Attualità

I 700 ragazzi di Fabbriche Aperte 2012 scelgono tecnologia e ambiente

700 ragazzi alla scoperta del mondo del lavoro, per conoscere e valutare con consapevolezza il ruolo delle industrie e del porto per l’economia savonese e per il proprio futuro lavorativo. La quinta edizione di Fabbriche Aperte ha ottenuto il suo scopo: promuovere il contatto diretto fra scuola e aziende e dotare gli studenti di seconda media e le loro famiglie di tutti gli strumenti per fare le migliori scelte scolastiche, privilegiando i percorsi tecnico scientifici che offrono maggiore competitività sul territorio.

Un messaggio ben recepito dai 700 ragazzi dei 10 istituti scolastici partecipanti, tutti fra i 12 e i 13 anni di età, che vorrebbero un lavoro a contatto con le più moderne tecnologie, che tuteli l’ambiente e sia utile alla società. Unione Industriali, Camera di Commercio e Provincia di Savona hanno annunciato che saranno due le cerimonie di premiazione in programma a Cairo Montenotte il 22 maggio e a Savona il 25 maggio, presentando i dati raccolti dal tradizionale questionario distribuito a tutti i partecipanti a Fabbriche Aperte. Fra i dati più significativi emerge come i Savonesi di domani siano una generazione dalle idee chiare, pur nel persistere delle tradizionali differenze fra maschi e femmine. Ad esempio, pur se solo il 27,50% aveva già visitato un’azienda, tutti gli studenti sono ben consci del ruolo dell’industria per l’economia savonese. Molto elevata anche l’attenzione dei giovani intervistati per l’ambiente: oltre l’82 % ritiene molto importante il rispetto per l’ambiente e oltre l’85 % lo vede applicato dall’industria del suo territorio. Un’apertura “verde” che sicuramente risente anche di una familiarità con l’informatica e la navigazione su internet: oltre il 98 % possiede un pc e il 94 % naviga in internet, mantenendosi aggiornato sui progressi scientifici e tecnologici e sui comportamenti delle aziende. Per quanto riguarda, nello specifico, le domande più legate agli intenti didattici e formativi del progetto Fabbriche Aperte, il 71,75 % degli studenti ha già deciso che scuola superiore frequentare. Un netto balzo in avanti rispetto al 63,9 % dello scorso anno e al 54,4 % registrato nel 2010: un segno che inequivocabilmente decreta il successo per Fabbriche Aperte ed il suo intento di dare ai ragazzi savonesi gli strumenti per scelte scolastiche consapevoli. Fra quanti hanno già deciso, ben il 58 % sceglierà un indirizzo tecnico – scientifico, percentuale che per i maschi sale al 91,70 % (per le femmine si ferma al 25,2 %, contraltare di quell’ 8,30 % dei maschi che pensa ad un percorso umanistico). Sono scelte dettate in stragrande maggioranza da un desiderio: fare ciò che piace di più (82,55 %), a fronte di un esiguo 10 % di spazio lasciato al parere dei genitori e a un 7,35% di chi guarda al posto sicuro. La domanda relativa alla scelta del lavoro futuro è quella che più rispecchia le tradizionali diverse aspirazioni fra maschi e femmine: il settore medico scientifico conserva ancora intatto il suo fascino, con un solido 22,60 % di preferenze (che salgono al 41,3 % per le femmine), seguito da un 19,50 % che pensa ad una professione tecnica (geometra, architetto, ingegnere, con percentuale del 38,40 %nei maschi). Stesse percentuali ben distinte fra maschi e femmine per i lavori manuali (muratore e meccanico) scelti dal 32,50 % dei maschi, in media il 16,50 % del totale degli studenti. L’insegnamento è campo di elezione per il 31,5% delle ragazze e in media viene scelto dal 15,75% di tutti i partecipanti. Il 90 % dei ragazzi ha condiviso in famiglia l’esperienza delle visite di Fabbriche Aperte, con un dato molto chiaro: ragazzi e ragazze sanno già pensare con la loro testa. Il 91,35 % ha gradito la visita aziendale sopra ogni altro aspetto dell’iniziativa, ritenendola molto interessante (66,90 % degli studenti, con un picco del 71,50% per i maschi, sempre affascinati dalle officine e dai laboratori).Visto il successo di adesione, Fabbriche Aperte raddoppia l’appuntamento tradizionale di conclusione e premiazione del progetto. Una doppia cerimonia, infatti, in programma a Cairo Montenotte martedì 22 maggio (per le aziende e le scuole del comprensorio valbormidese) e a Savona venerdì 25 maggio (per le aziende e gli istituti del ponente savonese), entrambe con inizio alle ore 10.

Le Scuole
10 sono le scuole, con 28 classi, che partecipano all’edizione 2011 – 2012: Istituti Pertini e Guidobono di Savona, Mameli Alighieri di Albenga, Aicardi Ghiglieri di Finale Ligure e gli Istituti comprensivi di Cairo Montenotte, Carcare, Millesimo, Quiliano, Spotorno e Vado Ligure.

Le Aziende
14 le aziende partner: Autorità Portuale di Savona, Bitron S.p.A., Bombardier Transportation Italy S.p.A., Cabur S.r.l., Continental Brakes Italy S.p.A., Demont S.r.l., ESI S.p.A., Infineum Italia S.r.l., Noberasco S.p.A., Piaggio Aero Industries S.p.A., Reefer Terminal S.p.A., Schneider Electric S.p.A., Tirreno Power S.p.A., Verallia Italia S.p.A.

I GIOVANI PER LA SCIENZA
Nel 2005 un gruppo di studenti dell’Itis Ferraris di Savona da voce alla propria passione per la fisica fondando l’Associazione Giovani per la Scienza, con sede sociale presso l’Unione Industriali e sede operativa presso i laboratori dell’ITIS e il Campus Universitario di Savona. I soci sono ora oltre ottanta e anche nell’edizione 2012 di Fabbriche Aperte hanno avuto un ruolo importante nelle visite aziendali, come guide e tutor ai ragazzi partecipanti al Progetto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: