Please assign a menu to the primary menu location under menu

Enogastronomia e Ricette

I dolci più buoni di ogni regione d’Italia

Tempo di Natale, tempo di prelibatezze che addobbino e imbandiscano le tavole degli Italiani durante le Feste. In quest’ottica le specialità dolciarie la fanno da padrone ed è per questo che vi presentiamo una mini rubrica che ha lo scopo di valorizzarle regione per regione.

Biancomangiare – Valle d’Aosta

Questo delizioso budino a base di panna deve il suo nome al colore degli ingredienti che lo compongono. Conosciuto come “blanc à manger” in Francia è d’origine savoiarda e può essere ai frutti di bosco, al caramello o al cioccolato. Curiosamente è anche un dolce tipico della lontana Sicilia in cui viene preparato con l’aggiunta di mandorle e della Sardegna.

In origine, questo dolce al cucchiaio, non aveva una ricetta specifica, bensì era una preparazione basata sulle presunte qualità del colore bianco, simbolo di purezza e ascetismo. Si trattava di un cibo destinato alle classi altolocate, ed era caratterizzato dal colore degli ingredienti, tutti rigorosamente di colore bianco, che prevalevano nella sua elaborazione, come latte, riso, zucchero, zenzero bianco, solo per citarne alcuni.
Si ritiene che abbia avuto origine in Francia per la frequente presenza negli antichi ricettari di termini come blanche mangier, balmagier, bramagére. Diffusosi in Italia intorno all’XI secolo, era già presente tra i piatti del celebre banchetto organizzato da Matilde di Canossa per la riappacificazione fra il Papa e l’Imperatore. Venne nominato infatti tra le pietanze preparate da Matilde di Canossa per riappacificare Papa Gregorio VII ed Enrico IV di Franconia. La ricetta è riportata anche da Pellegrino Artusi nel suo famoso libro di ricette “La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: