AttualitàCultura e Musica

Il martirio di Jan Palach, cinquant’anni dopo

Praga, 19 gennaio 1969. Esattamente cinquant’anni fa morì Jan Palach, un giovane patriota cecoslovacco che visse nel periodo storico definito “Primavera di Praga”. Periodo in cui si poté assistere ad un processo di liberalizzazione politica della Cecoslovacchia durante il controllo dell’Unione Sovietica, a seguito degli avvenimenti della seconda guerra mondiale e durante la guerra fredda. Questo processo ebbe però vita breve, infatti il 20 agosto 1968 un corpo militare sovietico e del Patto di Varsavia invase il Paese per riprendere il potere.

Studente della Facoltà di Filosofia dell’Università Carlo IV di Praga, Jan Palach si interessò molto alla politica e prese a cuore le vicende riformiste che stavano attraversando il suo Paese. A seguito della repressione da parte dell’Unione Sovietica, compì il suo gesto.

Fu il pomeriggio del 16 gennaio 1969 quando il giovane patriota si diresse in Piazza San Venceslao a Praga fermandosi poi di fronte alla scalinata del Museo Nazionale. Versò benzina sul proprio corpo e si diede fuoco con un accendino. Rimase in vita per tre giorni tra atroci sofferenze e morì il 19 gennaio.

Dopo questo episodio, altri sette studenti seguirono il suo esempio e si tolsero la vita in risposta alla repressione sovietica.

Col crollo del comunismo e la caduta del Muro di Berlino il suo ricordo diventò più significativo, tanto da dedicargli una lapide commemorativa per il suo sacrificio. Rappresentò così, da quel momento, il simbolo della resistenza antisovietica e della libertà per i popoli oppressi.

“Poiché i nostri popoli sono sull’orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la coscienza del popolo. Il nostro gruppo è costituito da volontari, pronti a bruciarsi per la nostra causa. Poiché ho avuto l’onore di estrarre il numero 1, è mio diritto scrivere la prima lettera ed essere la prima torcia umana. Noi esigiamo l’abolizione della censura e la proibizione di Zpravy. Se le nostre richieste non saranno esaudite entro cinque giorni, il 21 gennaio 1969, e se il nostro popolo non darà un sostegno sufficiente a quelle richieste, con uno sciopero generale e illimitato, una nuova torcia s’infiammerà”. Tratto dagli appunti di Jan Palach

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: