Attualità

I balneari preparano la serrata del 3 agosto

Il 3 agosto, primo venerdì del mese, gli stabilimenti balneari di tutta Italia entrano in sciopero – anche se sarebbe più esatto parlare di serrata – per protestare contro quella che le associazioni di categoria dei gestori di bagni marini definiscono “inerzia” del governo di fronte al dibattuto tema dell’applicazione della direttiva Bolkestein. Non per tutta la giornata, comunque: fino alle 11 del mattino gli stabilimenti balneari resteranno chiusi in segno di protesta. L’iniziativa, comunque clamorosa, è stata decisa dai sindacati di categoria Sib Confcommercio, Fiba Confesercenti, Cna Balneatori e Assobalneari Italia Confindustria, nell’ambito di un pacchetto di iniziative che verranno attuate nel corso del mese di agosto su tutte le spiagge.

“Il governo ha assunto liberamente nei nostri confronti due impegni – dichiara Riccardo Borgo (nella foto), presidente nazionale del Sib, titolare di una concessione balneare nonché sindaco di Bergeggi -. Ci è stato assicurato che si sarebbe fatto portavoce delle nostre istanze a Bruxelles e che sarebbe stato organizzato un tavolo tecnico nell’ambito del quale avviare il confronto. A distanza di quattro mesi non è successo niente”. I balneari liguri, nel braccio di ferro con Bruxelles, anticipano ulteriori forme di protesta entro la chiusura della stagione balneare e sembrano essersi assicurato l’appoggio di Regione, Provincia e buona parte degli enti locali. “Anche ai nostri clienti stiamo spiegando da due anni com’è la situazione – conclude Borgo –. Con molti di loro c’è un rapporto fiduciario che dura nel tempo e sono solidali con noi. Capiscono che una famiglia che ha fatto consistenti investimenti, faccio l’esempio degli stabilimenti balneari di Savona che negli ultimi anni hanno completamente cambiato volto, non può vedersi privata di tutto da un giorno all’altro. Anche questo è un punto importante della questione. Deve essere riconosciuto il valore economico degli investimenti fatti negli stabilimenti balneari”. Il che potrebbe anche lasciare spazio a una possibile mediazione: ferma restando la necessità, in linea principale, di difendere le assegnazioni attuali, se le concessioni sulle spiagge italiane – prima o poi – dovranno essere soggette a gara d’appalto, come prescrive la direttiva europea sulla liberalizzazione dei servizi, è indispensabile che siano riconosciuti tra i criteri fondamentali di assegnazione gli investimenti già effettuati. Intanto prosegue sulle spiagge del savonese la protesta caratterizzata dalla bandiera nera contro la Bolkestein, che continuerà a sventolare sugli stabilimenti balneari sino alla fine della stagione.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: