Attualità

Il Vescovo Marino si rivolge agli studenti

In questi giorni di clamori preelettorali, fra chi dichiara di rappresentare l’unico futuro, chi dice che cambierà il mondo,chi minaccia, chi promette e chi straparla, e sempre di più ingrandendo appunto quest’ultima categoria, la voce di Monsignor Calogero Marino, Vescovo di Savona e Noli, nel suo messaggio agli studenti per l’inizio del nuovo anno scolastico, appare veramente come un appello di saggezza, di equilibrio, di apertura, di concordia, di buona volontà pastorale e di considerazione per tutti e, un lievito per i valori della parsona e,senza aggiungere altro, la pubblichiamo:

Care ragazze, cari ragazzi, inizia un nuovo anno scolastico con l’entusiasmo di sempre, finalmente con la gioia di incontrare di nuovo i compagni e con la curiosità di fare conoscenze nuove dopo l’interruzione forzata dell’anno necessaria e dolorosa, determinata dal diffondersi del Covid. L’attesa di riprendere la scuola è stata molto sofferta da tutti negli ultimi mesi anche dagli adulti, genitori, docenti e personale della scuola. Infatti, senza la scuola non si può vivere! È troppo importante per ciascuno di voi e di noi, perché nella scuola sta il futuro del nostro Paese e la speranza di far crescere persone mature e consapevoli, pronte ad assumersi negli anni a venire tutte le responsabilità che fanno progredire la società e il mondo.

Ma l’emergenza non è ancora finita. Occorre che nei prossimi mesi sappiate tutelare con prudenza la vostra vita, la vostra salute e quella degli altri, in particolare dei più fragili, dei malati e degli anziani, ancora oggi i più esposti al rischio del contagio. Tornate, però, con fiducia e con la voglia di imparare che i vostri insegnanti sono pronti a soddisfare come sempre. Tornate con ottimismo ed allegria per dire a tutti che fare cultura tra i banchi è uno straordinario modo per sentirsi importanti, attivi ed uniti con l’obiettivo di vincere l’ignoranza, l’indifferenza, il qualunquismo, la faciloneria, la noia e la paura.

Tornate con il desiderio di donare amore, amicizia e solidarietà. Sono sentimenti che si coltivano a scuola, si imparano, si approfondiscono. Tornate con la convinzione di farcela, di vincere la pigrizia e di vedere nello studio un importante stimolo per entrare in voi stessi, per cercare il vero ed il bello, per affermare la vostra personalità e per trovare un senso alle vostre aspirazioni. Tornate accompagnati dalla presenza e dal supporto amorevole e fedele dei vostri cari e dall’incoraggiamento della preghiera del Vescovo che non ha mai smesso di pensarvi e spera di incontrarvi prima o poi, magari nelle scuole. Buon anno scolastico!“.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: