Attualità

Il Comune di Savona insiste contro la Deutsche Bank

Aumenta sempre di più il conto delle spese legali che il Comune di Savona deve sostenere per la presecuzione della causa in corso contro Deutsche Bank presso i tribunali inglesi. Ai 131 mila euro di onorari e spese trasferiti sui conti londinesi dello studio legale Seddons, difensore del Comune nel giudizio di appello davanti all’Alta Corte di Giustizia di Londra, se ne devono aggiungere altri 30 mila perché il Comune di Savona opporrà ricorso,  a sua volta, nei confronti del collegio dei lord della Royal Court of Justice che, ribaltando il giudizio di primo grado della Commercial Court, a seguito del ricorso della Banca tedesca, ha stabilito che la giurisdizione di competenza della causa in corso è proprio Londra, ovvero la magistratura inglese, mentre l’Amministrazione comunale di Savona, chiedeva fosse riconosciuta la competenza dei giudici italiani.

Come suggerito dai legali del Comune, alla modica spesa di 30.000 euro, sarà proposto appello contro questa sentenza presso la Corte Suprema di Londra, nel tentativo, sempre più complicato, di far valere le proprie ragioni nei confronti dell’istituto bancario tedesco che ha chiesto sia riconosciuta la validità e l’efficacia di un contratto in prodotti derivati (swap) da 45 milioni di euro stipulato nel 2007. Si trattava di un mutuo pluriennale (durata fino al 2036) collegato alla necessità di allungare il debito del Comune dal breve – medio termine al lungo termine, ovvero per operare una ristrutturazione del debito.

Strumenti finanziari derivati, che se fossero emessi da Banche italiane ci sbrigheremmo a considerare mel peggiore dei modi, che nei primi anni di vigenza del contratto avevano generato flussi finanziari favorevoli al Comune perché regolati da un tasso fisso, ma che successivamente sono diventati sempre più onerosi. Così se inizialmente la ristrutturazione del debito aveva concesso un po’ di respiro al Comune, da qualche anno il trend è diventato negativo per le casse del Comune di Savona e continuerà a peggiorare in futuro con esborsi sempre più rilevanti, in modo indipendente dall’andamento dei tassi.

Non a caso il Comune di Albenga, che era incorso in un problema simile, ha abbandonato le vie giudiziarie, giungendo ad una transazione con la stessa banca tedesca, confermando la validità del contratto in cambio di alcuni sconti sugli interessi da pagare. Su di un migliaio di contenziosi analoghi intentati da enti locali italiani risulta che solo il Comune di Prato è riuscito a spuntarla davanti ai magistrati. Ed è appunto ciò che dovrebbe far riflettere i legali del Comune di Savona, il cui ottimismo non è molto suffragato, ma  con 160.000 euro in tasca avranno regione di esserne animati, e far ritenere loro che, alla fine, anche l’Ente savonese dovrà addivenire ad una transazione. Comunque speriamo bene!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: