Attualità

Il grande show di Pechino

Il grande show di Pechino.  Se ne è parlato molto.Una operazione poco felice, assomigliava un po’ alle battute anti Italiani (spaghetti, mandolino, mafia). dei vecchi film. Quella di “Dolce e Gabbana”, con i 3 spot  pubblicitari effettuati in previsione della sfilata in Cina dei nuovi capi di abbigliamento. Una battuta poco felice su caratteristiche Cinesi, con ammiccamento sessista, con doppio senso, ha messo in crisi, annullato tutta l’organizzazione della sfilata e tra l’altro ”la pezza peggiore del buco” (il rimedio peggiore del male), non è stato possibile neanche scaricare su un subalterno perchè in entrambi gli interventi sono stati realizzati, spiegati, giustificati direttamente dal numero uno, dal titolare/proprietario.  Non una parola sfuggita in un più ampio contesto e quindi con possibilità di rettifica.  Anzi pare che qualcuno a Milano, avesse palesato perplessità. Forse voleva essere pubblicità per reazione, scherzosa, di provocazione,  è mal interpretata, non ben accolta comunque. Nonostante la ben nota flemma e cortesia almeno formale dei Cinesi, una risposta forte non si è fatta attendere. Un grande evento è stato rovinato, cancellato, ma oltre ad annullare la sfilata, sono state ritirate tutte le confezioni esposte, scene di camice  “Dolce e Gabbana” strappate in dosso a modella o usate per pulire il water. Forse sarebbe meglio soprassedere, perchè anche la modella non era Cinese, ma Coreana con lineamenti, caratteristiche orientali meno accentuati,  più occidentali, altro nodo dolente. Si è creata una onda emotiva difficile da rimuovere, cancellare.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: