Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Il PD sulla crisi Piaggio Aerospace

Sono continuate, ieri, le reazioni alla decisione della Direzione di Piaggio Aerospace di chidere l’amministrazione straodinaria;di nuovo il mondo della politica si esprime, dopo le dichiarazioni dei Sindaci di Finale e di Villanova; due esponenti del PD regionale hanno diffuso due note in cui si punta il dito contro il Governo:

Così il consigliere regionale e vice presidente del Consiglio regionale, Luigi De Vincenzi

Sono sbigottito della piega che ha preso, nelle ultime ore, la vicenda di Piaggio Aerospace. Sbigottito, incredulo e preoccupato.

Sbigottito della scelta unilaterale dell’azienda che, a 48 ore dall’incontro al MISE dove tutte le parti si son dette concordi nel proseguire le trattative in maniera condivisa e in un orizzonte il più possibile positivo, ha chiesto l’amministrazione straordinaria.

Incredulo per la debolezza del Governo che nella migliore delle ipotesi si è rivelato impotente e nella peggiore incapace di tenere in mano le redini di una questione che coinvolge un’eccellenza industriale e tecnologica italiana, cardine del tessuto economico della Provincia di Savona e della Liguria.

Preoccupato per i 1100 lavoratori di Piaggio Aerospace, per quelli della Laerth di Albenga e dell’indotto che da oggi hanno davanti un percorso ad ostacoli e un futuro incerto.

E la mia preoccupazione, insieme a quella del Gruppo PD in Consiglio regionale, dei nostri parlamentari di questa e della scorsa legislatura, dei nostri sindaci del territorio e dell’ex Ministro della Difesa sen. Roberta Pinotti, non è di ieri, né di settimana scorsa quando compatti si era deciso di andare a Roma, né di qualche mese fa quando abbiamo formulato un ordine del giorno, subito condiviso dalla maggioranza ma non dal M5S, a difesa di Piaggio e a salvaguardia dei posti di lavoro, e neanche di 8/9 mesi fa quando l’allora ministro Pinotti si era adoperata per garantire la commessa di 766 milioni per l’acquisto dei droni P2HH, poi disconosciuta dall’attuale Governo.

Per questo, lunedì sarò convintamente alla manifestazione a Savona, al fianco dei lavoratori e delle loro famiglie, come sempre.

Il vizio della concretezza che mi caratterizza, e che nelle litanie della politica non sempre è una virtù, mi fa ricordare che, fino al 4 marzo, qualcuno  diceva che era facilissimo risolvere il problema di Piaggio Aerospace, come tanti altri del resto.

Ad onor del vero, bisogna dire che il problema lo hanno risolto stando seduti, silenziosi, sulla riva del fiume, a guardare“.

Certo Piaggio Aerospace non è stata aiutata dall’inertezza sull’affidamento della commessa!  Si aggiungono, alle dichiarazioni di De Vincenzi, le parole di Franco Vazio, deputato al Parlamento:

Il silenzio della maggioranza e del Governo sul futuro di Piaggio era ed è irresponsabile ed è la naturale anticamera di brutte sorprese.

La proprietà attendeva da molti mesi la conferma del Governo circa il programma di investimento connesso ai droni (P1HH e P2HH) ed il relativo finanziamento di 766 milioni di euro già assunto dal Governo Gentiloni con un decreto del ministro della Difesa Pinotti.

Insomma voleva sapere se l’idea dei passati Governi Gentiloni e Renzi di rafforzare il futuro industriale di Piaggio, in un quadro sinergico con lo stato italiano, e quindi anche circa l’affidamento della manutenzione dell’intero parco motori delle Forze Armate, fosse ancora reale e percorribile.

Il Parlamento, con una schiacciante maggioranza di M5S e Lega, con le opposizioni favorevoli, doveva solo rilasciare un parere. Purtroppo un parere che ancora oggi non esiste. Senza contare che, da mesi, il Ministro della Difesa avrebbe potuto procedere in ogni caso.

Del resto il relatore in Commissione alla Camera, l’on. Crippa, attuale sottosegretario competente per questo affare, mai ha fatto mistero di non condividere il programma Piaggio e mai i grillini si sono trattenuti dal criticare a più riprese le ragioni e la dimensione dell’impegno finanziario dell’Italia.

Di fronte allo stallo, all’incapacità nel decidere e addirittura all’ostilità manifestata dal Governo a tale programma ci si poteva aspettare un epilogo diverso?

Averlo previsto da mesi per me non è una grande soddisfazione. L’amministrazione straordinaria chiesta dalla proprietà è la risposta a tale situazione”.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: