Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀCULTURAREGIONE

Il 24 e 25 novembre “Blue Skills”, due giornate per scoprire le professioni legate all’economia del mare

Due giornate dove incontrare le aziende della Blue Economy, sostenere colloqui individuali di reclutamento, approfondire le opportunità formative offerte dal Centro del Mare dell’Università di Genova e dall’Accademia Italiana della Marina Mercantile, e non solo; è stata presentata “Blue Skills”, la manifestazione organizzata dal Genova Blue District con i suoi partner che per due giorni, tra giovedì 24 e venerdì 25 novembre, consentirà a giovani e meno giovani di scoprire le nuove competenze richieste dalla transizione verde e digitale della Blue Economy, incontrando imprese e professionisti legati all’economia ed agli sport del mare. Inoltre, durante le due giornate che si svilupperanno in presenza negli spazi del Genova Blue District in Via del Molo 65/R, i partecipanti avranno la possibilità di incontrare alcuni professionisti degli sport legati al mare e scoprire come fare una professione di una passione e di una competenza specifica, utilizzando le skill guadagnate sul campo. Alle due giornate parteciperanno molte aziende e realtà capaci di dare uno spaccato a 360 gradi della Blue Economy e di portare molte opportunità ai candidati; giovedì 24 ci saranno Alfa Laval Italy, Amico, Edgelab, Ente Bacini, Genova for Yachting, Genova Industrie Navali, Gruppo Messina, InTempo, Le Navi, Medov, Ogyre, Spediporto, Coldiretti Impresa Pesca mentre venerdì 25 Assagenti, Assiterminal, Autorità di Sistema Portuale, Confindustria Nautica, Costa Group, Federlogistica, Genoa Business Unit, Gi Group, Grandi Navi Veloci, Head Cold System Genova, MSC, Muds, On AIR, Randstad, Red Fluid Dynamics, Staff.

“Il 24 e 25 novembre avremo tante aziende del settore che illustreranno i loro progetti per il futuro mentre nel pomeriggio ci saranno incontri specifici”, dichiara Claudio Oliva, Direttore Job Centre, “ed è molto importante che l’evento si svolga in presenza. La formazione è fondamentale e proprio in questa occasione realtà consolidate come il Centro del Mare e l’Accademia della Marina Mercantile presenteranno le loro offerte formative; durante questi due giorni ci saranno laboratori esperienziali mentre venerdì 25 novembre, al pomeriggio, avremo un incontro con le professioni dello sport legate al mare”.

Parole simili da parte di Francesco Maresca, assessore a porti, mare e pesca  :”Il Blue District è molto importante per la città e questo evento permette l’incontro tra aziende, ragazzi ed enti di formazione in presenza; tutto ciò è anche importante per i disoccupati perchè il settore fa da traino all’economia nazionale ed è fondamentale per la città. I giovani conoscono poco l’offerta professionale del mondo del mare e del Porto di Genova e questo settore è in crescita anche per le opere che si faranno; questo distretto è nato per coinvolgere le diverse realtà senza dimenticare le start-up che qui creano importanti progetti sulla sostenibilità e l’innovazione. Ringrazio l’Università, il CNR e l’Accademia della Marina Mercantile per cosa fanno e per i legami che creano con le diverse realtà; da qui nasce la crescita e questo modello deve essere esportato. Il settore in questione ha tante possibilità soprattutto per i giovani e sono molte le prospettive di impiego anche nella logistica; gli sbocchi sono molteplici e spero che i giovani ne possano approfittare”.

“Ricopro da pochi mesi questo incarico e sono colpito positivamente perchè il lavoro segue le direttive del sindaco Bucci”, prosegue Mario Mascia, assessore allo sviluppo economico e demanio marittimo, “e questa è una grande opportunità di lavoro. Genova è una città policentrica tra il mare e i monti e proprio il mare avrà nei prossimi anni grandi progetti come il Waterfront ed il Ribaltamento a Mare; la città deve aprirsi al porto e viceversa. Ringrazio il professor Giovine dicendo che è necessario collegare il porto all’università; è altrettanto importante creare legami tra il lavoro, lo sviluppo economico, il porto e l’urbanistica senza dimenticare la creazione di un tavolo con i rappresentanti dei sindacati, delle associazioni e delle scuole. La blu economy è un importante focus di attività per il lavoro e gli stakeholders vengono a contatto con i giovani; per noi è fondamentale essere facilitatori nella presa diretta tra le aziende e chi cerca lavoro. La formazione e l’orientamento devono essere legati alle richieste delle aziende ma voglio ricordare che le infrastrutture hanno ricadute occupazionali importanti per cui serve attuare percorsi virtuosi”.

“Ringrazio lo staff dicendo che le skills sono importanti ma servono persone e per noi è importante far crescere gli studenti; l’interazione con tutte le realtà del territorio è necessaria così come il percorso formativo deve essere legato alle richieste delle aziende. Questi sono giorni fondamentali per i giovani e lavorare insieme è importante; l’università deve insegnare ai giovani a crescere ed affrontare i problemi. L’Università di Genova è al primo posto per le potenzialità nella blu economy e qui abbiamo più di 400 tra ricercatori, professori e dottorandi, vere eccellenze; questo è il contesto giusto per far crescere i giovani. Il Centro del Mare mette le competenze a sistema con esperti di settori diversi con l’interesse per il mare e questo è il modo migliore per conoscere problemi complessi; miglioriamo cosa c’è per far interagire le competenze ed i percorsi di studio sono adattabili ai cambiamenti”, conclude Marco Giovine, Università di Genova – Centro del Mare.

Il programma completo di “Blue Skills” è presente al seguente link : www.genovabluedistrict.com/wp-content/uploads/2022/11/locandina-Blue-Skills.pdf.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: