mercoledì, Giugno 19, 2019
Home > Attualità > I vaccini continuano a far discutere

I vaccini continuano a far discutere

Le malattie sono una minaccia per l’umanità, abbassare la prevenzione (vaccini) può riaprire la porta al ritorno di varie gravi infermità che si ritenevano debellate, anche a fronte di immigrati malati o portatori sani. L’organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che la soglia di successo sia 95% di vaccinati,valore che l’Italia non raggiunge L’obbligo alla vaccinazione, in Italia è stato in vigore sino al 1999. Disinformazione e allarmismo creano confusione e paure infondate. Non si tratta di emergenza, ma preoccupazione per la situazione riscontrata in alcune Regioni. Le Regioni, da una recente indagine operata dalle ASL su indicazione del Ministero della Sanità che promuove e tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, risulta siano andate in ordine sparso. Le maggiori contestazioni si sono verificate da parte di famiglie con più
elevato grado di istruzione specialmente in Veneto e Liguria. Il Veneto, che ha una buona adesione ai vaccini, non approva l’obbligo, propone informazione e convinzione, come avviene in Germania e Inghilterra Con il DL del l 7 giugno 2017, il Ministero ha voluto disciplinare la materia, visti i livelli bassi raggiunti in Italia (es Toscana) I vaccini sono passati da 4 (anti polio, difterite, pertosse,epatite), a 10 (anti meningite, rosolia, morbillo, parotite, varicella, influenze), per ragazzi da 0 a 16 anni. Chi va a Scuola d’Infanzia o Materna deve essere provvisto di attestato di vaccinazione, chi va alle Elementari, in mancanza, viene segnalato all’Asl per verifica situazione. Qualora i genitori rifiutassero la vaccinazione, segnalazione per eventuali sanzioni pecuniarie sino a 7.500 euro e estrema ratio, per valutare la revoca della patria potestà In caso di contestazioni giudiziarie tempi lunghi che mal si conciliano con il diritto/dovere di frequenza scolastica come ha segnalato il Ministro dell’Istruzione Il problema preoccupa, in particolare per gli immunodepressi (i più a rischio): ‘Unione Europea, lo ha posto all’ordine del giorno della apposita Commissione per il 12/9/2019 ed anche il Presidente Trump ha invitato gli americani a vaccinarsi. Sicuramente le Scuole saranno in difficoltà ad operare, Deve esserci una campagna di chiarezza contro chi senza basi scientifiche, critica i vaccini, usando i media e una opera di convinzione da parte dei medici di famiglia e pediatri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *