Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Il savonese mobilitato per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne 

Vi proponiamo in sintesi il racconto della giornata attraverso gli scatti e i momenti più significativi di tutte le iniziative poste in essere dalle panchine rosse ai flash mob. Come ormai risaputo il 25 novembre, si celebra la “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”. In occasione di questa ricorrenza, che ricordiamo è stata istituita dall’assemblea generale delle Nazioni Unite, sono diversi eventi che si svolgeranno nei vari comuni della provincia di Savona. Sotto il profilo istituzionale il magistrato Fiorenza Giorgi ha incontrato gli studenti dell’istituto Ferraris Pancaldo di Savona e ha parlato di bullismo, violenza di genere e revenge porn. “Adesso c’è più omologazione tra gli adolescenti – ha evidenziato  – e più che mai si propongono modelli alle ragazze che devono rispondere a certi canoni estetici. Chi non ha il capo griffato, chi non gioca a calcio con gli altri viene isolato. Questa è una cosa gravissima. Ovviamente occorre distinguere il bullismo dallo scherzo, dal prendersi in giro reciprocamente”. La questione della diffusione di immagini sessualmente esplicite merita maggior attenzione : “È un reato particolare introdotto dal legislatore. Per una strana abitudine moderna adesso va di moda chiedere alla partner di avere foto intime. Le ragazzine per compiacere il fidanzatino accettano questa cosa poi la relazione finisce e il ragazzo si vendica nel modo peggiore mettendo foto intime sui social”. A Loano invece è stata inaugurata sempre in mattinata, alla presenza del sindaco Luca Lettieri e del consigliere comunale Monica Caccia – la nuova “Panchina Rossa”, da sempre simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, donata dal Conad e collocata nei pressi del punto vendita di località Vignasse. Successivamente le autorità e gli studenti partecipanti alla Giornata si sono spostati in centro per una commemorazione nei pressi delle altre due panchine situate accanto alla biblioteca di Palazzo Kursaal e nei giardinetti della Fontana Giovanna accanto a Palazzo Doria. Sono seguite alcune dimostrazioni delle tecniche di autodifesa a cura dell’Asd Krav Maga Parabellum (con l’istruttore di autodifesa ed infermiere presso l’Asl2 savonese Davide Carosa) e della Scuola Ids Savona di Michele Farinetti in collaborazione con la polizia locale di Loano. Era presente, tra gli altri, uno stand dell’Asd Krav Maga Parabellum. A fatto seguito una piccola cerimonia di chiusura della mostra promossa dagli studenti del corso di Grafica e Comunicazione dell’istituto Falcone nella Sala del Mosaico di Palazzo Doria: fino al 25 novembre i visitatori avranno la possibilità di ammirare diverse rappresentazioni “al femminile” della storia dell’arte appositamente modificate per mostrare le conseguenze fisiche della violenza sulle donne: un omaggio corale alle vittime di femminicidio, a cui le opere sono dedicate. A Cairo Montenotte Massimo De Toma socio del punto vendita Conad, in collaborazione con il Comune e il Centro Antiviolenza Telefono Donna, si è fatto promotore del progetto “Panchine Rosse” per sensibilizzare sul tema della lotta e della prevenzione di ogni forma di violenza di genere. L’iniziativa è stata lanciata da Conad Nord Ovest nello scorso novembre 2021 ed ha raggiunto lo straordinario risultato di 315 panchine rosse donate e installate nelle regioni di competenza. La panchina rossa, simbolo universalmente riconosciuto e associato al tema della violenza di genere è stata installata presso Porta Soprana presenti alla cerimonia di inaugurazione il sindaco  Paolo Lambertini e l’amministrazione comunale. Sulla panchina è stata applicata anche la targa riportante il numero nazionale antiviolenza 1522 e i contatti del centro antiviolenza provinciale per emergenze, richieste di aiuto e denuncia. Insieme al progetto panchine Rosse, quest’anno Conad Nord Ovest promuove inoltre, dal 25 al 27 novembre, un’importante campagna di raccolta fondi a favore dell’Associazione Nazionale “D.i.Re – Donne in Rete contro la violenza,” che aiuterà le associazioni territoriali impegnate nella lotta alla violenza sulle donne. Anche ad Albenga in Conad Nord Ovest in collaborazione con il Comune e il centro antiviolenza Artemisia Gentileschi, si è fatta promotrice del progetto “Panchine Rosse” che ha raggiunto lo straordinario risultato di 315 panchine rosse donate e installate nelle regioni di competenza nel giro di un anno installando una nuova vicino alla rotonda in prossimità della stazione ferroviaria. L’assessore alle politiche sociali Marta Gaia e la consigliera al Volontariato si sono dette soddisfatte della collaborazione nata in questi anni tra le associazioni, capaci di unirsi in una battaglia comune impastata di morte e dolore, ma ricca di speranza perché certi episodi non accadano mai più. A Varazze il Liceo Chiabrera Martini ha partecipato con le letture delle sue studentesse agli eventi organizzati del Comune con la partecipazione di A.S.D. Danzastudio Varazze, Capa Defence Academy e Croce Rossa Italiana.
L’ Arma dei Carabinieri ha organizzato una campagna di sensibilizzazione articolata su tante iniziative diverse, che hanno tutte un solo filo conduttore: dire “No!” e “Mettere un punto” a qualsiasi forma di comportamento violento – sia fisico che psicologico – contro le donne. Le tante iniziative – che hanno coinvolto i media tradizionali, il web e i social – hanno anche un altro obiettivo fondamentale: quello di convincere tutte le donne che subiscono maltrattamenti o vessazioni di qualsiasi tipo a denunciarli.Le caserme si sono illuminate di arancione, in adesione alla campagna internazionale “Orange the World” come segnale tangibile dell’assoluta attenzione e priorità dell’Arma a invogliare le donne vittime di violenze a denunciare. Nonostante la crisi energetica, l’Arma non ha voluto rinunciare a questo forte segnale simbolico. Le stazioni ferroviarie, luogo simbolo di partenze e magari anche di “ripartenze” dopo brutte esperienze, sono state scelte quest’anno come spazi per dare visibilità a questi progetti. Viaggiatori, pendolari, giovani coppie di innamorati e studenti avranno modo di soffermarsi qualche istante sulle tante iniziative per questo 25 novembre. In questo delicato ambito, è importante ricordare anche l’Accordo tra i Ministri della Difesa e per le Pari Opportunità, cui è seguito il rinnovo della collaborazione tra il D.P.O. e l’Arma, tutt’ora vigente. Questi accordi hanno consentito alla Sezione Atti Persecutori di occuparsi dello sviluppo di attività di ricerca e analisi, nonché della formazione del personale della Presidenza del Consiglio dei Ministri e degli operatori del numero di pubblica utilità “1522”, Help line per la violenza e lo stalking. Non meno importante è l’impegno che è scaturito dall’accordo di sensibilizzazione in favore delle scuole, alle quali è stato dedicato un ciclo di formazione di 40 giornate. Su richiesta del D.P.O., inoltre, è stata effettuata la mappatura dei Centri Antiviolenza presenti sul territorio nazionale, al fine di verificare l’effettiva esistenza ed operatività delle strutture attive nell’ambito dell’assistenza alle vittime. A Borgio Verezzi si terrà il concerto-spettacolo “ l’Arroganza del Pisello” di Ars Populi (band genovese formata da Giovanni La Grotteria chitarra e voce, Marco Lace tastiere, Pino di Stadio batteria, Giovanni Sanguineti basso). Sarà un concerto dal vivo con alcuni inserti teatrali a cura di due attori di grande bravura ed esperienza come Giovanni Cadili Rispi e Barbara Porta e una storica dell’arte come Federica Ciribì che ha il compito di farci compiere un viaggio partendo dalla eloquenza di alcune immagini e dalla potenza delle storie che queste evocano.Il genere coniato per loro di “ Realismo Ironico Musicale”, riassume il progetto che vuole in sostanza contribuire a mettere un “focus” sulle disparità di genere e la piaga dei femminicidi. I dati su questi ultimi in Italia sono allarmanti: nel 2018 72 vittime, 68 nel 2019, 65 nel 2020, 62, nel 2021. Ancora più inquietanti sono le statistiche rispetto alle denunce per maltrattamenti e violenze, nella gran parte dei casi entro le mura domestiche (la pandemia ha peggiorato ovviamente le cose). Nei primi 5 mesi del 2020 sono state 20.525 le donne che si sono rivolte ai Centri antiviolenza (CAV), per l’8,6% la violenza ha avuto origine da situazioni legate alla pandemia (es. la convivenza forzata, la perdita del lavoro da parte dell’autore della violenza o della donna). Ciò che impatta di più sull’incremento delle chiamate è la commemorazione del 25 novembre (giornata mondiale contro la violenza sulle donne), che sembra agire sulle vittime come “effetto motivazionale” nella ricerca di un supporto esterno. In questa data, infatti, si amplia la platea di chi parla pubblicamente della violenza contro le donne, si moltiplicano le iniziative, si rende visibile ciò che durante l’anno non lo è.Infine a Pietra Ligure questa mattina la cerimonia con l’inaugurazione della panchina dedicata alla giovane Janira D’Amato, vittima di femminicidio. Nel corso della cerimonia sono stati letti alcuni brani sul tema da parte degli alunni delle classi IV delle scuole primarie di Pietra Ligure (Dott. Sordo e Papa Giovanni XXIII) e delle classi I, II e III della scuola secondaria di I grado “Martini” di Pietra, cui è seguito un flash mob organizzato dalla Biblioteca comunale e un piccolo rinfresco realizzato e offerto dagli studenti del corso di cucina dell’istituto alberghiero “Migliorini” di Finale Ligure, accompagnati dal professor Angelo Barone (è stato uno dei professori della sfortunata ragazza).
La panchina era stata dipinta proprio da una insegnante dell’Alberghiero, Irene Ambrosini, e da una educatrice dell’Istituto, la professoressa Aurora. All’evento odierno erano presenti anche i genitori di Janira, visibilmente e comprensibilmente commossi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: