizia Ribolla.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: