Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Il pianoforte di Alan Weiss  a Sassello

Ad ospitare venerdì 5 agosto il secondo concerto della Stagione Musicale di Sassello sarà, nella bucolica località San Giovanni, la  sua sede ormai storica,  il quattrocentesco Oratorio dei Disciplinanti ,  spazio prestigioso un tempo utilizzato dai notabili del luogo per prendere decisioni importanti.

Protagonista della serata – Alan Weiss, figura ideale secondo la filosofia  della riuscita manifestazione,  che punta su interpreti di grande livello, per sviluppare tutte le sfaccettature della musica e dei diversi strumenti,  in questo caso il pianoforte. Eppure il maestro, nato a New York, in una famiglia ebreo-polacca-argentina,  aveva iniziato i suoi studi musicali con la chitarra classica ricevendo, alla tenera età di dieci anni, le lodi e l’incoraggiamento di un mito,  quale Andrés Segovia.

Passato al pianoforte, Weiss frequenta fino al diploma la prestigiosa Julliard School di New York, accompagnato nella sua formazione da grandi maestri come David Saperton e Rudolf Firkusny, leggendario pianista ceco, che  subito lo annovera  tra i migliori pianisti della sua generazione. Ben presto partecipa alle maggiori competizioni musicali; se nel 1974 viene invitato da Rudolf Serkin al Marlboro Music Festival, l’anno successivo egli risulta vincitore  della Naumburg Piano Competition  alla Carnegie Hall, e nel 1978 riceve la  medaglia d’argento alla Queen Elisabeth  International Competition. Ha per lui inizio una carriera folgorante, con concerti in  Europa, Stati Uniti ed Estremo Oriente. Il pianista si esibisce e registra musica da camera insieme a Rudolf Firkusny, Martha Argerich (che lo invita a tenere concerti e  masterclass ai suoi festival in Giappone e Argentina), Mischa Maisky,  di cui è , come della Argerich, amico personale, con Alexander Rabinovitch ed altri illustri musicisti. Le sue interpretazioni suscitano il consenso degli appassionati e della critica: per il Daily Telegraph di Londra,  egli “… penetra la vera essenzialità della musica”, secondo Le Soir di Bruxelles,  Weiss “è un poeta”.

Oltre ad essere uno straordinario interprete, il pianista, che ha inciso  per  case prestigiose, quali Pavane, Vox, Phonic, DG e Sony, è anche “un insegnante ideale”. Molti grandi musicisti, suoi colleghi, l’hanno infatti voluto come maestro per i loro figli, ed attualmente egli  è docente al Lemmon Institute di Lovanio in Belgio. Tra i suoi allievi già si contano pianisti emergenti di grande talento e prospettive.

Il programma  del  concerto del 5 agosto ha tutte le caratteristiche per incantare il fedele pubblico che in gran parte raggiunge Sassello anche da altre località , come Savona e Genova,  per assistere ad esibizioni sempre di altissimo livello. S’inizia, infatti, con il classicismo viennese di J. Haydn e le sue  Variazioni in Fa min. (Sonata Un piccolo divertimento), passando per  le note romantiche  della Fantasia  in Do maggiore (Wanderer)  di  F.Schubert,   per poi immergersi nell’appassionante, potente  musica di L.van Beethoven.  A conclusione di un concerto, che si preannuncia emozionante, Alan Weiss eseguirà  infatti  11 Bagatelle Op. 119  e la magnifica Sonata n° 32 in Do min.  op. 111 del grande compositore e pianista tedesco .

Il pianoforte sarà ancora protagonista dei prossimi due concerti, venerdì 12 agosto con  il maestro genovese Massimiliano Damerini e  giovedì 18 agosto con  Alexander Romanovsky.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: