Cultura e Musica

Il ritorno di Zucca e Thovez a Savona

Teatro professionale al Don Bosco di Savona venerdì 16 marzo, con la Compagnia “Ludus in Fabula” che presenterà “L’insostenibile leggerezza” di Marina Thovez anche regista, con Thovez e Mario Zucca, scenografia di Nicola Rubertelli, spettacolo unico alle ore 21 (ingresso 10 €). Libera interpretazione dell’autrice sul famoso romanzo di Milan Kundera (“L’insostenibile leggerezza dell’essere”), ambientato nella fine degli anni sessanta, quando la Russia invase Praga. Protagonisti un chirurgo famoso e una cameriera innamorata dei libri e del suo Paese, la Boemia. La giovane gli sconvolgerà la vita e cercherà di farlo rinunciare alle sue amicizie erotiche (il medico è un grande donnaiolo).

Con l’ingresso dei carri armati, in Cecoslovacchia ci saranno due categorie: le spie e gli spiati. Su tutto questo aleggerà l’importanza dell’esercizio del pensiero. Thovez e Zucca ci accompagneranno al succo del discorso, di quanto ogni nostro istante sia irripetibile.  Intanto, sabato 10 e domenica 11 marzo, sul palco del teatro Don Bosco, la compagnia di casa “La Torretta” ha presentato “Barbera e Champagne”, commedia brillante liberamente tratta da “L’anatra all’arancia” di Marc-Gilbert Sauvajon. Tra gli attori sul palco, al loro primo esordio da protagonisti, Aldo Curti nei panni di ‘Fabio’ e Rosalba Bruzzone in quelli di ‘Barbara’ . Nelle vesti della governante ‘Nina’ Gianna Marrone, nelle vesti della segretaria sensuale ‘Patty Pat’ Sonia Arecco, in quelli del nobile damerino ‘Ippolito Maria’ Marco Ventura. Dialoghi attualizzati (con un riferimento alla Lega Nord di Bossi), e mille situazioni paradossali e comiche che non hanno mancato di divertire il pubblico. Il pensiero corre più volte a Monica Vitti, che nel film di Luciano Salce era affiancata da Ugo Tognazzi, ed anche a Alberto Lionello e Valeria Valeri, che sono stati eccellenti interpreti della commedia sul palcoscenico.  Lo scorso week-end, Ventura è riuscito a raffigurare la figura di un nobile serio, distinto… molto noioso; la Marrone è stata spiritosa, sempre a suo agio sul palco a sprizzare brio da tutti i pori in una parte pur ridotta al minimo; la Arecco ha ben interpretato il ruolo di una segretaria sciocchina e sensuale ma, giustamente, il grosso peso dei tre atti della commedia è stato tutto sulle spalle di Curti e Bruzzone, che hanno superato la prova.
Un grosso merito a Lorenzo Morena, regista, che ha portato due attori della Compagnia ad un grande momento di risalto, nell’attesa che le repliche della commedia regalino ai protagonisti quella sicurezza estrema che li renda ‘eccellenti’.
Intanto, per chi ci legge, registriamo l’affetto del pubblico al penultimo appuntamento della Rassegna 2011-2012, sfociato nel finale in un vero e proprio tifo da stadio.
Sabato 24 marzo (alle ore 21) e domenica 25 (alle 16), conclusioni con “A Campanassa” di Savona e la commedia dialettale di M.Basilio Dall’Orto “Camera affittasi” (ingresso 7 €).

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: