Attualità

Il comitato cittadino della resistenza antifascista discute sull’attentato di Brindisi

Tutti siamo profondamente sconvolti dal terribile attentato di Brindisi che è costato la vita a Melissa. Un gesto tremendo che arriva a pochi giorni da una data simbolica nella storia del nostro Paese. Il 23 maggio prossimo sarà il ventennale della strage di Capaci, il vile attentato mafioso nel quale persero la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i 3 agenti della scorta. A quell’attentato ne seguì un altro il 19 luglio di vent’anni fa, un’altra bomba che costò la vita al giudice antimafia Paolo Borsellino ed alla sua scorta.

Fu quello un periodo drammatico, nel quale la mafia sfidò apertamente lo Stato, seminando terrore e sgomento. Tuttavia, quella tragedia segnò il meraviglioso risveglio della coscienza civile dell’Italia onesta. Lavoratori, studenti, associazioni, semplici cittadini si mobilitarono tutti assieme contro la mafia ed in difesa della legalità; meno di 3 anni dopo quelle stragi nacque Libera. Questo movimento collettivo ha simbolicamente sostenuto e rafforzato, da allora, il lavoro quotidiano di tanti Magistrati ed ha contribuito ad infliggere colpi durissimi alle organizzazioni mafiose. Purtroppo però, la mafia esiste ancora, si diffonde e si trasforma, a maggior ragione in questi periodi di crisi economica. Sabato poi, c’è stato questo terribile ed inedito attentato alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi. Non sappiamo ancora se il gesto sia da addebitare alla mafia oppure sia di natura eversiva o altro ancora. Certo, pur augurandoci che gli esecutori materiali ed i mandanti dell’attentato di Brindisi vengano al più presto assicurati alla giustizia, occorre ricordare che la storia della nostra Repubblica è segnata da tante stragi che dopo decenni sono ancora senza colpevoli.  La scuola è il luogo dove si formano le generazioni future, il luogo nel quale attraverso l’esercizio di una funzione educativa collettiva si preparano i giovani al passaggio dal guscio protettivo delle famiglie alla società. Se si colpisce una scuola si colpisce davvero al cuore lo Stato: si colpiscono gli studenti che sono i lavoratori di domani, ma si colpiscono anche i genitori che sono anche i lavoratori di oggi. L’attentato ad una scuola quindi, riguarda tutti ed è necessario che tutti assieme manifestiamo il nostro sdegno, esattamente come avvenne nel ’92. Per questo, senza nulla togliere alla vostra straordinaria voglia di partecipazione e di passione, sbaglia chi crede che lo sdegno e il dolore di questa tragedia appartenga solo a voi studenti e sbaglia chi usa la categoria della “strumentalizzazione” per descrivere il tentativo del mondo delle Associazioni savonesi di organizzare a Savona un’unica manifestazione capace di dare una risposta forte e unitaria. Ieri in Comune si è riunito il Comitato antifascista per concordare un’iniziativa unitaria. Come sempre avviene quando si deve mediare tra proposte differenti, c’è stata un’ampia discussione che ha portato ad una conclusione appunto di mediazione, che ha lasciato alcuni insoddisfatti (ad esempio alcune Associazioni proponevano la fiaccolata alla sera). Tuttavia, alla fine abbiamo riconosciuto la necessità che ci dovesse essere un’unica manifestazione al mattino che tenesse assieme i fatti di Brindisi con la commemorazione della strage di Capaci, con una visibilità assoluta per gli studenti; con questo proposito ci siamo subito attivati affinché la manifestazione venisse autorizzata. Allo stesso tempo, proprio per dare la risposta più ampia possibile, dalla piazza ai luoghi di lavoro, abbiamo proposto una fermata simbolica in tutti i posti di lavoro ed è stato deciso di avanzare la richiesta ai commercianti di abbassare simbolicamente le serrande al passaggio del corteo e ai sindaci dei Comuni della provincia di partecipare con i loro gonfaloni. Quella riunione si è conclusa con la scelta di un’impostazione, che per noi sarebbe stata quella giusta, perché prevedeva una risposta collettiva, diffusa sul territorio con le fermate nei posti di lavoro ed allargata alle Istituzioni. Tuttavia se voi ritenete che quella di domani mattina debba essere una manifestazione autogestita dai soli studenti, crediamo sia giusto che abbiate un vostro momento di riflessione e di dialogo. Al tempo stesso crediamo che da parte nostra sia giusto promuovere un presidio di tutta la cittadinanza, quindi allargato anche a voi studenti, da tenersi a partire dalle 17,30 presso il Monumento ai Caduti di Piazza Mameli. Il suono della campana sarà anticipato alle 17,58, perchè quella è l’ora dell’esplosione che ha causato la strage di Capaci. Sarà esposto nell’occasione lo striscione realizzato dalle Scuole Elementari Astengo di Savona, vincitrici del concorso nazionale “Per questo mi chiamo Giovanni – un fumetto per ricordare la lotta per la legalità di Giovanni Falcone”. La nostra vuole essere una manifestazione di tutti, perchè a tutti appartiene il dolore per la morte di Melissa, così come a tutte le nostre associazioni appartiene da sempre l’impegno in difesa della legalità contro tutte le mafie e le forme di eversione: valori importanti che devono appartenere a tutte le generazioni senza distinzioni.

Aderenti al Comitato:
A.C.L.I.
A.N.E.D.
A.N.P.I.
A.R.C.I.
Associazione Donne in Nero contro la guerra
Associazione Sandro Pertini
C.G.I.L.
C.I.S.L.
Circolo Cristoforo Astengo – F.I.A.P.
Comune di Savona
Emergency
F.I.V.L.
I.S.R.E.C.
Libera – Associazione Don Beppe Diana
U.I.L.
Unione Donne in Italia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: