Sport

Hockey: una savonese in nazionale

elettra bormidaSi è concluso il Campionato europeo per Nazioni U16 femminile svoltosi a Bologna dal 9 al 13 luglio. L’Italia ha concluso al 4° posto, sfiorando d’un soffio il podio della medaglia di bronzo che avrebbe rappresentato un risultato storico per l’hockey giovanile italiano. Le azzurrine sono state precedute nell’ordine da Austria (bronzo), Repubblica Ceca (argento) e la fortissima Russia (oro) che ha chiuso il torneo a punteggio pieno. Se la conquista della medaglia d bronzo avrebbe potuto rappresentare un traguardo memorabile per l’hockey italiano giovanile, è altrettanto vero che un fatto storico per l’hockey savonese si è comunque realizzato: capitano delle azzurrine è stata infatti designata Elettra Bormida, classe 1998, giocatrice del Savona Hockey Club ed unica atleta ligure tra le 16 selezionate entrate a far parte della squadra azzurra. E’ stata immensa la gioia per la giovanissima atleta biancoverde quando le è stato comunicato dall’allenatore Fabrizio De Marchi, che avrebbe avuto in consegna la fascia da capitano durante il campionato europeo. Tale riconoscimento va certamente, senza ombra di dubbio, a ripagare tutto l’impegno profuso da una fortissima giovanissima atleta che da tre anni sta inseguendo il magico sogno di indossare finalmente un giorno la maglia azzurra. Elettra, insieme alla proprie compagne di nazionale, ha iniziato la propria avventura europea dovendosi forzatamente inchinare, nella prima partita, innanzi allo strapotere fisico delle avversarie della Russia, che già nella prima frazione di gioco (5-0) hanno messo in difficoltà le azzurrine, chiudendo poi la gara nella ripresa con un perentorio 8-0. Bisogna dire però che le ragazze russe hanno iniziato a preparare questo appuntamento internazionale circa tre anni fa, puntando tutto sulla medesima ossatura, e giocando nel tempo numerosi test-match internazionali; mentre le ragazze italiane, pur facendo parte del progetto tecnico FIH per il potenziamento del talento nell’hockey giovanile, come gruppo di per sé ha iniziato a lavorare in maniera compatta solamente circa un mese fa con lo svolgimento di un pre-raduno di 5 giorni a Mori (TN). Nella seconda gara, contro la squadra che si aggiudicherà poi la medaglia d’argento, ossia la Repubblica Ceca, è venuta fuori la forza di un gruppo compatto. Elettra Bormida ha dimostrato grinta e carattere, unitamente all’ottima tecnica che le è valsa la convocazione in nazionale, disputando una partita eccezionale, dovendosi arrendere solamente alla sfortuna quando in occasione di un corner corto, la giocatrice savonese ha colpito una clamorosa traversa con un tiro formidabile. Nella ripresa, poi le avversarie ceche sono poi passate in vantaggio, ma la grinta di Elettra e compagne è stata tale da riuscire ad andare a pareggiare con l’altro “gioellino azzurro”, Federica Carta, classe 2000, cagliaritana dell’Amsicora. Certo è che se il tiro in porta di Elettra, fosse entrato in rete, anziché andarsi a stampare sulla traversa, anche l’Europeo delle azzurrine avrebbe preso tutta un’altra piega… Ma la storia non si fa con i se, e quindi nella giornata di sabato, smaltita la rabbia per quella che poteva la prima vittoria verso una delle due medaglie ancora disponibili, Elettra Bormida e compagne hanno affrontato le pari età della Polonia, il cui team manager è un grande amico e collaboratore del Savona Hockey Club, Mateusz Grochal, apprezzato allenatore a livello internazionale ed attuale coach della nazionale U16 maschile polacca, nonché allenatore in seconda della Nazionale maggiore della Polonia che disputerà la Coppa del Mondo. Contro la ragazze polacche, Elettra e compagne hanno dimostrato di potersi meritare la conquista di una medaglia sul podio, andando a vincere meritatamente per 4-1, grazie alla tripletta messa a segno da Federica Carta e al gol della Alessandra Sansone che milita nell’Argentia di Milano. Anche in questa gara Elettra ha giocato alla grande, effettuando degli assist determinanti per le segnature azzurre. Nella quarta ed ultima decisiva contro le pari età austriache, Elettra ha iniziato nel migliore dei modi, essendo la più lesta di tutte ad avventarsi su una pallina in area e a ribadire in rete sugli sviluppi di un’azione di corner corto il gol del momentaneo 1-0 che avrebbe potuto significare, con matematica certezza, la medaglia di bronzo, anche se sarebbe potuto bastare anche il pareggio. Poi ad inizio ripresa, un calo fisico delle azzurrine ha permesso alle austriache di pareggiare i conti e quasi sul finire della gara, addirittura, di effettuare il sorpasso. Gli ultimi minuti sono stati al cardiopalmo, con le azzurrine in avanti a testa bassa alla ricerca almeno del meritato pareggio, ma il portiere austriaco si è distinto con degli ottimi interventi, negando più volte il gol a Elettra e compagne. Nonostante la rabbia e la delusione per una medaglia di bronzo sfumata quasi sul suono della ripresa, per Elettra Bormida rimane la consapevolezza di aver raggiunto un traguardo memorabile non solo per se stessa, ma anche per la sua società di appartenenza, il Savona Hockey Club e per tutto l’hockey savonese in generale, poiché risulta che finora in nessuna formazione azzurra, non si è mai verificato che a vestire la fascia di capitano fosse un’atleta savonese, nonostante si possano contare varie convocazioni avutesi nel corso degli anni passati di vari giocatori nelle varie nazionali giovanili, sia militanti nel Liguria HC che nel Savona HC. Ma tale risultato è da considerarsi ancora più strabiliante se si considera che Elettra e le sue compagne di squadra del Savona HC femminile, senza contare il settore maschile, non hanno mai avuto finora a loro disposizione a Savona un impianto idoneo per la pratica dell’hockey, ritrovandosi costrette ad “emigrare” a Genova zona Lagaccio, per effettuare gli allenamenti e le partite “casalinghe”, dove esiste l’unico vero campo da hockey di tutta la Liguria.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: