Sport

I preparatori atletici ed i dirigenti sportivi si incontrano all’Isfi di Savona

Lo sport ha sempre avuto un’enorme importanza nella vita quotidiana, sia per gli enormi benefici che porta praticare un’attività sportiva, sia per il divertimento che esso ci da in ogni sua pratica. E proprio di sport si è parlato nel corso di questo incontro, svoltosi venerdì 8 giugno presso l’istituto di fisiokinesiterapia Isfi di Savona; in particolare dell’importanza che ha la medicina sportiva in tutti gli ambiti delle attività agonistiche ed amatoriali, per la tutela e la salute degli sportivi.

Attraverso i vari interventi sono state trattate nel dettaglio le patologie specifiche degli atleti e si sono inoltre analizzate tutte le fasi del trattamento di un infortunio. Dopo l’introduzione da parte di Riccardo Rampazzo (titolare dell’istituto, esistente sin dal 1977) ha aperto l’incontro il dottor Roberto Lucifredi, sottolineando l’importanza di una visita medico-sportiva, ossia la visita per verificare l’idoneità di un atleta per l’attività sportiva, e spiegando come essa si svolga. Successivamente ha preso la parola il dottor Francesco Praino (fisiatra), illustrando il ruolo della fisioterapia nella prevenzione e nella cura dei “traumi da sport” e degli infortuni più comuni. Parlando nello specifico per quanto riguarda l’ambito della cura successiva ai traumi è intervenuto il dottor Paolo Franzi (Ortopedico), il quale ha spiegato come si svolgono diagnosi e terapia delle patologie più comuni di spalla e ginocchio (le più diffuse tra gli atleti) e correlato a ciò il dottor Alberto Calimazzo (responsabile di Donjoy Italia) ha illustrato gli aspetti della tutorizzazione, vale a dire la corretta applicazione di tutori, presentando alcuni nuovi modelli presenti nel catalogo della società americana. A concludere l’aspetto più “pratico” della fisioterapia è intervenuto l’osteopata e fisioterapista dottor Davide Carlini, che ha invece illustrato come vengono trattati i disturbi degli atleti per quanto riguarda muscoli e tendini, presentando inoltre i rischi se si possono correre nel trascurare questi problemi. Per quanto riguarda l’aspetto più chimico è stato fondamentale l’intervento della dottoressa Alice Olmo (biologo e nutrizionista) che ha analizzato l’importanza di una dieta sana ed equilibrata ai fini di una buona salute per fare dello sport.
Ultimo intervento dell’incontro quello del dottor Marco Ventura (psicologo), la cura ed il recupero successivi ad un trauma sono importantissimi non solo a livello fisico ma anche a livello psicologico, e su questo aspetto sono state illustrate le tecniche con le quali lo psicologo aiuta l’atleta a superare il trauma dovuto ad un infortunio. Una serata quindi dedicata alla medicina sportiva a 360 gradi, spaziando tutti i suoi ambiti e sottolineando quanto sia importante per gli atleti (agonistici ed amatoriali) praticare sport non solo in maniera corretta ma con la consapevolezza di essere in possesso di un’idoneità sportiva che solo quei dieci minuti di visita annuale possono darci.

Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: