Sport

I Personaggi de L’Eco – Domiziana Cavanna

Avendo manifestato fin dalla più tenera età una grande passione per gli sports acquatici, prima o poi sarebbe stata destinata a vedere ripagati tanti sacrifici supportati da una straordinaria voglia di arrivare. Per Domiziana Cavanna, nata a Pietra Ligure il 9 novembre 1995, l’occasione si è presentata abbastanza presto visto che a 16 anni ancora da compiere faceva parte della Nazionale italiana juniores che agli Europei giovanili di Belgrado 2011 si aggiudicava la medaglia di bronzo nel libero combinato e l’anno successivo avrebbe debuttato ai Mondiali giovanili disputati nella città greca di Volo. Una vita spesa nella piscina di Savona quella dell’ennesimo gioiello sbocciato nella Rari Nantes, autentica presenza storica nelle discipline acquatiche e in particolare nel nuoto sincronizzato, la cui Nazionale azzurra – sotto la guida di Patrizia Giallombardo, altra ligure doc – ha saputo cogliere nell’ultimo decennio risultati di assoluto prestigio, che rappresentano un vero e proprio fiore all’occhiello per l’intero movimento sportivo della nostra regione. Domiziana e le sue meravigliose compagne lo sanno: neppure lo slittamento a causa dell’emergenza sanitaria dei grandi appuntamenti ai quali erano attese frena le loro ambizioni ma, al contrario, può costituire un’ulteriore motivazione in vista del prossimo traguardo da raggiungere. O meglio, del prossimo sogno da trasformare in realtà…

Domiziana, come e quando sono nati la sua passione per lo sport e il suo desiderio di praticarlo?

«Quando io avevo cinque anni mia mamma aveva scoperto che la piscina di Savona organizzava un corso gratuito di nuoto sincronizzato e ha voluto farmi provare. Dopo due settimane di allenamento gratuito ho deciso di continuare: mi sono appassionata a questo sport e non ho più smesso di praticarlo.»

Chi sono stati i suoi primi maestri?

«La mia prima maestra in assoluto è stata Serena Bianchi, ex atleta di nuoto sincronizzato che nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney. In seguito ho avuto insegnanti come Marcella Bertonasco e Barbara Bonomo e diverse allenatrici, tra le quali Benedetta Parisella, Anastasija Ermakova e Patrizia Giallombardo.»

In quale occasione ha avuto per la prima volta l’opportunità di mettere in mostra appieno le sue qualità?

«Fin da piccolissima ho preso parte ai campionati italiani nella categoria Esordienti A. Successivamente ho avuto modo di farmi notare sia nei campionati della mia categoria che in quelli di categorie superiori; finché al secondo anno nella categoria Ragazze sono stata convocata in Nazionale per partecipare alla Coppa Comen, alla quale sono tornata anche l’anno seguente sempre con buoni risultati. Diciamo che è stata quella la mia prima “vetrina” importante.»

Quali sono state le prime soddisfazioni che la sua carriera le ha regalato?

«Già in occasione dei campionati italiani Esordienti A e categoria Ragazze avevo portato a casa dei buoni risultati: direi che le primissime gioie siano state queste perché vincere una medaglia a una competizione nazionale quando si è così piccoli è una bella soddisfazione. E poi sicuramente le due partecipazioni alla Coppa Comen che ho ricordato poc’anzi, dove la nostra squadra ha conquistato diverse medaglie d’argento e di bronzo. C’erano due classifiche: quella europea, riguardante solo i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, e quella “Open” riservata alle altre nazioni. Nella seconda edizione, oltre che come squadra, ho partecipato anche come doppio: anche in quell’occasione abbiamo ottenuto diversi argenti e bronzi.»

E i risultati di maggior rilievo che ha ottenuto?

«Indubbiamente il campionato del mondo di Budapest 2017 occupa un posto particolare: si trattava del mio primo Mondiale, ero molto felice ed eccitata ma avevo anche un po’ di paura. Ciononostante, come squadra siamo riuscite ad arrivare quarte nel libero combinato e quinte nel programma tecnico. Nel 2018 ho partecipato agli Europei di Glasgow, dove ho vinto la medaglia d’argento nel libero combinato e quella di bronzo nella gara a squadre programma tecnico e libero, mentre ai Mondiali di Gwangju 2019 la nostra squadra si è aggiudicata la medaglia d’argento nella specialità highlight.»

A quale dei successi sportivi fin qui raggiunti è maggiormente legata?

«Indubbiamente quello di Gwangju: salire sul podio di un mondiale è una sensazione unica. Un’altra emozione forte a cui sono legata è poi la medaglia d’argento agli Europei di Glasgow, la mia prima da seniores.»

Quali sono i prossimi traguardi che si prefigge?

«Sicuramente le Olimpiadi di Tokyo, originariamente programmate per quest’anno ma spostate al prossimo a causa dell’emergenza Coronavirus. La squadra non si è ancora qualificata e le gare di qualificazione si disputeranno a marzo 2021. Attualmente il traguardo principale è questo, ma per i prossimi due anni ci attendono tantissimi impegni tra cui gli Europei e i Mondiali, ai quali non intendo mancare.»

E io, naturalmente, vi rivolgo i miei più sentiti auguri affinché questi obbiettivi possano regalarvi tutte le soddisfazioni che meritate. Per concludere, Domiziana: a chi sente di chi sente di dover dire maggiormente “grazie”?

«Anzitutto i miei genitori per avermi sempre sostenuta e tirato su il morale nei momenti difficili che talvolta ho attraversato. Mi hanno sempre seguita in tutte le gare e ancora adesso, nonostante io mi sia trasferita a Roma, cercano di farmi sentire la loro vicinanza così come gran parte dei miei famigliari – mia zia, mia nonna, mio cugino – che, allo stesso modo, non sono mai mancati: senza di loro non ce l’avrei mai fatta. Un ringraziamento speciale va sicuramente a tutti gli allenatori che ho avuto da quando ho iniziato ad oggi, soprattutto quelli attuali che mi stanno dando la grande opportunità di giocare in Nazionale e di portare in alto la bandiera dell’Italia, rappresentandola degnamente in Europa e nel Mondo. Altri ringraziamenti vanno alla Rari Nantes Savona, la mia società di appartenenza, che mi ha accompagnata in tutti questi anni, e al Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato, del quale faccio parte da cinque anni e senza il cui aiuto non mi sarebbe economicamente possibile portare avanti questo mio sogno e pormi obbiettivi sempre nuovi.»

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: