Musica

Il giro del mondo in 80 giorni a Savona

Dopo la prima a Pietra Ligure, i Nati da un Sogno ritornano con il musical di grande successo “Il giro del mondo in 80 giorni” nell’antico scenario della Fortezza del Priamar di Savona, uno dei più bei palcoscenici della Riviera dei Fiori. Dall’arena estiva del Piazzale del Maschio verremo catapultati, guarda caso in periodo di Olimpiadi, in una delle più importanti capitali europee, Londra, da dove verrà lanciata la sfida del Reform Club al lord inglese Phileas Fogg di, come dice il titolo, circumnavigare il globo proprio in 80 giorni.

L’invito è di partecipare numerosi questa sera alle ore 21, anche per aderire ad una buona causa: l’incasso dello spettacolo, ad offerta libera, sarà devoluto in beneficienza al “Progetto Salvaterra” della Croce Bianca di Savona, che prevede l’installazione di 4 nuovi defibrillatori in Piazza Sisto IV a Savona.

Scheda tecnica Il giro del mondo in 80 giorni

Testi: Dario Tarditi
Sceneggiatura: Andrea Chiovelli
Selezione Musiche: Roberta Bonino

Phileas Fogg è un gentleman londinese, persona elegante, estremamente precisa, metodica e abitudinaria al limite della fissazione. Un giorno viene coinvolto in una scommessa lanciata da alcuni membri del Reform Club, che discutono sulla possibilità di effettuare un viaggio attorno al mondo in soli ottanta giorni. Fogg incredibilmente, punto nell’orgoglio, accetta la scommessa, la cui posta in palio è di un milione di sterline, e parte immediatamente, accompagnato dal suo maggiordomo Passepartout. Durante il viaggio, ricco di sorprese e di contrattempi, i due utilizzeranno i più svariati mezzi di trasporto (mongolfiere, treni, elefanti) e si troveranno coinvolti in movimentate avventure, quali il salvataggio della principessa indiana Auda, che seguirà Fogg fino a Londra e diventerà sua moglie. Durante l’intero percorso, Fogg viene inseguito dal detective Fix, che lo crede responsabile di una rapina presso la Banca d’Inghilterra. Al ritorno a Londra, proprio all‘ottantesimo giorno di viaggio, questi lo arresta, facendogli apparentemente perdere la scommessa. Ma, quando tutto ormai è perduto, Passepartout scopre che, avendo sempre viaggiato verso oriente, hanno guadagnato una giornata rispetto agli ottanta giorni previsti… Un musical “alla Broadway”, fatto di battute, risate, situazioni comiche e paradossali, coreografie buffe e travolgenti. L’assoluta ilarità e quel pizzico di scanzonata follia che accompagna per tutto l’incredibile viaggio i due protagonisti sono il marchio di fabbrica di un musical totalmente originale, realizzato scrivendo da zero il testo e unendolo a musiche scelte, riarrangiate, riscritte e ripensate appositamente per questo spettacolo. I caratteri totalmente opposti di Fogg, preciso al limite della paranoia, e Passepartout, chiassoso e decisamente appassionato del gentil sesso, portano spesso a contrasti che si risolvono in pura comicità, mentre i vari personaggi di sfondo creano le situazioni che portano all’alternanza tra scene a volte divertenti e colorate, altre epiche e battagliere, o ancora malinconiche e introspettive. Tra vecchi milord, ballerine di can can, donnaioli, cowboy sbruffoni, bramini indiani sanguinari ed elefantibus, lo spettatore verrà proiettato nel mondo a vapore dell‘800 in un viaggio attraverso le culture, i costumi, gli stili musicali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: