Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Il vero problema dei giovani di oggi è quello che non credono più a niente e a nessuno.

DI CARLO COLLA

Quando sento parlare di “disagio giovanile” mi scappa veramente da ridere. Non si tratta di un disagio ormai generalizzato, ma di qualcosa di peggio, ovvero del fatto che i giovani d’oggi non credono più a niente e a nessuno. Non mi sento di assolverli, ma nemmeno di condannarli…anzi! Basta, peraltro, guardarsi intorno per verificare tristemente che questa nostra moderna società non è assolutamente più in grado di dare ai giovani nessun punto di riferimento, rifiutando quasi di comprendere il loro disagio e dimostrandosi incapace e refrattaria a farsi carico delle loro problematiche. Come possono credere i giovani nel mondo della scuola ancora incapace di uscire dal vecchio nozionismo fornendo basi culturali lontane dalla moderna realtà? Come possono credere i giovani nel mondo dello sport capace soltanto di offrire brutti esempi succube com’è del denaro che la fa da padrone? Sport che diventa sempre più un vero e proprio lusso appannaggio di pochi che se lo possono permettere! “Sport di tutti”, “Sport per tutti”; sono rimasti soltanto degli “slogan” e delle belle frasi fatti adatte solo a fare da apertura ai tanti inutili congressi e convegni che non incantano più nessuno. Come possono credere i giovani verso il mondo del lavoro dal momento che il lavoro in Italia, viene sempre meno con fabbriche e piccole imprese che chiudono e con le grandi aziende in gravissime difficoltà e capaci solo di fare tante belle letterine di licenziamento per chi il lavoro lo aveva e che, oggi, lo ha perso o lo sta perdendo? Come possono credere i giovani nel mondo della politica che continua a dimostrare egoismo ed egocentrismo, indecisa ed incapace di prendere provvedimenti e di dare indicazioni a questo eserciti di giovani, ormai increduli e stanchi di sentirsi fare solo stupide promesse sul loro domani? Come possono credere i giovani nelle istituzioni, ancora troppo lontane dalle loro esigenze, piene come sono di belle parole e di volontà che non vengono mai perseguite e raggiunte? Come possono credere i giovani nella cellula-famiglia dal momento che essa è per moltissimi casi, una cellula malata ed incapace di rapportarsi e di dialogare con i giovani? Una famiglia che, un tempo, rappresentava un rifugio sicuro e punto di riferimento per il superamento di ogni problematica. Come possono credere i giovani nel mondo degli adulti e dei maggiorenni che, molto spesso, rifiuta con loro il dialogo credendo di avere a che fare con dei ragazzini ignoranti e sopravveduti? Come possono credere i giovani nel mondo della chiesa (nel quale sempre e comunque è giusto credere ed affidarsi) con i molti esempi negativi che alcuni sacerdoti hanno dato e stanno dando? La vecchia “parrocchia”, quella per intenderci dove noi andavamo a giocare a ping-pong ed a calcio-balilla, non esiste più come luogo di incontro e di aggregazione giovanile. Al posto delle sale parrocchiali, oggi, ci sono i bar, i pub, le sale giochi, le sale Bingo ed altri luoghi di incontro ove i giovani possano parlare il loro linguaggio, anche, se spesso, deviante e sbagliato. Come possono i giovani vivere senza un euro in tasca costretti a commettere inganni e furtarelli pur di mantenersi quei vizietti che la mia e la nostra generazione certamente non aveva. Per l’amor di Dio non dobbiamo fare di tutt’erba un fascio dal momento che ci sono ancora migliaia di giovani che riescono a vivere ed a viaggiare nel binario giusto, ma dobbiamo prendere atto che questo malessere e questo rifiuto giovanile verso tutto e verso tutti si sta sempre più generalizzando. Come sarà la nostra società fra dieci, venti, trent’anni? Noi vecchietti non ci saremo più. Chi potrà ancora essere di aiuto e di supporto a queste nuove generazioni? Aiutiamoli adesso, subito, finché abbiamo ancora tempo.!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: