giovedì, Gennaio 23, 2020
Home > Rubriche > Alla scoperta delle meraviglie d'Italia > Il Pont del Diaol sul torrente Sorna (TN)

Il Pont del Diaol sul torrente Sorna (TN)

Sul Pont del Diaol (ponte del Diavolo) che abbiamo perlustrato a fondo ed apprezzato parecchio si intrecciano leggende che percorrono secoli di storia nel Trentino: Si dice che questo ardito ponte fosse utilizzato dal diavolo nelle sue scorribande notturne fra i paesi delle due sponde della Sorna. Altre leggende narrano di due uomini ubriachi i quali incontrarono il diavolo sul ponte e questi li trascino’ in basso nella forra e perirono entrambi. Un po’ piu’ veritiera sembra la storia di un muratore di Corne’ (frazione del comunne di Brentonico)  il quale fu incaricato di costruire il ponte ma, non riuscendo ad ultimarlo, fece un patto col diavolo, ecc. ecc. La storia vera dice che il ponte venne restaurato dalle truppe austro-ungariche nella 1. guerra mondiale. Probabilmente il primo Pont del diaol della storia fu quello naturale costituito da un grosso masso incastrato fra le rocce. Le uscite di canyoning nella Sorna iniziano di solito proprio con una calata allucinante di 40 mt direttamente dal ponte nella forra sottostante. Oggi il canyoning – trekking esige attenzione nel percorrere il sentiero, molto esposto che attraversato il ponte, porta nella valle sottostante. Le leggende sembrano cose lontane ed assurde in tempi moderni ma si tenga conto che l’ ultima strega fu bruciata viva a Brentonico il 14 Marzo 1716, si chiamava Maria Bertolotti. La nostra cosiddetta civilta’ non e’ poi tanto atavica come ci raccontano i libri di storia! Miniere di ferro o di carbone nel torrente Sorna in Trentino ? Tutti nel paese di Corne’ sanno che dopo la seconda guerra mondiale erano attive le miniere per estrarre il carbone, alcuni dicono che nel medioevo vi si estraeva il ferro. Il carbone veniva portato su per la valle dei castani a dorso di mulo e sono ancora visibili tracce di mulattiere. Visitando le miniere all’ interno si scorgono evidenti filoni di ferrite, il parere del sottoscritto e’ che queste miniere debbano aver fornito la materia prima per la costruzione dei loro arnesi, gia’ ai cacciatori che frequentavano le valli del Trentino nel neolitico, dopo l’ ultima glaciazione. Lungo la valle della Sorna esistevano molte altre “attivita’ produttive”, nel 1850 vi si contavano ben 17 stabilimenti adibiti a mulini, ferriere e segherie, il tutto azionato dall’ energia fornita gratuitamente dal torrente. Naturalmente esisteva una rete di mulattiere d’ accesso sia ai campi, sia alle strutture produttive. Cosa ne rimane oggi… Nulla! Qui sembra il “day after” Il bosco si e’ rimangiato le campagne, le strade, i sentieri. Le uniche tracce umane che trovate, sono quelle di qualche vecchio pescatore; altrimenti solo impronte di animali. Il nuovo ponte costruito a cura della Provincia Autonoma del Trentino ed i nuovi sentieri hanno molto agevolato l’ accesso alle miniere e di conseguenza la frequentazione dei turisti.Qualche vecchio racconta ancora che nel 1800 furono trovati nella Sorna filoni d’ oro ed i contadini smisero di lavorare i campi e si precipitarono a cercare il prezioso metallo. Nel 1897 termino’ la corsa all’ oro delle Sorne per scarso rendimento della attivita’ estrattiva ed i contadini tornarono alla coltivazione dei campi e degli orti rigogliosi di frutta e verdure sul greto della Sorna.Tutti sanno che l’ acqua e’ sorgente di vita ma in nessun luogo come questo abbiamo toccato con mano questo assioma. Qui si vede come l’ acqua sgorga direttamente dalle rocce ed anche nei periodi di secca nel torrente Sorna sono presenti sorgenti e cascatelle in grande quantita’. La presa d’ acqua nella parte alta, impoverisce di molto la portata ma i vari affluenti, il principale si chiama torrente Lodron, contribuiscono verso valle ad aumentare la portata; cosi’ la Sorna esce nella piana di Chizzola ricca, spumeggiante e limpida. La qualita’ delle acque e’ ottima, dopo la costruzione delle due condotte per le acque reflue costruite sui fianchi della valle anni orsono.
Qui e’ il regno delle trote Fario ed i pochi anziani pescatori che ancora si avventurano in questi posti, tornano a casa con i cesti pieni. Gli stessi pescatori che ci redarguiscono quando torniamo in paese, dopo le nostre escursioni solitarie di canyoning trekking perche’ la Sorna puo’ essere pericolosa, sia a causa dei pendii scoscesi che la costeggiano sia per la presenza di tronchi e piante instabili, abbattuti dalle abbondanti nevicate. Gli stessi pescatori entusiasti con i quali condividiamo le nostre esperienze, gli avvistamenti di trote gigantesche o le tracce degli animali: caprioli, cervi ed ultimamente anche le tracce dell’ orso. Stava nascendo un altra leggenda: “L’ orso delle Sorne nel Trentino” ma le foto scattate con il cellulare, sono incontestabili… niente leggende per questa volta! Ormai tutti sanno che l’ orso in Trentino c’ e’ davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *