Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Giornata mondiale del Cuore

Conosciamo il cuore “My hard, your hard”. E’ lo slogan della Federazione Mondiale per la giornata del cuore, una festa di celebrazione, di sensibilizzazione civile, un invito ad occuparsi di lui, un amico. Trattiamolo bene, ascoltiamo i suoi segnali. Le donne, sino alla menopausa, hanno una protezione ormonale che le aiuta. Il cuore resta nell’immaginario comune un organo misterioso. Per poeti e cantanti è la sede per eccellenza dei sentimenti, in realtà è un amico, nasce con noi. I genitori possono ascoltarne il primo segno di vita, il battito. Si dice: cuor contento il ciel l’aiuta, ascolta il tuo cuore e nel silenzio troverai le parole, ha cuore, avere il cuore in gola per sforzo, stress o emozione, ho un peso al cuore, stringere il cuore, mi hai spezzato il cuore, è morto di crepacuore. In realtà, meno prosaicamente, è un muscolo cavo, il più importante del sistema circolatorio e con le sue contrazioni spontanee presiede alla circolazione del sangue. E’ un amico, ci conosce bene, ci capisce, lavora per noi, ci mantiene in vita. La parte destra detto cuore venoso presiede alla circolazione polmonare (porta sangue a purificarsi, la parte sinistra detto cuore arterioso, porta nutrimento alla periferia, alle singole cellule per il funzionamento. Il cuore ha una dimensione (pari al proprio pugno chiuso), forma di pera con punta rivolta verso il basso, un suo sistema elettrico e battito. Ogni tanto ci si dovrebbe fermare, sentire il proprio cuore, per tranquillizzarlo quando il ritmo della vita (stress) vorrebbe accelerarlo. Basta mettere pollice su polso o carotide, cercando di concentrarci, rallentando il respiro. Il cuore ha un suo ritmo; il battito che varia da 60 a 80 al minuto e non dobbiamo metterlo troppo alla prova (eccitarlo). L’attività fisica aiuta a ottimizzare la funzione cardiaca, risparmiando (Coppi aveva 40 battiti) L’attività fisica, senza esagerare fa bene al cuore, e per l’attività sessuale non si può dire sia sempre terapeutica, “far bene l’amore fa bene all’amore”. Il cuore però è fedele, un inguaribile abitudinario, vorrebbe un rapporto sempre con lo stesso partner Quando lo sforzo fisico è eccessivo o esiste una carenza di ossigeno trasportato (anemia) il cuore per sopperire accelera e si può avvertire come un battito alle orecchie, altre volte si avvertono capogiri, freddo alle mani, gambe gonfie (molto spesso per età, cuore poco efficiente). Utile per insufficienza venosa calza elastica (da infilare al mattino a gamba sgonfia (aiutandosi con un po’ di borotalco), attività fisica, dimagrire, usare poco sale. Il cuore ha un contatto indiretto ma continuo con il cervello, riceve ed invia sempre messaggi, (sono legati a doppio filo). Quando i messaggi sono troppi va in confusione, servono verifiche, ma senza esagerare, serve un medico vero discepolo di Ippocrate che tratti il paziente in modo amicale, la paura aumenta lo stress e così via. In Italia ci sono circa 600.000 casi di cui 200.000 invalidanti. Per avere un cuore sano si può far qualcosa, le sue malattie sono prevedibili, per prevenire si possono usare le sue iniziali. Cucina sana, Umorismo , Ossigeno, Riposo almeno 8h, esercizi fisici. Fattori di rischio: pressione, glicemia, colesterolo alti e sembra strano ma si dovrebbe partire da una analisi da bocca e denti, i microbi entrano o si trovano in bocca (anche denti cariati) e talvolta attraverso il sangue vanno ad instaurarsi nelle valvole cardiache. Il fattore emotivo potrebbe provocare un sovraccarico pericoloso al cuore a volte difficile da interpretare, dopo malattia, dolori, nei vecchi, produce aritmia con perdita di efficienza, vertigini, affanno, gambe gonfie perché  pompa male. Per mantenere forte, snello, emotivo, ma quante attenzioni sono necessarie: evitare fumo, inquinamenti vari che potrebbero infiammarlo, avvelenarlo con conseguenti patologie varie. Con emozioni battito alto ci sta, per altre situazioni serve fare un consulto medico e ECG, per iniziare un po’ più sport e mangiare un po’ meno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: