Cultura e Musica

“I Concerti dei Turchini” a Loano

Sabato 16 Giugno, a Loano, proseguirà la rassegna “I Concerti dei Turchini”, organizzata dalla Confraternita delle Cappe Turchine con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano. A fare da cornice al concerto, in programma alle ore 21.00, sarà l’Oratorio N.S. del SS. Rosario, piccola chiesa nel cuore della città, che conserva opere di grandi artisti dei secoli scorsi.

Ospite del secondo appuntamento de “Le musiche dell’anima” sarà il Maestro Alexander Romanovsky che presenterà il “Concerto di pianoforte” con l’esecuzione dei brani “4 Preludi Op. 37” e “Vers la flamme” del compositore e pianista russo Alexander Skrjabin e della “Sonata op 28 n° 1 in re minore allegro moderato-lento-allegro molto” composta da uno dei più grandi compositori e pianisti russi di sempre Sergej Vasil’evič Rachmaninov. Descritto da Carlo Maria Giulini come “un pianista di grande talento”, Alexander Romanovsky si è affermato sulla scena internazionale vincendo il Premio del prestigioso Concorso Internazionale Ferruccio Busoni” di Bolzano, all’età di diciassette anni. Hanno fatto seguito tre CD sull’etichetta Decca con le musiche di Schumann, Brahms, Rachmaninov e Beethoven che sono stati altamente acclamati dalla critica internazionale. Il New York Times ha definito Romanovsky “speciale, non solo possiede una tecnica straordinaria e la creatività nei colori e nella fantasia, ma è anche un musicista sensibile e un lucido interprete”. Alexander Romanovsky è recentemente apparso da solista con la Mariinsky Orchestra, la Russian National Orchestra, la Royal Philharmonic Orchestra e la English Chamber Orchestra. E’ stato invitato ai maggiori festival europei, tra i quali La Roque d’Anthéron in Francia, il Kiavier Festival Ruhr in Germania, il White Nights Festival di San Pietroburgo, il Chopin Piano Festival in Polonia ed il Festival di Stresa. Nel 2011 Alexander Romanovsky ha debuttato con la New York Philharmonic Orchestra e Alan Gilbert al Vail Valley Music Festival e con la Chicago Symphony Orchestra e James Conion al Ravinia Festival; inoltre è stato in concerto con l’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia, la Royal Philharmonic Orchestra e la Tchaikovsky Symphony Orchestra. Nella stagione 2011/2012 Alexander Romanovsky ha inaugurato la “Master Pianists Series” al Concertgebouw di Amsterdam, ha fatto ritorno a Mosca, San Pietroburgo, all’Accademia Nazionale di S. Cecilia a Roma, alla Sala Verdi del Conservatorio a Milano, al Teatro Sociale di Como e ha debuttato con la Filarmonica della Scala, la Hallé Orchestra, la Bournemouth Symphony Orchestra, la Caracas Symphony Youth Orchestra e la Yomiuri Nippon Symphony Orchestra. Nato in Ucraina nel 1984, Alexander Romanovsky comincia lo studio del pianoforte all’età di cinque anni. A tredici si trasferisce in Italia per studiare all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola con Leonid Margarius che Romanovsky considera la figura più influente nella sua vita musicale. Nel 2009 consegue l’Artist Diploma presso il Royal College of Music di Londra (classe di Dmitry Alexeev).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: