domenica, Agosto 18, 2019
Home > Attualità > Grammatica e dizionario andoresi

Grammatica e dizionario andoresi

Stasera alle 17.30, Adriano Ghiglione, andorese doc e albenganese di adozione, è protagonista, a Palazzo Tagliaferro, del primo appuntamento della terza edizione della rassegna “Storie Andoresi”, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Andora, con “Manuale della Parlata di Andora e di Rollo”, 16 anni di lavoro per donare al proprio comune di origine un dizionario del dialetto locale, con un lavoro di ricerca da cui è provenuto un volume di grammatica; l’opera sarà presentata al pubblico e consegnata ufficialmente alla Biblioteca di Andora  affinché sia a disposizione di tutti.

Per l’occasione sarà anche realizzata una speciale lezione di dialetto con degustazione di alcuni piatti freddi tipici, ospite la cuoca, signora Nella Piccardo. Partendo dalle ricette liguri, si esaminerà la parlata di Andora e di Rollo mettendola a confronto con i dialetti delle altre borgate di Andora.

Invitiamo a presenziare quanti amano parlare andorese per dare il loro contributo. – così si esprime l’Assessore alla cultura Maria Teresa Nasi – Sarebbe bello se ci fosse anche qualche nipote visto  che abbiamo organizzato una lezione di dialetto attraverso la degustazione di semplici piatti freddi: un modo simpatico per far imparare alcuni termini della parlata andorese partendo dalle ricette localiMentre la signora Nella farà il pesto al mortaio, si tradurranno gli ingredienti in dialetto e si rievocheranno tradizioni e personaggi. Il vocabolario gastronomico popolare proseguirà con torta verde, focaccia e altre salse fredde. E come sempre si viaggerà sull’onda dei ricordi nell’Andora di un tempo

Adriano Ghiglione, 80 anni, consigliere dell’Associazione Vecchia Albenga, ha lavorato per 16 anni alla stesura della “grammatica-dizionario”, partendo dai ricordi di gioventù che certamente incontrerà l’interesse e l’affetto degli andoresi.

La mia parlata è quella di Rollo che ho confrontato con quella della Marina. Ho ricostruito la grammatica, la foneticala coniugazione dei verbi – spiega Ghiglione – Il lavoro più lungo è stato quello di realizzazione del dizionarioOra siamo in pochi a parlare l’andorese di un tempo, perché il dialetto originale si è mischiato con le parlate di chi, emigrato dal Piemonte o da altre zone della Liguria, è arrivato ad Andora per coltivare i campi”.

La rassegna “Storie Andoresi” proseguirà il 14 dicembre con la presentazione del libro dell’andorese Nello Emanuele Giusto  “Anni 60-2000 – I grandi cambiamenti ad Andora e in Italia” e il 28 dicembre con “Il Balun – 55 anni di Pallapugno” – Incontro dedicato a ASD Don Dagnino la più longeva società di Andora, presenti i campioni di tutte le generazioni.

Immagine: Foto da Wikipedia – Andora nel 1953

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *