AttualitàPolitica

IL GOVERNO/COMITATO DI SALUTE PUBBLICA

Data l’eccezionale situazione e i notevoli disagi che stiamo vivendo vorrei esprimere alcune considerazioni.
Preciso che è mia ferma intenzione in questo periodo particolare della nostra vita quella di avere un approccio pragmatico stile statunitense: “Right or wrong it’s my country” che tradotto significa “giusto o sbagliato è il mio paese”.
A questa mia intenzione devo unire l’insegnamento socratico, quello per cui si ubbidisce a leggi (o per la precisione decreti legge) ingiusti, pur se possano perfino rasentare l’assurdo e l’idiozia.

In data 17 germinale dell’anno 1, (6 aprile 1793) fu istituito in Francia il Comitato di salute pubblica, Comitato che portò alla ribalta Robespierre ad al periodo del Terrore. Nessuno può prevedere il futuro, guardando il recente passato, in data 9 marzo 2020 potremmo dire che è stato varato il nuovo ” Governo/Comitato di Salute Pubblica”.

Non è mia intenzione affrontare argomentazioni prettamente giuridiche, come se sia lecito tramite decreti della presidenza del consiglio limitare la libertà di movimento se non in caso di guerra. Chi desidera potrà trovare risposte a questi dubbi nei recenti interventi di Sabino Cassese esternati tramite vari media.
Altre riflessioni potrebbero riguardare la fallimentare riforma del titolo 5 della nostra Costituzione, attuata dal governo Prodi nel 2001.
Presumo che possa risultare difficile ricordarci che l’Italia è uno stato nazionale e non uno stato Regionale Federale (inconcepibile che leggi nazionali possano essere smentite o in contraddizione con 20 decreti regionali e circa 5000 ordinanze comunali).

A mio avviso il 9 marzo 2020 sarà considerata in futuro una data cardine. Dopo i governi “etici” di stampo idealista del 1900 ora abbiamo un Governo/Comitato di salute pubblica di ispirazione pseudo scientifico tecnocratico. Ricordo solo brevemente come fascismo, nazismo e comunismo abbiano avuto origine da un humus filosofico di tipo Hegeliano. I primi due hanno aggiunto un travisamento della filosofia Nietziana, il terzo ovviamente è stato espressione di una deriva Marxista, quella Leninista.

Gli anni 2000, forse anche per coincidenza storica, (la marcia su Roma è del 1922) esprimono per la prima volta un vero e proprio governo comandato da quella che Emanuele Severino ha chiamato la tecne. Chi consoce la scienza, in particolare quella che è l’arte medica, sa che essa non esprime certezze assolute, ma notevoli dubbi. È confortante vedere ogni sera in televisione esperti boriosi e pieni di certezze.
A tutti (tranne che ai nostri legislatori) è noto che il comportamento individuale è condizionato da fenomeni collettivi, culturali, economici, tradizionali, ambientali, climatici.
Da ciò che ho appena scritto ne deriva che le azioni degli esseri umani sono difficilmente prevedibile; cercare di normarli o regolamentarli in ogni aspetto tramite l’azione legislativa rasenta risulta chiaramente  impossibile, chi si ostina nell’intento rasenta la follia.

In data 18 aprile 2020, il commissario all’emergenza corona virus Domenico Arcuri, ha dichairato che nei cittadini è presente una falsa idea, quella di scegliere se morire di Corona virus o di “povertà”. Dilemma affascinante, specie se espresso nei confronti dei cittadini italiani, popolo il cui patrono è San Francesco d’Assisi, il quale sembrava accettare con felicità la compagnia delle
sorelle povertà e morte.

Tutti noi dovremmo ringraziare il Governo/Comitato di Salute Pubblica perché esso pone a  sé stesso e a tutti noi interessanti contraddizioni forse irrisolvibili.
Caratteristica unica di questo nuovo governo è  che i ministri intervengono traducendo le direttive degli esperti in legge (per ora decreti) per farci capire cosa sia bene o male per noi. In precedenza, gli stati “etici”, quelli che volevano forgiare il nuovo uomo hanno aderito acriticamente ad astratte teorie che si sono rivelate totalmente strampalate.
Questi governi totalitari hanno cercato di indirizzare con la forza la vita e il pensiero delle persone. Come si è potuto notare hanno prevalso le democrazie e gli stati liberali. In estrema sintesi è meglio fornire poche e chiare direttive, ma ciò è noto fin dai tempi di Mosè, (10 comandamenti fondamentali possono essere più che sufficienti), in fondo semplificando enormemente negli stati liberali vige un unico e semplice principio: ciò che non è dannoso e non limita la libertà altrui può essere ritenuto lecito e attuabile dal singolo individuo.

Da ormai oltre un mese vari ministri indicano ai cittadini cosa sia meglio per loro, avendo creato così una specie di Governo/Comitato di salute pubblica, in cui è palese che sono i ministri a decidere cosa sia bene o male per noi. Certo appare un tantinello paternalistico, per i nostri governanti non è possibile lasciare la libertà di scelta al singolo cittadino, perché esso potrebbe non optare per il giusto agire. Bene e male sono categorie filosofoche e non politiche. I nostri ministri ignorano sicuramente la piramide dei bisogni di Maslow, in cui un grafico a forma di piramide rappresenta i bisogni primari. Alla base sono i bisogni fisiologici (bere, magiare, dormire), successivi quelli di sicurezza (integrità fisica, proprietà), poi appartenenza (amicizia, amore) ed infine quelli di autorealizzazione.

Lo schema di Maslow è semplice e pragmatico, basterebbe conoscerlo e applicarlo. A chi è lettore dei Vangeli dovrebbe venir in mente che: “Non di solo pane vive il figlio dell’uomo”. In altre parole, non basta fornire solo cibo e acqua.
In questi giorni appare in tutta la sua drammaticità come sia difficile la misurazione o la valutazione
dei “bisogni umani”. I cittadini italiani si possono spostare per lavoro o per necessità fondamentali, quali fare la spesa (cibo e acqua) o lavorare. Alcune lavoratori, le cui attività sono state legalmente (e arbitrariamente) classificate come non essenziali sono costretti a casa. Non è discriminatorio? Come si può decidere se un lavoro è fondamentale? Per chi lavora ogni attività risulta ovviamente fondamentale, altrimenti come potrebbe vivere? I nostri ministri paiono essere totalmente a digiuno di psicologia, Sigmund Freud ha ampiamente dimostrato l’importanza della sessualità e degli affetti, ma gli attuali decreti prevedono che un fidanzato non possa andare a trovare la fidanzata.

Dopo anni di lotte e rivendicazioni, la legge tutela le unioni omosessuali e le convivenze di fatto, ma i fidanzati non hanno dignità legale. Per ovviare alla palese discriminazione, dato che per evitare la salata contraddizione è necessario certificare il proprio status, dovremmo consigliare un apposito registro dei fidanzamenti.
Un figlio/a maggiorenne, uno zio od un nonno non possono recarsi presso i propri
famigliari, pena multe salatissime, (questi non sono bisogni fondamentali). È pur vero, uno non rishcia la morte se non frequenta i propri cari, ma la nevrosi è sicura. Quindi il Governo/Comitato di Salute Pubblica ci salva sicuramente la vita, pensa alla nostra salute preservando l’integrità del corpo, ma incanalandoci nella nevrosi, senza aver modo di poter minimamente contribuire alle cure psicologiche, dove troverà mai i soldi?
Per evitare spiacevoli contraddizioni, come precedentemente scritto, mi permetto di offrire alcune modeste proposte ai nostri governanti:
Abolizione immediata della festa del Papà e della mamma. Ciò che non è riuscito agli stati totalitari, abolire la famiglia forse potrà essere uno dei primi obbiettivi del Governo/Comitato di Salute Pubblica.
Abolite con decreto immediato San Valentino, ormai inutile residuo commerciale capitalistico, cosa se ne fanno mai le persone di un sentimento inutile come l’amore di coppia? Inoltre dopo la crisi del Corona virus chi avrà più i soldi per poter comprare un regalo o andare a cena?
Altrettanto valga per la festa del nonno (si celebra Il 2 di ottobre); ammesso che i nonni sopravvivano al Corona virus, il reciproco affetto tra nonni e nipoti pare essere ormai inutile.
Per il bene pubblico suggerirei al governo di vietare esplicitamente tutte le nostre abitudini voluttuarie, in fondo esse sconfinano sempre con i vizi. Da domani, oltre alle sostanze psicotrope, chiarmente illegali, converrà vietare alcool, sigarette, cioccolata e vari tipi di spezie (per ora legali e dannose per la nostra salute) tutte ufficialmente già catalogate come droghe, la loro assunzione non è vitale, molte di esse sconfinano perfino con vizi morali, che sarà mai un piatto insipido o privo di sapore?
Per non far perdere tempo, pur con parruchieri ed estetiste chiuse suggerisco al governo di arrestare tutti coloro che si ostinano ad avere peli o ancor peggio capelli. È risaputo come essi siano igienicamente controindicati, chi li porta è un sovversivo contrario alla salute.
Inviterei il governo anche all’obbligo di comportamente più ecologici. La doccia deve durare meno di 5 minuti, la temperatura deve obbligatoriamente essere di 24° (è scientificamente dimostrato essere la migliore).

All’epoca del Comitato di Salute Pubblica (francese) era in voga la teoria dell’homme machine. Secondo i filosofi illuminisri, l’uomo poteva essere paragonato ad un meccanismo di leve, perni e bulloni.
Il precedente paradigma può essere vero per la disciplina medica della traumatologia, le nostre ossa sono delle leve. Purtrpoppo questa corrente si era scordata i sentimenti che “oliano” il nostro meccanismo, il quale possiede non trascurabili componenti biologiche, chimiche e psicologiche.
Successiva all’homme machine è seguita la teoria dell’uomo computer. Questa crisi ha dimostrato come l’infomatica non offre tutte le meravigliose soluzioni che pare aver promesso finora.
Nelgi U.S.A ed in altre zone del mondo si è scoperto che le linee non riesono a gestire l’enorme traffico richiesto dalla attuale stato di crisi. Inoltre volete mai paragonare un abbraccio o un bacio virtuali ad uno reale?

Scritto tutto ciò, esprimo i miei migliori auguri al nostro governo:  a quanto pare è davvero difficile voler totalmente tutelare la salute di ogni singolo cittadino.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: