Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Il grande ritorno del Concerto di Fine Anno al Chiabrera

Tutto è pronto per dare la stura alla riedizione di un evento che per 18 anni consecutivi era stato un fiore all’occhiello della Savona culturale.Si tratterà di un classico concerto lirico che si aprirà con Verdi e Rossini – con le voci dei cantanti Silvia Beltrami, Marco Filippo Romano e Paolo Ingrasciotta -, che poi proseguirà con le musiche di Johann Strauss jr
Il concerto di fine anno che su volontà della neo amministrazione si potrà gustare giovedì 30 dicembre alle 21.15 al Teatro Chiabrera di Savona, quale evento conclusivo di una giornata dedicata alla cultura, vedrà protagonisti l’Orchestra Sinfonica di Savona e il Teatro dell’Opera Giocosa, con un programma che guarda alla classicità, ma anche all’innovazione. Assente da ben cinque edizioni, nel segno della ripartenza, sarà senz’altro una bella festa, un gettare il cuore oltre l’ostacolo, un messaggio di luce. L’iniziativa è stata fortemente voluta e sostenuta dalla Fondazione Agostino De Mari. Per la prima volta nella storia del concerto, i due centri di produzione musicale cittadini collaboreranno proponendo un programma in parte lirico e in parte sinfonico. La serata, a ingresso gratuito(sempre su precisa volontà del Comune) culminerà come da tradizione con gli auguri di un buon 2022.
“Il concerto di fine anno è il culmine di una giornata ricca di eventi ha affermato, nell’incontro con la stampa, Nicoletta Negro, assessore alla cultura.Le porte dei luoghi culturali saranno infatti aperte e fruibili, in segno di speranza e di nuovo avvio. L’obiettivo è anche quello di valorizzare la città e i suoi interpreti culturali, ma sempre con uno spirito natalizio. Questo è un inizio (pur sempe rischioso) e speriamo che il Covid ci permetta di realizzarlo: è un regalo che facciamo e ci facciamo in un periodo ancora molto incerto.La città ha voglia di rialzare la testa e manifestazioni, come il percorso errante della Banda Forzano non posso far altro che aiutare la ripresa”. Claudio Gilio, presidente dell’Orchestra Sinfonica ha spiegato ai presenti nel foyer : “Con l’appena eletta amministrazione comunale di Savona c’è stata subito una visione comune che ha riguardato in particolare il rilancio dell’orchestra nel panorama culturale cittadino. L’Orchestra Sinfonica di Savona è radicata sul territorio grazie a diversi progetti, come il Voxonus Festival, ma anche attraverso la formazione giovanile. La nostra volontà è quella di coinvolgere sempre più giovani nella sfida musicale, e perciò lavorativa (per fare un esempio occorreranno 50 musicisti e 10 tecnici, regolarmente contrattualizzati), grazie all’Accademia Musicale di Savona Ferrato-Cilea. Come in ogni iniziativa, daremo ampio spazio ai musicisti liguri e savonesi. Si tratta di un segnale di apertura dei luoghi della cultura: il teatro quest’anno aprirà le porte con ingresso gratuito per dare un segnale alla città. “Si sente spesso dire che siamo preoccupati per le nostre festività – ha evidenziato il dott. Luciano Pasquale, presidente della Fondazione De Mari . In questo momento fare un evento di questo genere vuol dire assumersi un rischio, perché non sappiamo cosa potrà succedere nei prossimi dieci giorni. Ma è festa e vogliamo farla bella coinvolgendo la cultura e la gente. È un modo per chiamare la città a rispondere e testare il fatto che iniziative di questo genere diano sollievo. Pensiamo che sia un modo per avere la consapevolezza che, impegnandosi insieme, restituiamo un prodotto nell’interesse generale. Ringraziamo il Comune per l’impegno che ci ha messo nell’iniziativa”. Infine  il presidente dell’Opera Giocosa, Giovanni Di Stefano ha così commentato : “Torniamo all’antico e sarà un progresso, così il senatore Giuseppe Verdi scrisse più di cento anni fa e per questo sono felice della ripresa delle attività. Il concerto del 30 dicembre è nato a Savona quasi trent’anni fa e sono stato il primo a dirigerlo: un ritorno gradito e ricco di speranze, e frutto della collaborazione tra due enti che tanto hanno fatto e che faranno ancora insieme per la nostra città!” Pare proprio che da questa proficua alleanza e dagli investimenti fatti per lo sviluppo economico e sociale attinente, si possano piantare i semi per un futuro più luminoso.

Le prenotazioni per il concerto sono aperte tramite Whatsapp al numero 346.4737511. Dal 28 al 30 dicembre sarà inoltre possibile prenotare al botteghino del Teatro Chiabrera con orario 16-18. Ingresso libero su prenotazione. Qualora venisse attuato il contingentamento all’interno dei teatri successivamente alle prenotazioni, si rispetterà l’ordine di arrivo in loco. Posto unico non numerato. E’ previsto l’obbligo di Super green pass per accedere all’evento come da disposizioni.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: