Please assign a menu to the primary menu location under menu

Il punto di Virginia

Il punto di Virginia

Dieta, ambiente e lunga vita

La dieta, o meglio la corretta alimentazione, è uno dei pilastri fondamentali non solo della nostra personale salute ma anche della Terra intesa come Pianeta, minacciata dal riscaldamento globale, dai cambiamenti climatici e dall’inquinamento persistente e incalzante. La dieta che può salvare il mondo di cui tutti parliamo, scienziati e giornali, è la famosa dieta mediterranea, dichiarata nel 2010 “Patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO, che punta su raddoppiare il consumo di vegetali, ridurre di oltre la metà, gli zuccheri, le farine raffinate e le carni rosse. In pratica meno bistecche, più legumi, verdura e frutta. Il segreto per vivere a lungo è quello di adottare i principi della tradizione mediterranea promuovendo così la rigenerazione staminale, ritardare l’invecchiamento e la riduzione dei fattori di rischio quali diabete, cancro e le malattie cardiovascolari nell’uomo. E per ultimo ha un impatto ridotto sui gas serra (che derivano dal bestiame per il 20%) in modo impattante e sulle riserve d’acqua. Ricordatevi che quello che si mangia è molto più importante del fatto che sia locale o biologico e che sprecare di meno invece di buttare via, significa che l’energia utilizzata per produrre quel cibo è stata spesa in modo efficiente.

Ci rivolgiamo al Dott. Marco Zanetti, nutrizionista, biologo, farmacista, che su questi argomenti ha scritto numerose pubblicazioni e libri per rispondere ad alcuni interrogativi.

Dott. Zanetti cosa succede dopo una dieta errata, soprattutto in tarda età?

“In una dieta non si deve tenere sotto controllo unicamente il peso corporeo, ma è importante prendere anche le misure come consigliato dalle Agenzie internazionali mediche. Quando si perde peso non si deve perdere massa muscolare. Anzi la stessa, se possibile, dovrebbe essere aumentata attraverso allenamenti specifici in palestra e non solo. Inoltre invecchiando con la sarcopenia si perdono muscoli a vista d’occhio e nelle diete dell’età matura, devono essere aumentate molto le quote proteiche e ridotte quelle degli zuccheri. La vitamina D non deve mai mancare e nessuna dieta (chetogenica, a zona o altri sistemi inventati) regge a confronto di una dieta bilanciata mediterranea con esercizio fisico che permette di restare in salute a lungo termine.”

Quindi Dott. Zanetti afferma che è importante aumentare le proteine nella dieta.

“Le proteine sono alla base di tutti i nostri tessuti. Il DNA che rappresenta il passaggio tra un’opera morta e una viva è il codice proprio per la sintesi delle proteine dei nostri tessuti. Il problema non è la quantità assoluta delle proteine, che ovviamente è inferiore a tanti altri elementi, ma il loro turnover. Noi costantemente le perdiamo o bruciamo e altrettanto velocemente dobbiamo ricostruirle, introducendo aminoacidi essenziali, altrimenti perdiamo massa magra. Gli anziani soprattutto sono le principali vittime di diete a basso contenuto proteico e si dovrebbe rivedere la loro dieta alla luce delle indicazioni sanitarie. Detto tutto ciò poniamo attenzione ai livelli proteici delle diete di anziani e sportivi o donne in gravidanza o allattamento. Sono queste le persone speciali che richiedono una revisione della loro dieta e dei livelli di proteine assunte. Le proteine sono la vita e occorre dare il giusto ruolo in prospettiva di una lunga vita.”

Lei ha progettato un percorso chiamato “Fisio dieta”, realizzato dopo lunghi studi e anni di esperienza. Cosa vuol dire?

“La “Fisio dieta” ovvero la dieta che ho ideato per evitare perdite di massa muscolare è adatta per sia chi ha diabete, sia per chi soffre di sovrappeso adiposo, ma anche per chi ha bisogno di riprendere la massa muscolare perduta e alzare il metabolismo. Gli elementi essenziali per non perdere massa muscolare sono una sufficiente quantità di proteine e i giusti glucidi nella dieta. Entrambe queste carenze fanno perdere massa muscolare e di conseguenza abbassare il metabolismo e consumi a riposo e con esso la possibilità di perdere peso come grasso. Attenzione quindi alle diete errate a qualunque età e per qualunque attività, in particolar modo se vogliamo restate in salute a lungo e bene.”

In uno dei suoi articoli sulla longevità, lei introduce l’argomento inquinamento e i vari ruoli che questo riveste nella nostra salute.

“Gli aspetti che mettono a rischi la nostra sopravvivenza sono la sovrappopolazione, il riscaldamento climatico, l’inquinamento da materie plastiche, nano particelle, biocidi e metalli. Tutte queste cose hanno un effetto non solo sull’apparizione di malattie nuove virali o tumorali, ma anche sulla fertilità vera e propria. Se pensiamo che quello che noi mangiamo, iniettiamo, respiriamo o altro, non hanno effetto solo perché c’è lo dice un medico, ci sbagliamo di grosso. Il Pianeta come il corpo umano si difende. Pensate alla presenza di metalli come cromo, piombo, manganese etc.., che favoriscono la formazione di tumori. Pensate alle nano tecnologie che disperdono nano particelle di metalli e plastiche, alle multinazionali chimiche che producono diserbanti per agricoltura, pensate alla qualità dell’aria con le attività industriali che emettono polveri sottili!!. Stiamo causando un disastro nell’ambiente e penso che manchi una volontà a migliorare a lungo termini, guardando invece sempre al breve termine e ai personali guadagni di un uomo che lascia un marchi indelebile di egoismo e menefreghismo unico nella storia del pianeta. La medicina fa dei passi avanti mentre la longevità dei passi indietro.”

Virginia Sanchesi

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: