Attualità

Grandi strutture in disuso: possibile riutilizzo?

A Savona vi sono grandi edifici che, una volta terminata la loro funzione per vari motivi, sono stati lasciati in disuso per anni, in rovina ed in alcuni casi a rischio crollo; forse siamo talmente abituati a vederli lì immobili, immersi nella frenesia della vita di tutti i giorni, che non ci siamo mai soffermati ad ipotizzare una loro eventuale rinascita. Su tutti troviamo il vecchio ospedale S. Paolo, proprio appena usciti da Corso Italia, che da anni è vuoto e con le finestre sprangate, unica piccola attività in esso è la farmacia, che però ne occupa una minima parte mentre tutto il resto resta inutilizzato, addirittura compare un insegna che ci dice da quanti giorni è in disuso la struttura, mi sono sempre chiesto se vi sia o meno una persona retribuita che ogni mattina si occupi di aggiungere un giorno all’elenco, ma poco importa perchè non è certo l’utilizzo migliore che si possa fare di questo edificio.

Salendo su per la vecchia Aurelia, prendendo via Famagosta, troviamo poi l’Enaip, vecchia struttura una volta dedita a sede di un istituto di formazione professionale: un enorme palazzo a più piani con innumerevoli aule ed un officina dal lato della salita San Giacomo; ed immediatamente attiguo un vecchio albergo, talmente abbandonato che quasi lo si potrebbe affittare a Quentin Tarantino per girarci uno dei suoi film. Questi sono solo gli esempi più comuni e più vicini al centro della nostra città, che mi prendo la libertà di citare, due risorse che, una volta preso l’accordo tra il nostro comune ed i privati, si potrebbero rimettere a nuovo. Sono stati fatti progetti ipotetici al riguardo ma non sono abbastanza inserito nell’ambiente da poterveli spiegare nel dettaglio, sono però in grado di affermare che non ha senso tenerli li a rovinarsi, tanto varrebbe demolirli, ma sarebbe un vero peccato vista la loro posizione “strategica” e la loro grandezza; proprio per questo vi vedrei bene dei luoghi come degli auditorium per eventi culturali, dei ritrovi per i giovani ( biblioteche, sale prove, spazi sportivi, giusto per dirne alcune) o degli appartamenti, queste sono solo idee, basta solo non si tratti di un ennesimo centro commerciale, perchè tra Il Gabbiano, Le Officine ed il Molo 8.44 ne abbiamo più che a sufficienza.

Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: