AttualitàCuriosando qua e làPolitica

Il sociologo Bevilacqua scende in campo a favore delle iniziative di “Pro Vita e Famiglia”

Dalla campagna “#Restiamoliberi” a possibili ulteriori sinergie

Sergio Bevilacqua

Omotransfobia. Proprio mentre sta per iniziare la campagna “#Restiamoliberi”  con cui – dall’11 al 25 luglio in varie città italiane, con momento clou a Roma in Piazza Montecitorio giovedì 16 luglio – si agiterà il dissenso delle forze civili contrarie al DDL Zan-Scalfarotto, arriva inaspettato il sostegno del sociologo Sergio Bevilacqua.

Sergio Bevilacqua

L’occasione è stata un’ampia intervista rilasciata a Manuela Antonacci e pubblicata sul sito dell’onlus “Pro Vita e Famiglia”.

Il movimento, che è organizzatore del Congresso Mondiale delle Famiglie, si pone in prima linea sul fronte della mobilitazione in corso.

Accorati gli appelli lanciati da Toni Brandi e Jacopo Coghe, rispettivamente suoi presidente e vice presidente, riportati da queste pagine i giorni scorsi.

In quest’ottica, Bevilacqua espone dubbi e implicazioni sociologiche inerenti il disegno di legge, sulla base di una lunga e vasta esperienza di clinica delle società umane  e, quindi, di aziendalista, amministrativista, economista, editore, scrittore, sociologo della famiglia, dell’arte, della comunicazione, dell’intrattenimento e del convivio.

Un’analisi da cui emergono elementi riconducibili alla sua teoria sociatrica, recentemente illustrata sul giornale in un approfondito resoconto.

Senza un enorme sforzo d’immaginazione, potrebbe prendere forma l’attuazione del “Manifesto del Politico Conservatore”, di cui Bevilacqua  è portavoce, come già noto ai lettori dall’articolo online dallo scorso 18 maggio.

Possibili i riflessi in vista delle elezioni che in autunno si svolgeranno in sette Regioni.

Indefinita ancora nel nome e nella struttura, allo stato, è appunto quella che, per dirla con le parole dei suoi promotori, rappresenta oggi una “piattaforma di sensibilizzazione civica”,  un aggregatore di istanze e pulsioni che da mesi hanno iniziato a manifestarsi in vari ambiti di discussione, sorti anche in rete.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: