Cultura e Musica

I ballerini di Palcoscenicodanza Varazze al Teatro Chiabrera nell’opera “La Traviata”

Venerdì 16 ottobre alle ore 20:00 e domenica 18 ottobre alle ore 15:30, il Teatro Chiabrera di Savona presenta “La Traviata” di Giuseppe Verdi, melodramma in tre atti, libretto di Francesco Maria Piave da “La Dame aux camélias” di Alexandre Dumas, prima rappresentazione il 6 marzo 1853 al Teatro La Fenice di Venezia. Riduzione per piccola orchestra a cura di M. Uvietta, Casa Ricordi, Milano.

La Danza nell’Opera – Palcoscenicodanza Varazze ne “La Traviata” di Giuseppe Verdi, nel nuovo allestimento del Teatro dell’Opera Giocosa Savona, con la regia del grande soprano Renata Scotto, stella di prima grandezza nel firmamento della Lirica internazionale.

Nel secondo atto del melodramma, durante la festa a casa di Flora, alcuni invitati si travestono da Zingarelle e si divertono a leggere la mano a Flora e al Marchese mentre altri, vestiti da toreri, introducono il Matador Piquillo, vincitore di cinque tori per far colpo sulla sua amata.

In questa scena il balletto è una parte importante, movimentando l’intero palcoscenico e, nell’edizione del Teatro dell’Opera Giocosa, il corpo di ballo è formato dal Gruppo Palcoscenicodanza Varazze guidato da Giovanna Badano che ne ha curato le coreografie.

I danzatori sono: Mariafrancesca Baglietto, Micol Delfino, Selene Delfino, nel ruolo delle Zingarelle e Luca Cerati in quello del Matador.

Una bella esperienza per i quattro ragazzi che qui si trovano a muoversi in un contesto diverso, impegnati anche come comparse nel 1° atto, durante la festa in casa di Violetta.

È sicuramente un arricchimento artistico, quello che stiamo vivendo – afferma Giovanna Badano – soprattutto per i miei ragazzi perché per la prima volta vivono un’esperienza legata all’affascinante mondo della Lirica. Per me, dopo tre interpretazioni nel ruolo della Zingara, negli allestimenti del 2004, 2010 e 2015, per i quali ho curato anche la coreografia è un ritorno, qui in veste solo di coreografa, mi sento onorata e privilegiata di poter esprimere con il balletto ciò che mi suscitata la musica di Verdi e trasferirla ai miei danzatori.

So di avere dei ragazzi splendidi, che sono con me da quando avevano 5 anni, che hanno studiato seriamente, affrontando un percorso formativo completo all’interno della scuola Danzastudio di Varazze, partendo dal Classico e dal Jazz fino ad arrivare al Tip Tap e l’Hip Hop. Mi hanno dato moltissime soddisfazioni. Si sono sempre distinti, insieme ad altri elementi della scuola, nel corso di Stages, spettacoli e Concorsi Nazionali e Internazionali, aggiudicandosi spesso il podio e ricevendo i complimenti delle varie giurie, tutte composte da nomi illustri del panorama della Danza.

Questa edizione, oltre la già citata Renata Scotto alla regia, si avvale della direzione del M° Giovanni Di Stefano, qui alla guida dell’Orchestra Sinfonica di Savona.

Occorre sottolineare come la delicata situazione imposta dalle misure anti COVID-19 sia stata presa in seria considerazione durante le prove, sia nei camerini che sul palco, dove è stato mantenuto il necessario distanziamento e sono stati attuati tutti i presidi prescritti, per artisti, tecnici e pubblico.

Alcuni scatti di Luigi Cerati durante le prove di insieme con i cantanti principali: Rosa Feola – Violetta, Leonardo Sanchez Rosales – Alfredo Germont, Francesca Di Sauro – Flora, Sergio Vitale – Giorgio Germont e, poi col coro, diretto da Gianluca Ascheri.

Una bella esperienza non solo per i quattro ragazzi, ma, anche una bella soddisfazione per la scuola Danzastudio Varazze e per l’intera comunità che ha la propria scuola in un contesto diverso e così importante.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: