Musica

Gli Amici di Django ieri sera in concerto a Quiliano

Un viaggio indietro nel tempo, nelle atmosfere e nelle sonorità degli anni ‘30. Per partire, basta ascoltare qualche nota dello swing elegante e seducente degli Amici di Django, in concerto ieri sera a Quiliano. Il gruppo ligure, che rende omaggio al grande chitarrista manouche Django Reinhardt, ha chiuso in musica la manifestazione «Agrigusta», la quattro giorni  dedicata alle eccellenze enogastronomiche del territorio, sulla scia della storica rassegna del Buzzetto, vino asprigno tipico dell’entroterra ligure.

Gli Amici di Django sono saliti sul palco di «Agrigusta» alle 21, con il loro repertorio swing che rievoca la musica del chitarrista zingaro Django Reinhardt (1910-1953). Un nome all’apparenza complicato che, forse, non tutti riconoscono. Ma basta andare con la mente alle colonne sonore dei film «Chocolat» (2000, con Juliette Binoche e Johnny Depp: il tema, «Minor Swing», è un classico di Django) e «Accordi e disaccordi» di Woody Allen (1999) per rievocare il musicista. Un fuoriclasse del jazz e dello swing, che inventò uno stile inimitabile nel suonare la chitarra dopo che per un incendio, nella roulotte della sua famiglia, perse alcune dita dalla mano sinistra.

Gli Amici di Django (Marco Vescovi, chitarra; Renzo Luise Da Fano, chitarra; Eros Crippa, chitarra; Leonardo Gramegna, contrabbasso; Davide Rossi, pianoforte; ospite speciale, il violinista Armand Olmazu, dalla Romania) rievocano le canzoni più celebri del chitarrista belga, con qualche incursione in altri classici dello swing, da «It don’t mean a thing» a «Just a gigolo». Un concerto tutto da ascoltare e da ballare, per una notte dal gusto retro. Gli Amici di Django sono un progetto nato nel 2003 a Spotorno (Savona) dalla passione di alcuni amici per la musica di Django Reinhardt. Negli anni la formazione, che si è evoluta nel tempo mantenendo però il cuore originale, ha portato in scena non solo numerosi concerti, ma anche festival a tema (oMaggio a Django, una manifestazione che ha animato Spotorno per numerosi anni) e progetti di educazione musicale nelle scuole. Il tutto nel segno della magia delle note swing di Django Reinhardt.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: