Economia

I croceristi spendono 8,5 milioni a Savona

Dei 950.000 passeggeri che nel 2011 sono passati attraverso il Palacrociere di Savona, 230.000 (il 25%) hanno visitato la città, per ammirare monumenti e cercare scorci caratteristici, ma anche per fare acquisti,, soprattutto nelle vie del centro storico, con una spesa media di 36,70 euro pro capite, che complessivamente significa circa 8 milioni e mezzo di euro all’anno. Cifra che, nel calcolo dell’indotto savonese del traffico croceristico, va sommata agli acquisti diretti della compagnia ed all’attività lavorativa della stazione marittima.

Sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca presentata questa mattina a bordo della Costa Magica e realizzata da Siti – Istituto Superiore sui Sistemi Territoriali per l’Innovazione – per conto di Confcommercio Savona. Lo studio è stato presentato da Riccardo Roscelli, Presidente di Siti e dai ricercatori Giuseppe Pollichino (metodologia e risultati) Marco Cavallero (linee guida). Lo studio ha coinvolto i croceristi in una ricerca articolata e si è svolto su due livelli, per indagare le aspettative sulla città di Savona e la sua accoglienza, le aree o località visitate e la spesa effettuata. La prima fase di ricerca è stata fatta attraverso due questionari: uno sottoposto ad un campione di croceristi al momento dello sbarco in città e un secondo al loro rientro sulla nave. Da questo primo approccio è emerso che oltre il 58% dei passeggeri all’arrivo a Savona si aspetta di visitare una città storica e solo il 26,25% una città di mare; all’imbarco è invece emersa un’elevata soddisfazione della visita della città che, per il 75,45% degli intervistati è stata fatta con l’ausilio della mappe consegnate dal servizio di accoglienza del Palacrociere. Per quanto riguarda invece la spesa, il 70% dell’importo è relativo allo shopping, compresi i souvenir, mentre una parte minore viene dedicata all’acquisto di prodotti enogastronomici.
La seconda parte del progetto di analisi del flusso croceristico ha invece riguardato una ricerca sulle aree visitate dagli ospiti, dotandoli di un Gps per rilevarne con precisione gli spostamenti. I luoghi più visitati, è emerso, sono il centro storico, la Darsena, il Priamar e l’area di Piazza del Popolo (nel giorno di mercato) e la visita dura in media 168 minuti (2 ore e 48 minuti). “Quei 36,7 euro procapite sono un valore importante – ha detto il presidente della Camera di Commercio Luciano Pasquale – che va moltiplicato per migliaia di unità. Ma c’è molto spazio in più che si può guadagnare se si riesce a creare un lavoro di coesione forte tra istituzioni, imprenditori e l’intero sistema di accoglienza”. “In termini economici ed in una fase congiunturale come quella attuale – ha affermato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, presente a bordo della nave Costa – questi sono dati importanti. Costa Crociere è un soggetto che contribuisce a far conoscere il brand di Savona in tutto il mondo; un brand che fino a pochi anni fa era sconosciuto sul mercato internazionale”. Alla fine della presentazione, Confcommercio ha consegnato un riconoscimento a Gianni Onorato, direttore generale di Costa Crociere, a Rino Canavese, presidente dell’Autorità Portuale e ad Emma Mazzitelli, segretario generale dell’Authority per l’impegno ed il lavoro svolto per promuovere e consolidare l’attività del porto di Savona come uno dei più importanti poli croceristici nazionali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: