Economia

Imprenditoria femminile più attiva con la crisi

Dopo la pausa estiva è ripresa l’attività del Comitato provinciale per lo Sviluppo dell’imprenditoria Femminile, riunitosi a inizio settembre a livello locale e alcuni giorni fa nell’ambito del coordinamento ligure dei Comitati dell’imprenditoria femminile. I temi principali affrontati dal Comitato sono il sostegno alle imprese in rosa con formazione e aggiornamento, e l’accesso al credito.

Argomenti che verranno affrontati in un convegno, in programma entro l’autunno,  per fare il punto sullo stato dell’imprenditoria femminile locale, anche nell’ottica delle misure recentemente varate dal Governo a sostegno delle nuove imprese, sul microcredito  e sul credito alle imprese, un problema molto sentito da tutto il mondo imprenditoriale. “Un altro tema al quale lavoriamo costantemente  e che è di fondamentale importanza per le nostre imprenditrici – dice Annamaria Torterolo (nella foto), presidente del Comitato – sono la formazione e l’aggiornamento, aspetti fondamentali per condurre ed aprire un’impresa. Ma, volendo vedere le cose in positivo, è importante anche fare in modo che le imprenditrici non si trovino impreparate nel momento in cui questa crisi sarà superata. La reazione è stata comunque positiva: dai dati, infatti, risulta che le imprese guidate da donne siano meno insolventi rispetto a quelle guidate da imprenditori uomini”.
Secondo i dati elaborati dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio su dati Infocamere (al 31 dicembre 2011) le imprese in rosa nel Savonese sono 8.554, con un’incidenza del 26,7% sul totale, suddivise tra: commercio (2.373); agricoltura e attività connesse (1.506; turismo (1.308); servizi alle imprese (915); attività manifatturiere, energia, minerarie (401); costruzioni (362); assicurazioni e  credito (146); trasporti e spedizioni (65). Ci sono poi 975 imprese “in rosa” attive in altri settori e 503 non classificate.
Il  Comitato provinciale per lo Sviluppo dell’imprenditoria Femminile è composto da Annamaria Torterolo, presidente e rappresentante del Consiglio Camerale; Donatella Ramello (supplente Patrizia Galluzzo) per il commercio; Paola Freccero (supplente Sabrina Terzano) per l’artigianato; Federica Bagnasco (supplente Cristina Bolla) per l’industria; Cristiana Sechi per il turismo; Silvia Parodi (supplente Claudia Piccardi) , per l’agricoltura; Antonella Brandone per le cooperative; Graziella Mura (supplente Valeria Aizza) per l’associazionismo economico femminile; Leila Caola in rappresentanza delle organizzazioni sindacali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: