Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Il libro di Marenco e Mina. “Egregio sig Direttore: Scritture dalla Ferrania, la fabbrica delle pellicole”

Senz’altro un libro, di grande rilievo che ha meritato di essere presentato nella cornice dovuta (l’appuntamento era per giovedì 17 novembre 2022, con inizio alle ore 18, in Piazza della Vittoria 29 al Teatro Comunale “Osvaldo Chebello” di Cairo Montenotte). Di ciò va dato gran merito al Ferrania Film Museum e al Comune: un segno di attenzione per un evento culturale di notevole importanza ma anche un omaggio ai tanti lavoratori che hanno popolato la fabbrica nel corso del Novecento.

In Val Bormida ci sono passati tutti: alzi la mano chi ha più di sessant’anni e non ha incrociato prima o poi la famosa “fabbrica delle pellicole” con annessa dal 1908 la stazione ferroviaria nel suo percorso di vita e di lavoro.Molti lavoratori inoltre avevano eletto la Ferrania Film come una sorta di seconda casa. Non c’era solo il lavoro in fabbrica, con le sue interazioni sociali e le gerarchie formali e sostanziali: c’era il Dopolavoro e le sue mille iniziative, le gite aziendali, le squadre di bocce, di ciclismo, di calcio, i corsi di pittura e quant’altro. Si è potuto in una serata rivivere il racconto di Ferrania e dei fascicoli del personale tra gli anni trenta e gli anni cinquanta, con la fitta corrispondenza indirizzata al direttore, Luigi Schiatti; le biografie dei dipendenti; le immagini inedite della fabbrica della pellicola e del suo universo sociale. Ecco l’intero programma: apertura di Alessandro Bechis (Ferrania Film Museum); introduzione di Fabio Gallesio del Centro di documentazione “Logos”. Presentazione del libro da parte dei curatori Alessandro Marenco e Gabriele Mina. Un universo sociale che ha confermato l’esistenza di molti operai e impiegati del comprensorio cairese per tutto il Novecento e che oggi è tornato alla luce grazie all’impegno di Alessandro Marenco e Gabriele Mina che per le Edizioni Pantare hanno voluto tracciare un racconto di grande interesse e di notevole impatto non solo sulla vita della fabbrica ma anche sul mondo operaio che ruotava attorno al complesso cairese: uno spaccato di storia contemporanea che ha coinvolto l’anziano lavoratore e l’analista dei fenomeni sociali, il vecchio sodale di tante avventure di fabbrica e il docente di storia contemporanea.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: