Sport

I dioscuri di Spagna

Xavi e Iniesta: benvenuti nell’Olimpo del calcio catalano e spagnolo, dove il football è entrato nella storia e nel mito con la più grande e forte rappresentativa nazionale di tutti i tempi. Neanche i brasiliani hanno mai imposto tanta superiorità. Con un programma scaturito, dieci anni fa, dal guscio delle giovanili, del Barca eppoi della Roja, il calcio spagnolo, dopo 40 anni di traversata nel deserto ( l’ultimo e unico trofeo nazionale risale ai lontani europei del 1964), dopo tanta polvere corsa, ha puntato non tanto sui bunker atletici, sui palestrati, sul metro e novanta, ma sul dominio del possesso palla, sulla formula magica del ticke tacke, sulla chirurgica selezione dei piedi buoni, tanto buoni da poter imparare il gioco di prima, il più reattivo, dinamico e veloce, con verticalizzazioni improvvise, perle affrettate, passaggi sul piede.

Un torello agonistico frutto di lunghi allenamenti sul campo, una sauna generosa, rispettosa degli avversari, ma che finisce per mostrare sempre, fateci caso, tutti i loro limiti di gioco, riuscendo ad annichilirli se non ne hanno uno. La Spagna che sfida la storia è un’idea di gioco, a lungo coltivata, impressa ai pulcini delle giovanili, dove i ragazzi più talentuosi vengono informati ad ammaestrare il pallone, non per essere singoli giocolieri, ma undici moschettieri al servizio della squadra. Assistiamo sportivamente all’evo/evento della più potente squadra del mondo, con il suo diramato fraseggio, con una nidiata di campioni dalla visuale periferica, sempre a testa alta, con lanci di 40 metri; palloni rubati, rasoiate nell’area di un avversario guardingo, stremato, ubriacato dalla ola spagnola; un avversario che corre a vuoto in partite decisive che per la marcia reale della Roja sembrano allenamento, un concentrato di divertimento, ripetizione di colpi di classe, di tackete, di passaggi zelanti. Una rosa di giocatori innamorati del bel gioco. Siamo di fronte al siglo de oro dei fondamentali, all’università del calcio. Il piatto perfetto, lo stop addomesticato del pallone, il triangolo stretto, l’invulnerabile retroguardia, un centrocampo corto, assoluto, di valore inestimabile. Un gioco stellare che, programmato con lungimiranza, ha trovato, il tempo materiale per esistere davvero. Triplete, chapeau!

Fausto Benvenuto

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: