Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀREGIONE

I piccoli borghi attraggono ma si spopolano

In Liguria la maggioranza dei Comuni è sotto i 5000 abitanti

Secondo l’Istat, ben  l’86% dei comuni rurali italiani – quasi 9 su 10 a quanto pare –  sarebbe a rischio abbandono.  L’Istituto di statistica stima infatti che, allo scadere dell’anno 2031,  le zone agricole e rurali del Paese saranno abitate da 9,5 milioni di abitanti, che non sono pochissimi – l’equivalente della popolazione di  Paesi come l’Ungheria o l’Austria- ma mezzo milione in meno a rispetto a ciò che risultava, in tali comuni, nel  nel 2021. Tra dieci anni, pertanto , solo  il 16% della popolazione nazionale vivrà nelle campagne. Un rischio concreto per il futuro dei piccoli paesi, sparsi ovunque in Italia, che costituiscono un patrimonio storico e culturale unico al mondo, conservato nel tempo anche dalla presenza delle imprese agricole, che si impegnano ogni giorno per assicurare la salvaguardia delle colture storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari.

Lo spopolamento rurale del Paese  comporterebbe pesanti conseguenze da un punto di vista sia ambientale che economico: secondo l’analisi di Coldiretti/Ixe, nell’estate 2022,  ben il 70% degli italiani avrebbe scelto di trascorrere le proprie ferie alla scoperta dei piccoli borghi nostrani, da sempre simbolo del Belpaese all’estero e di cui l’agroalimentare Made in Italy è senza dubbio uno dei marchi di eccellenza. Non a caso, secondo l’indagine Coldiretti/Symbola, il 92% delle produzioni tipiche italiane ha origine proprio nei piccoli paesi con meno di cinquemilamila abitanti. A parte che tale affluenza di turisti nei centri di campagna sembra un dato un po’esagerato perchè le spiagge ed il mare e, a seguire, la montagna e le città d’Arte, appaiono le mete preferite dai villeggianti nazionali!

Per quanto riguarda la Liguria, su 234 comuni che ne fanno parte, ben 184 hanno popolazione inferiore a 5000 abitanti e parecchi sono i comuni fra i più piccoli d’Italia, con Rondanina, Fascia e Gorreto, in provincia di Genova, che contano meno di cento abitanti. Pertanto la nostra Regione,  pur densamente popolata, è sensibile nel contesto della problematica dello spopolamento rurale e ben ne sono coscienti le organizzazioni degli agricoltori.

Lo spopolamento dei comuni rurali – spiegano Gianluca Boeri e Bruno Rivarossa, Presidente e Delegato Confederale di Coldiretti Liguria – interessa, purtroppo, anche l’entroterra della nostra regione. Tutto ciò acuisce la situazione di solitudine delle aziende agricole, aumentando la tendenza allo smantellamento non solo dei servizi, ma anche dei presidi e delle forze di sicurezza presenti sul territorio”. Nonostante il saldo demografico critico e il progressivo calo della popolazione dei nostri entroterra siano certamente preoccupanti, “siamo ancora in tempo per trovare delle soluzioni concrete – affermano Boeri e Rivarossa – ricreando opportunità e occasioni per i giovani, per farli restare o tornare nelle aree interne della nostra regione. Diversi studi certificano che la qualità della vita in ambiente rurale è migliore: anche per questo, dobbiamo creare opportunità di sviluppo e crescita del comparto agricolo, lavorando in sinergia con le istituzioni per concedere ai giovani le agevolazioni e incentivi necessari e sufficienti a far scegliere loro, alla fine, di tornare ad abitare e a vivere alcuni degli scorci più belli e incontaminati della nostra Liguria”.

E’ da ritenere e da sperare, in ogni caso, che, pure per le tipicità positive – e di attiualità- esposte dai due rappresentanti di Coldiretti, i piccoli paesi avranno un futuro, magari diverso da ciò che ci si attende, ma un futuro di ritorno e di altre opportunità!

 

Immagine: uno scorcio di Rondanina, 60 abitanti al 31 maggio 2022, da La mia Liguria

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: