Please assign a menu to the primary menu location under menu

Il punto di Virginia

Il punto di Virginia

Perché una giornata internazionale dello yoga?

La Giornata Internazionale dello Yoga è una ricorrenza mondiale istituita ufficialmente dall’ONU nel 2014 su spinta del governo indiano e del suo Premier Narendra Modi. Da quel momento oltre 170 paesi del mondo, compreso USA, Canada e Cina hanno promosso la risoluzione la cui celebrazione cade il 21 giugno di ogni anno in corrispondenza del solstizio d’estate, cioè del giorno più lungo dell’anno. E’ proprio in questo giorno che si dice che Shiva, il primo Guru, abbia incominciato a trasmettere la disciplina dello Yoga ai suoi fedeli allievi, riconducendo a questo momento la nascita della scienza dello Yoga.

Nel logo della Giornata Internazionale dello Yoga è presente tutta la filosofia della stessa: una persona con le mani congiunte in alto che simboleggia l’unione tra corpo e mente, le foglie marroni rappresentano la terra, quelle verdi la natura e l’aura luminosa il sole, fonte di energia e vita che si festeggia proprio il 21 giugno e in ultimo il mondo che rappresenta la fusione tra coscienza individuale e quella universale.

Ci rivolgiamo al Maestro indiano Mahi Guruji laureato in India in Ayurveda (medicina tradizionale indiana) e Yoga che ha un suo centro “Mahi Krishna Lila” in via San Quintino 31 a Torino, oggi punto di riferimento per l’insegnamento e la formazione di praticanti e maestri di Yoga e unico centro Ayurvedico tradizionale in Italia, con “pazienti” che arrivano da tutto il mondo.

 

Maestro Mahi: che cosa è lo Yoga?

“Lo Yoga non è ginnastica e non è un hobby ma un “habitus mentale” che mi accompagna ventiquattro ore al giorno: ecco perché non si può smettere di fare Yoga una volta imparato. Lo Yoga mi impone di cambiare, di correggere i miei difetti e di “mettermi a nudo” con me stesso e con gli altri.

Lo Yoga funziona come una medicina poiché attraverso le diverse asanas ossia posizioni Yoga, il pranayama ossia la respirazione e il lavoro sui chakra ossia i centri energetici del corpo si curano e si prevengono non solo i problemi del corpo, ma  si lavora sul controllo della mente. 

E’ un lavoro profondo che il praticante, sotto la guida del Maestro, compie in primo luogo guardando alle proprie abitudini scorrette che sono la causa della sofferenza sia fisica, mentale che spirituale. Ci sono tre regole che io insegno ai miei allievi: “come lavo tutti i giorni il mio corpo, devo lavare tutti i giorni la mia anima”; “come cambio vestiti tutti i giorni, cambio tutti i giorni lavorando sul mio carattere”; “parlo poco e sempre positivo”. E questo si chiama Yoga”

 

Perchè dovremmo fare Yoga e qual tipo di Yoga?

“Non esistono stili o tipi di Yoga – ci dice il Maestro Mahi – ma semplicemente Yoga.

Oggi assistiamo nella nostra società occidentale a un proliferare di generi e stili che poco hanno a che fare con la vera filosofia indiana da cui ha origine lo Yoga.

Lo Yoga è una via per il benessere psicofisico e deve necessariamente abbracciare la totalità delle cose. Tutti dovrebbero praticare Yoga perché risolve problemi fisici come il comune mal di schiena, le allergie, il senso di gonfiore, l’insonnia, il mal di testa, fino ai dolori da ciclo, solo per fare alcuni esempi.

Nella nostra società frenetica e performante dove spesso si stenta a trovare un ritmo a propria misura, lo Yoga ti insegna a eliminare lo stress e fronteggiare i problemi quotidiani. Con lo Yoga non li eliminiamo ma sviluppiamo la capacità di saperli risolvere sempre al meglio, senza abbattersi. La felicità è il mezzo per vivere bene  e non l’obiettivo e lo Yoga insegna a costruire la propria felicità.”

 

Perchè si è sentita di istituire una Giornata Internazionale dello Yoga che cade ogni anno intorno al 21 giugno?

“Lo Yoga si pratica ormai da tantissimi anni in ogni latitudine del globo. Io già nel 2012 come Maestro indiano Mahi fui il primo a organizzare questa giornata proprio il 21 giugno, anticipando la decisione dell’ONU di istituire una Giornata Mondiale dello Yoga. Sono partito da due partecipanti e oggi vedo l’adesione di migliaia di persone nella celebrazione della Giornata Mondiale che si svolge in particolare nella città di Torino in Piazza Castello, con il patrocinio della Città e il coinvolgimento delle varie Istituzioni. Quest’anno la Giornata è stata fissata per domenica 19 giugno 2022.

L’evento è come sempre gratuito e aperto alle persone di tutte l’età che dovranno portare con sé un tappetino e vestirsi di bianco. Lo Yoga è una medicina, una filosofia di vita e un modo per stare bene con se stessi. Insegna l’amore verso di sé e il rispetto per tutto ciò che esiste. Dedicare una giornata alla pratica collettiva significa celebrare il lavoro che ognuno di noi fa giornalmente come individuo e potenziarlo come gruppo.

Il cambiamento nella vita del singolo diventa cambiamento di tutto il pianeta.

Trovare la felicità per se stessi fa nascere desiderio che anche altri esseri umani raggiungano questo stato.

Yoga significa unione: sentirsi parte della stessa umanità unito al rispetto della nostra terra che in India chiamano Mata (madre).

In un mondo iperconnesso virtualmente c’era bisogno di creare una connessione reale e umana.”

                                                 

Cosa ci dobbiamo aspettare da un percorso di Yoga?

“Lo Yoga insegna che nulla è statico e che soffriamo proprio perché ci attacchiamo alle cose.

Dallo Yoga dobbiamo aspettarci di acquisire strumenti e scoprire risorse che non credevamo di avere.

Impariamo che non solo gli eventi a determinare il nostro stato d’animo, ma il nostro stato d’animo a determinare il nostro corso della vita. Accettare i nostri difetti è il primo passo, poi servono volontà e costanza per lavorare su di essi e ogni risultato diventa possibile.”

 

La giornata mondiale dello Yoga a Torino sarà domenica 19 giugno 2022 in piazza Castello dalle h 19.30 alle h 21.00.

Il ritrovo è fissato a partire dalle h 18.00 per posizionare il proprio tappetino e tutti sono invitati a vestirsi in abiti bianchi e comodi. 

 

Per info:

Associazione Culturale Mahi Krishna Lila

Via San Quintino 31, Torino

Tel. 011/6989157

Mail.  krishnalila31@gmail.com

 

Virginia Sanchesi

Scrivetemi a tuchiediloame@gmail.com o contattaci in redazione al numero 348 544 0956 e saremo felici di aprire un contatto diretto o una chat tra me e voi!!!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: